Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

News dal mondo


Recommended Posts

19 hours ago, federex said:

Il sistema sanitario non era assolutamente pronto ad affrontare questo virus: gli ospedali sono andati in tilt ed anche per questo, ma non solamente, sono morte tante persone... tra cui mio padre

Condoglianze sincere. Un abbraccio.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 6.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il sistema sanitario non era assolutamente pronto ad affrontare questo virus: gli ospedali sono andati in tilt ed anche per questo, ma non solamente, sono morte tante persone... tra cui mio padre

Cosa ho fatto di male per leggere ancora affermazioni quali "meno di diritti dei cani" o "lo Stato continua a vendere tabacco": sono estremismi che non tengono conto di esigenze fisiologiche (il cagar

ma sarà pieno di asintomatici ancora, figuratevi quanti ne usciranno ancora in tutta italia.  succede da noi perché siamo un popolo senza regole e cultura,  con un governo che si è permesso di no

Posted Images

4 hours ago, Magic Luke said:

non credevo di dover risentire parlare, nel 2020, del Pio Albergo Trivulzio

sarà stato un caso l'emendamento proposto quasi di nascosto proprio il giorno prima esplodesse il caso; e ritirato in fretta e furia appena sgamata la magagna.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
10 hours ago, Tony Brando said:

sarà stato un caso l'emendamento proposto quasi di nascosto proprio il giorno prima esplodesse il caso; e ritirato in fretta e furia appena sgamata la magagna.

 

Link to post
Share on other sites

Su invito di @federex cerco di continuare a scrivere qualcosa di sensato.

Come scrissi già un mesetto fa in Lombardia devono venire fuori i nomi dei colpevoli, qui ci sono tante persone che hanno fatto male il loro lavoro e senza volerne la pelle almeno dovranno smettere di avere incarichi pubblici. Qua veramente non c'entra la fazione politica ma si tratta di persone che hanno anteposto gli interessi alla salute. 

Al Sud l'ondata non è arrivata, o meglio è arrivata come da tutte le parti ma ci si era preparati proprio come ci si poteva preparare in Lombardia se l'esimia commissione scientifica avesse dato allarme ad inizio Febbraio quando le morti per polmoniti anomale in Lombardia erano già tante. Al Cotugno zero contagiati tra gli operatori è segno che se sai cosa è puoi anche abbatterne la forza. Qua De Luca ha fatto la cosa che sa fare meglio, ha comandato a testa sua, ed ha fatto il massimo che si potesse fare anticipando sempre il governo.

Per me il ritorno alla normalità non sarà questo trauma di cui parlano, ormai conosciamo il nemico e se i pazienti diminuiscono in intensiva o dall'intensiva escono come sta accadendo qua a Napoli è perché il virus ha perso di efficacia.  O meglio secondo me si inizia a capire cosa fare, come trattarlo, tempi di infusione di farmaci e che tipo di farmaci per ogni paziente.  La medicina sconfiggerà il Corona anzi probabilmente già lo sta sconfiggendo. 

Vi lascio un dato da interpretare, eslusa Lombardia Emilia e Veneto i morti nel 2019 nello primo trimestre sono stati di più dei morti nel trimestre 2020.

Link to post
Share on other sites
2 hours ago, COOPapERino21 said:

 

immagina una realtá dove dei politici ed amministratori del territorio non conoscono le leggi e normative che possono/non possono esercitare.

ma per l'italiano medio immagino vada tutto bene, é la regola no?

Link to post
Share on other sites

“In tempi non sospetti abbiamo spiegato che le imprese manifatturiere, quelle che tengono in piedi il Paese, la sanità, la scuola e tutto il resto, non si spengono con un click come pensa qualcuno a Roma. Sappiano pure che, purtroppo, vale anche l’inverso, ovvero che nemmeno si riaccendono con un click, soprattutto dopo un lungo e ancora indefinito stop di questa portata, con una crisi di liquidità che sarà devastante per moltissime PMI. Aziende che danno lavoro, mica speculatori finanziari o gente che gioca con i miliardi altrui come ridere”, le parole del Presidente di Confindustria Vicenza Luciano Vescovi riflettono le preoccupazioni raccolte tra le imprese vicentine, specialmente a seguito il prolungamento del blocco fino al 13 aprile, in quella che è la provincia con l’export pro capite più alto d’Italia e tra i più alti d’Europa.

“Spero che anche chi va illusoriamente predicandola sappia che la tesi per cui, alla ripresa, ci sarà un rimbalzo strepitoso, la cosiddetta curva a V, non troverà riscontro nella realtà. La ripartenza sarà difficilissima per chi riuscirà a ripartire perché, siamo seri con le persone, c’è chi non ripartirà. Si sappia anche che ogni giorno che passa - con le aziende chiuse in questa maniera a prescindere dal fatto che abbiano o meno messo in campo tutti i dispositivi di sicurezza, a partire dalla distanza di un metro (in tantissime realtà la distanza è di decine di metri) - segna la fine di qualche centinaio di aziende che chiuderanno per sempre. Quindi, giusto per smettere di prendere in giro le persone, che nessuno perda il lