Los Angeles Lakers vs Denver Nuggets L 105-112 (15-18)


Prosegue l’”ottimo” momento dei Lakers targati Mike D’Antoni che nella notte perdono in casa pure contro i Nuggets e rimangono senza vittorie in questo 2013 iniziato, se possibile, pure peggio rispetto al 2012.
L’allenatore dei giallo vola, dopo le dure critiche ricevute da tutta la stampa losangelena, rimescola ulteriormente le carte e dimostra una qual certa confusione, riportando Gasol maggiormente in post e pescando dalla panchina Jamison come primo cambio dei lunghi. Mischiando i fattori, comunque, il risultato non cambia e l’unico lungo a salvarsi è Howard, 14 punti e 26 rimbalzi.

Il primo tempo è sostanzialmente in equilibrio: ridicola la difesa dei Lakers nel primo quarto, decente a tratti nel secondo: 60 pari all’intervallo. L’equilibrio rimane anche nel terzo periodo con un’estrema ed ostinata ricerca della conclusione da 3 punti da parte di entrambe le squadre: ben 54 i tentativi da dietro l’arco a fine gara.
Sul finale di quarto, guidati dall’esperienza di Andre Miller, gli ospiti piazzano il 7-1 che vale il +6 sull’89-83.

Ad inizio degli ultimi 12’ gli ospiti con Brewer trovano il canestro da 3 punti che vale il +9. Kobe prova a riportare i suoi a contatto, ma ancora una volta a far male ad L.A. è un play: 5-0 firmato Ty Lawson e +10 Denver. Invece di sprofondare, con la forza della disperazione, Bryant rimonta da solo portando gli avversari ad un solo tiro di distanza, 102-105, con poco più di 35 secondi sul cronometro.

Gallinari con un canestro da 3 punti chiude la partita. Buio pesto allo Staples: i playoffs grazie alla genialità dell’allenatore, mista all’incosistenza del roster sono sempre più un miraggio.

(f.r.)


Lakersland.it © 2006-2019