Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

News dal mondo


Recommended Posts

10 hours ago, COOPapERino21 said:

Secondo me stringono ora (o meglio settimana prossima) per provare a salvaguardare l'economia "natalizia"; solo se la situazione sarà insostenibile per le TI si andrà in lockdown (possibilmente locali).

In realtà non sarebbe nemmeno un male in assoluto; lo stato centrale fornisce le linee guida "nazionali" (ovvero un livello minimo) e localmente si può procedere con chiusure in caso di cluster: non ha senso bloccare una Regione (e meno che mai bloccare l'intera nazione) se il cluster è in un Comune (o in un territorio spazialmente delimitato). 

mai detto ne pensato questo.

Sostengo invece che ci siano troppi attori in ballo ( e anche troppi galli), non certo a causa pandemia ma a causa di un sistema di decentralizzazione di poteri e responsabilitá che necessariamente chiama in causa tutte le realtá territoriali, dal sindaco fino al governo nazionale.

In un contesto normale questa ripartizione puó magari essere efficace (lo é, in Italia, in un contesto normale?). In piena emergenza fa acqua da tutte le parti.

Il concetto di "chiusura localizzata" é estremamente eterogeneo. Non esiste certo una barra tra raggio 0 e raggio 100 (km) che indichi dove sia giusto fermarsi, in caso di lockdown locale. Bisogna chiudere un quartiere? una cittá? un raggio di 50 km? una provincia?

Io questo non lo so, ma invece di discutere la bontá e efficacia delle misure stiamo ancora discutendo chi queste misure le deve prendere. Perché per la pancia del Paese si tratta di misure impopolari, le istituzioni lo sanno e in piena tradizione italica non fanno che passarsi la palla che scotta.

Poi ci sarebbe l'altro strumento magico di questi mesi e anni: le taskforce. Anche di questo ne riparleremo tra una ventina di anni.

Qualcuno sa che fine ha fatto il piano Colao? o i documenti di programmazione degli "stati generali"?

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 6.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il sistema sanitario non era assolutamente pronto ad affrontare questo virus: gli ospedali sono andati in tilt ed anche per questo, ma non solamente, sono morte tante persone... tra cui mio padre

Cosa ho fatto di male per leggere ancora affermazioni quali "meno di diritti dei cani" o "lo Stato continua a vendere tabacco": sono estremismi che non tengono conto di esigenze fisiologiche (il cagar

ma sarà pieno di asintomatici ancora, figuratevi quanti ne usciranno ancora in tutta italia.  succede da noi perché siamo un popolo senza regole e cultura,  con un governo che si è permesso di no

Posted Images

10 hours ago, Magic Luke said:

mai detto ne pensato questo.

Sostengo invece che ci siano troppi attori in ballo ( e anche troppi galli), non certo a causa pandemia ma a causa di un sistema di decentralizzazione di poteri e responsabilitá che necessariamente chiama in causa tutte le realtá territoriali, dal sindaco fino al governo nazionale.

In un contesto normale questa ripartizione puó magari essere efficace (lo é, in Italia, in un contesto normale?). In piena emergenza fa acqua da tutte le parti.

Il concetto di "chiusura localizzata" é estremamente eterogeneo. Non esiste certo una barra tra raggio 0 e raggio 100 (km) che indichi dove sia giusto fermarsi, in caso di lockdown locale. Bisogna chiudere un quartiere? una cittá? un raggio di 50 km? una provincia?

Io questo non lo so, ma invece di discutere la bontá e efficacia delle misure stiamo ancora discutendo chi queste misure le deve prendere. Perché per la pancia del Paese si tratta di misure impopolari, le istituzioni lo sanno e in piena tradizione italica non fanno che passarsi la palla che scotta.

Poi ci sarebbe l'altro strumento magico di questi mesi e anni: le taskforce. Anche di questo ne riparleremo tra una ventina di anni.

Qualcuno sa che fine ha fatto il piano Colao? o i documenti di programmazione degli "stati generali"?

 

Però il problema allora è il personale politico e non il sistema di ripartizione dei poteri: il secondo lo si potrebbe cambiare il primo anche... ma si passa da un voto e se hai questi rappresentanti non punterei su un rapido miglioramento del personale politico italiano.

I Governatori ed i Sindaci fanno i fenomeni quando le misure le prende qualcun altro... quando tocca decidere a loro si lamentano. The same old story...

 

Link to post
Share on other sites

La metto qua... Nando Gaviria al Giro positivo al Covid. Era già stato positivo, mi sembra il primo ciclista in assoluto, e poi guarito a marzo all'Uae Tour

 

😶

Link to post
Share on other sites
13 hours ago, COOPapERino21 said:

Però il problema allora è il personale politico e non il sistema di ripartizione dei poteri: il secondo lo si potrebbe cambiare il primo anche... ma si passa da un voto e se hai questi rappresentanti non punterei su un rapido miglioramento del personale politico italiano.

I Governatori ed i Sindaci fanno i fenomeni quando le misure le prende qualcun altro... quando tocca decidere a loro si lamentano. The same old story...

 

che sia anche un problema di personale politico non lo metto in dubbio. Se sia piú un problema di personale politico o piú un problema di ripartizione delle responsabilitá, questo non sono in grado di dirlo.

Anche in Francia comunque ci sono stati gli stessi problemi tra sindaci, prefetti, regioni e governo centrale ma in gran parte dei casi hanno riguardato poche realtá locali (mi pare Marsiglia e forse Bordeaux).

In Italia ci stanno Conte & co, poi ci sta Fontana, Gallera, ci stanno Toti, Zaia, De Luca, Emiliano...e poi si arriva a Decaro e al comitato dei sindaci.

Forse l'incapacitá di troppi tra questi attori ha messo in crisi il sistema? Non é comunque tutto o bianco o nero, ma ci stanno molte tonalitá di grigio.

A mio modestissimo avviso ci sta probabilmente un intermediario di troppo. Per non parlare delle inutili taskforce su questo o quel tema, che hanno lo stesso ruolo delle famose commissioni di inchiesta parlamentare: prender tempo e buttare la palla in tribuna.

Link to post
Share on other sites
19 hours ago, Magic Luke said:

che sia anche un problema di personale politico non lo metto in dubbio. Se sia piú un problema di personale politico o piú un problema di ripartizione delle responsabilitá, questo non sono in grado di dirlo.

Anche in Francia comunque ci sono stati gli stessi problemi tra sindaci, prefetti, regioni e governo centrale ma in gran parte dei casi hanno riguardato poche realtá locali (mi pare Marsiglia e forse Bordeaux).

In Italia ci stanno Conte & co, poi ci sta Fontana, Gallera, ci stanno Toti, Zaia, De Luca, Emiliano...e poi si arriva a Decaro e al comitato dei sindaci.

Forse l'incapacitá di troppi tra questi attori ha messo in crisi il sistema? Non é comunque tutto o bianco o nero, ma ci stanno molte tonalitá di grigio.

A mio modestissimo avviso ci sta probabilmente un intermediario di troppo. Per non parlare delle inutili taskforce su questo o quel tema, che hanno lo stesso ruolo delle famose commissioni di inchiesta parlamentare: prender tempo e buttare la palla in tribuna.

Che ci sia un "intermediario" di troppo ci può stare: non credo però che sia un problema di decentramento (i numeri darebbero ragione alla Germania federale) ma di come viene formato il personale politico... guarda ora... a capo dei principali partiti italiani ci sono la Meloni che nel CV può vantare un'esperienza da cameriera, Salvini manco quella, Di Maio steward al San Paolo... gli unici politici che possono presentare un curriculum sono Calenda e... boh??? poi devi rivolgerte lo sguardo al Presidente del Consiglio ed al Presidente della Repubblica (che sempre sia lodato). Da dove sono usciti questi scappati di casa? Il personale politico dovrebbe avere un cursus honorum: in uno stato federale o comunque con livelli di autonomia ben definiti il personale politico che si metta in mostra per le sue capacità di governo negli enti locali sale ai livelli superiori di governo: in Italia? Solo "pianto e stridor di denti"

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Penso che questa crisi ha dimostrato, se ci fosse stato ancora bisogno, che in una realtà come quella italiana qualunque concetto di decentralizzazione, federalismo o simili è una scempiaggine concettuale.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
3 hours ago, keitaro said:

Penso che questa crisi ha dimostrato, se ci fosse stato ancora bisogno, che in una realtà come quella italiana qualunque concetto di decentralizzazione, federalismo o simili è una scempiaggine concettuale.

E pensa che la politica italiana dei prossimi 10 anni andrà in quella direzione 

Link to post
Share on other sites
On 10/22/2020 at 4:14 AM, COOPapERino21 said:

Che ci sia un "intermediario" di troppo ci può stare: non credo però che sia un problema di decentramento (i numeri darebbero ragione alla Germania federale) ma di come viene formato il personale politico... guarda ora... a capo dei principali partiti italiani ci sono la Meloni che nel CV può vantare un'esperienza da cameriera, Salvini manco quella, Di Maio steward al San Paolo... gli unici politici che possono presentare un curriculum sono Calenda e... boh??? poi devi rivolgerte lo sguardo al Presidente del Consiglio ed al Presidente della Repubblica (che sempre sia lodato). Da dove sono usciti questi scappati di casa? Il personale politico dovrebbe avere un cursus honorum: in uno stato federale o comunque con livelli di autonomia ben definiti il personale politico che si metta in mostra per le sue capacità di governo negli enti locali sale ai livelli superiori di governo: in Italia? Solo "pianto e stridor di denti"

ma non é che hai torto nel definire questa classe politica come una massa di arrivisti e nullitá, specialmente alla testa dei partiti.

Il problema é che se bastasse avere un buon cursus honorum per poter fare buona politica...la prima repubblica non sarebbe mai naufragata :asd

E parlare di "competenze" é argomento pericoloso, perché qualcuno potrebbe allora dire che basta mettere al governo dei competenti...ops, ci abbiamo giá provato ed é andata male :asd

Non possiamo trasformare la democrazia in tecnocrazia, ma la democrazia deve prendersi le sue responsabilità. Perché i Salvini & co, che non siedono mai in parlamento (europeo ed italiano) ma stanno sempre a fare propaganda in tv o nelle piazze, sono stati votati dagli elettori.

Quindi il mio discorso torna al punto di partenza: in questo contesto, mi pare si siano seduti attorno al tavolo troppi attori e soprattutto troppi galli.

ieri per esempio in Francia (che ha problemi sociali e politici non da meno dell'Italia), il governo ha deciso il coprifuoco (la cui efficacia resta da dimostrarsi, ndr) per 46 milioni di francesi. senza passare dai dipartimenti, dalle regioni, dai comuni. Perché non c'é piú tempo, anzi forse é troppo tardi.

Noi invece continuiamo ad assistere a liti quotidiane, non per ultima quella tra la Azzolina e qualche presidente di regione (sempre i soliti, i "galli") sul conflitto causato dalla didattica a distanza.

Link to post
Share on other sites
10 hours ago, Magic Luke said:

ma non é che hai torto nel definire questa classe politica come una massa di arrivisti e nullitá, specialmente alla testa dei partiti.

Il problema é che se bastasse avere un buon cursus honorum per poter fare buona politica...la prima repubblica non sarebbe mai naufragata :asd

E parlare di "competenze" é argomento pericoloso, perché qualcuno potrebbe allora dire che basta mettere al governo dei competenti...ops, ci abbiamo giá provato ed é andata male :asd

Non possiamo trasformare la democrazia in tecnocrazia, ma la democrazia deve prendersi le sue responsabilità. Perché i Salvini & co, che non siedono mai in parlamento (europeo ed italiano) ma stanno sempre a fare propaganda in tv o nelle piazze, sono stati votati dagli elettori.

Quindi il mio discorso torna al punto di partenza: in questo contesto, mi pare si siano seduti attorno al tavolo troppi attori e soprattutto troppi galli.

ieri per esempio in Francia (che ha problemi sociali e politici non da meno dell'Italia), il governo ha deciso il coprifuoco (la cui efficacia resta da dimostrarsi, ndr) per 46 milioni di francesi. senza passare dai dipartimenti, dalle regioni, dai comuni. Perché non c'é piú tempo, anzi forse é troppo tardi.

Noi invece continuiamo ad assistere a liti quotidiane, non per ultima quella tra la Azzolina e qualche presidente di regione (sempre i soliti, i "galli") sul conflitto causato dalla didattica a distanza.

Sono d'accordo praticamente su tutto... anche perché le "competenze" sono certamente rinvenibili nel personale tecnico degli uffici ministeriali (come in quelli degli enti locali) e delle Assemblee parlamentari: il problema è che spesso il politico va per una sua strada (di convenienza politica appunto) senza tenere in considerazione le competenze a cui potrebbe attingere.

Sul caso della Francia... in realtà anche in Italia (che ha fatto suoi i princìpi di sussidiarietà nell'art. 118) la Costituzione consente di agire perché se l'art. 117 prevede che "Nelle materie di legislazione concorrente [ndr la tutela della salute rientra in tale ambito] spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato" è altresì vero che l'art. 120 stabilisce che "Il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, delle Città metropolitane, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l'incolumità e la sicurezza pubblica..."

Il problema è che i Governatori (ed i Sindaci) sono bravissimi a non assumersi le proprie responsabilità e quando decidono lo fanno per mettersi in mostra a livello nazionale (i "galli" di cui scrivevi tu).

Il Comitato scientifico locale aveva invitato Toti (cazzaro di prima grandezza, giova ricordarlo...

a posticipare l'inizio delle lezioni (che sarebbero state interrotte di lì a poco per le amministrative ed il referendum) per consentire una migliore organizzazione delle attività scolastiche e logistiche: ovviamente il nostro per non rischiare di perdere consenso se n'è bellamente fottuto salvo poi trovarsi, unica regione italiana, in questa situazione: https://www.ilsecoloxix.it/italia/2020/09/25/news/la-svizzera-insiste-liguria-nella-lista-nera-covid-impossibile-differenziare-dentro-una-regione-1.39353380

 

Link to post
Share on other sites

Mi ricordi il mio sistemista di fiducia che impostava la soglia di warning di saturazione disco dei server al 90% e quella di danger al 95%. 

Al 100% mandava mail e sms. 

 

  • Like 1
  • Haha 2
Link to post
Share on other sites
10 minutes ago, sonato arctico said:

Mi ricordi il mio sistemista di fiducia che impostava la soglia di warning di saturazione disco dei server al 90% e quella di danger al 95%. 

Al 100% mandava mail e sms. 

 

Non ti preoccupare, ci penserà lo sceriffo a spiegare quello che (non) ha combinato e che combina.

Link to post
Share on other sites

Chiudere tutto, non chiudere tutto, non lo so.

ho solo l'impressione (piuttosto netta) che se a marzo ci si è chiusi dentro senza tanto protestare, oggi le cose sarebbero diverse. La gente ha capito che le mancanze di questa seconda ondata è tutta da imputare al Governo, e soprattutto SA BENE che gli aiuti economici non arrivano, o quando arrivano sono elemosine. Inoltre, ciliegina sulla torta, in Tv gli esponenti del governo (Premier compreso) ripetono sempre con faccia tosta che hanno aiutato tutti e che anche ora aiuteranno tutti. Ceeeerto....

Quindi, all'incazzatura si unisce pure la presa per il culo.

Ho paura che a sto giro non si chiuderanno in casa così docilmente come la prima volta.

Gli italiani sono un popolo sostanzialmente pacifico, che assorbe ogni cosa, che non incendia le piazze come in altri paesi - anche assai vicini al nostro. Però se si tira troppo la corda e nelle case i bambini, i figli, iniziano a dire "papà ho fame" dubito che questa pacatezza possa continuare a lungo...   

Inverno lungo.

Link to post
Share on other sites
2 hours ago, LA Confidential said:

Bah, lo spiegherà lui a quelli che andranno in piazza dopo aver chiuso bottega, che fa il lockdown con 95% fisso di asintomatici e 20% TI occupate.

 

A me De Luca piace zero e in questi mesi non ha fatto un cazzo per prepararsi a questo autunno/inverno (come tutti gli altri d'altronde, eh), ma mi spieghi, di grazia, cosa mi dovrebbe significare 'sta statistica degli asintomatici?

Fin quando l'epidemia gira poco è un conto, ma se c'hai 200.000 contagiati il 5% di sintomatici significa che ce ne sono 10.000 sintomatici, al ritmo in cui stiamo viaggiando tra un paio di settimane ne avrai 400.000 e quindi 20.000 sintomatici. E siamo al 23 di Ottobre eh, non a fine inverno.

E non sto entrando nel merito di lockdown o non lockdown. Volevo solevo capire in che modo il fatto che ci sia il 95% di asintomatici possa contare qualcosa in un'epidemia che viaggia a questi ritmi.

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

I numeri di LAC purtroppo sono solo fuorvianti, perché in Campania la situazione non è affatto tranquilla e c'è la forte preoccupazione che si possa finire davvero malissimo da qui a 1 o 2 settimane. Il lockdown è una misura preventiva, non curativa.

Detto ciò, De Luca e la sua amministrazione ha fatto troppo poco in questi mesi per poter contenere una seconda ondata così potente. Ed alla luce del fatto che in Campania sono venuti in tanti in vacanza e tanti campani sono usciti fuori a Luglio ed Agosto, non ci voleva Nostradamus per predire una situazione così negativa dopo 2 o 3 mesi.

Link to post
Share on other sites
14 hours ago, COOPapERino21 said:

Sono d'accordo praticamente su tutto... anche perché le "competenze" sono certamente rinvenibili nel personale tecnico degli uffici ministeriali (come in quelli degli enti locali) e delle Assemblee parlamentari: il problema è che spesso il politico va per una sua strada (di convenienza politica appunto) senza tenere in considerazione le competenze a cui potrebbe attingere.

Sul caso della Francia... in realtà anche in Italia (che ha fatto suoi i princìpi di sussidiarietà nell'art. 118) la Costituzione consente di agire perché se l'art. 117 prevede che "Nelle materie di legislazione concorrente [ndr la tutela della salute rientra in tale ambito] spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato" è altresì vero che l'art. 120 stabilisce che "Il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, delle Città metropolitane, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l'incolumità e la sicurezza pubblica..."

Il problema è che i Governatori (ed i Sindaci) sono bravissimi a non assumersi le proprie responsabilità e quando decidono lo fanno per mettersi in mostra a livello nazionale (i "galli" di cui scrivevi tu).

Il Comitato scientifico locale aveva invitato Toti (cazzaro di prima grandezza, giova ricordarlo...

a posticipare l'inizio delle lezioni (che sarebbero state interrotte di lì a poco per le amministrative ed il referendum) per consentire una migliore organizzazione delle attività scolastiche e logistiche: ovviamente il nostro per non rischiare di perdere consenso se n'è bellamente fottuto salvo poi trovarsi, unica regione italiana, in questa situazione: https://www.ilsecoloxix.it/italia/2020/09/25/news/la-svizzera-insiste-liguria-nella-lista-nera-covid-impossibile-differenziare-dentro-una-regione-1.39353380

 

tutto vero Papero, ma quello che scrivi riguardo alle regioni (e ai sindaci) si ricollega con quanto scritto nel mio primo post: alcune regioni sono state in campagna elettorale causa elezioni. Quindi si é pensato a fare propaganda e non certo a prendere misure giuste ma magari impopolari.

L'emblema di tutto questo mi pare ad esempio Emiliano, con il blocco dei locali notturni a babbo morto quando la stagione era finita. Figuriamoci se in piena campagna elettorale Emiliano si fosse messo a chiudere i locali notturni ad inizio luglio :asd

peró siamo sempre al solito discorso: i Toti, De Luca, Emiliano e compagnia, sono stati recentemente rieletti. Chi li ha votati? Ci rendiamo conto solo oggi che non hanno fatto in larga parte ció che avrebbero dovuto fare per prepararsi all'autunno? dov'erano gli elettori, quando si trattava di mandarli a casa?

Link to post
Share on other sites
11 hours ago, Alevin said:

A me De Luca piace zero e in questi mesi non ha fatto un cazzo per prepararsi a questo autunno/inverno (come tutti gli altri d'altronde, eh), ma mi spieghi, di grazia, cosa mi dovrebbe significare 'sta statistica degli asintomatici?

Fin quando l'epidemia gira poco è un conto, ma se c'hai 200.000 contagiati il 5% di sintomatici significa che ce ne sono 10.000 sintomatici, al ritmo in cui stiamo viaggiando tra un paio di settimane ne avrai 400.000 e quindi 20.000 sintomatici. E siamo al 23 di Ottobre eh, non a fine inverno.

E non sto entrando nel merito di lockdown o non lockdown. Volevo solevo capire in che modo il fatto che ci sia il 95% di asintomatici possa contare qualcosa in un'epidemia che viaggia a questi ritmi.

 

Non è che tutti i sintomatici finiscano in TI eh...ci sarà la quota di quelli in isolamento domiciliare, quelli che vengono ricoverati e neanche avevano necessità di esserlo, altri che vengono dimessi dopo qualche gg.

A Maggio le TI erano vuote. A Novembre abbiamo il 15% occupate con altre 4000 attivabili on demand, alcune regioni sul 20%. Sarei curioso di vedere dati di altri anni. Sui sei mesi, considerando ci dovrebbe essere una pandemia pericolosissima, sconosciuta ed imprevedibile, non mi sembra proprio una progressione da catastrofe, per quanto nelle ultime settimane ci sia stata un'impennata. E' chiaro che abbiamo lo spauracchio di quanto successo in Primavera, ma dovremmo avere nel complesso anche una migliore gestione. 

Non lo so, a me sembra tutto un po' paradossale. Questa epidemia non è che si sia messa a girare ad Agosto perchè la gente è andata al mare, a Settembre perchè i ragazzi sono tornati a scuola o ad Ottobre perchè gli universitari, iniziate le lezioni, hanno iniziato a fare le apericene post-corsi assieme ad i movidisti.

Ha sempre girato, si facevano meno tamponi. Ma ha sempre girato. Chiaramente ora gira un po' di più, basta vedere le percentuali delle positività sui tamponi.

Praticamente ci siamo messi in testa di rincorrere il contagio zero in una pandemia statisticamente di asintomatici, con gli asintomatici o i pauci che neanche sanno di esserlo, quando saranno milioni in Italia e nel mondo vicino al miliardo. Un virus ormai endemico. 

Non so dove si voglia andare, sinceramente. 

Link to post
Share on other sites
9 hours ago, Kobe N1 said:
Ehm.......immagino tutti negozianti che non potranno lavorare...

Immagino...

sottovalutiamo pure.

Magari ci sono il 90% di teppisti dimmerda là in mezzo, ma che sotto la cenere ci sia molto malumore è un dato di fatto. Se non si può lavorare, non si può guadagnare, si deve stare zitti e morire lentamente abbracciati alla propria famiglia...allora io prima spacco tutto e poi caso mai crepo.

Cosa vuol dire fare il coprifuoco alle 23, quando poi alle 7 c'è il macello in tram, autobus e metro?????

è come se io volendo fare dieta elimino la pasta e poi mi sbrano un  1Kg di pane con il salame. Cosa avrei risolto?? si incazzano solo quelli che producono la pasta al limite :asd 

Link to post
Share on other sites

La manifestazione era più scontata della carne all'Eurospin, però lì in mezzo c'era la gente di Forza Nuova e c'erano i gruppi ultras: gente di me' che nulla ha a che fare con quello che può essere il malcontento di un commerciante che sa che un altro lockdown significa fallimento.

Io mi sono un bel po' vergognato ieri sera, perché quella roba lì non mi appartiene eppure io sono della stessa città di questa gente.

Capisco il malcontento di un commerciante, ripeto. E capisco anche che la disperazione di un padre di famiglia che teme di non poter più portare cibo in casa supera qualsiasi razionalità possibile. Ma ieri sera non è accettabile ciò che è successo perché per la maggior parte di quelle persone è stato solo un pretesto per far casino.

Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Alevin said:

Tra l'altro ora ho capito da dove era uscita la cosa del 95% di asintomatici :asd

Nuovo eroe dopo il premio nobel (cit.) Tarro :asd

 

Veramente io guardavo i bollettini delle regioni più colpite, Lombardia e Campania, nel momento in cui si fanno più tamponi di sempre. Hanno da più giorni cifre molto più vicine al 95% che al 55%.

Saranno una fotografia più attuale della diffusione del virus e dei suoi effetti, piuttosto del bollettino agglomerato fin qui.

Che poi, anche in quello, che viene fuori, sommando asintomatici, pauci e lievi: 95%.

Poi fa ridere che i feticisti delle curve e dei grafici discutano Palù Presidente associazione italiana ed europea di virologia.

Ma poi, più che dirvelo loro in tutte le lingue da giorni. "Dobbiamo liberare ospedali", "stiamo facendo ricoveri sociali", "abbiamo centinaia di asintomatici ricoverati", "abbiamo troppi con sintomi lievi" etc. 

File di dieci ore per farsi un tampone, gente che non ha neanche mezzo sintomo.

Certo che è un'isteria collettiva, come la si vuole definire.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.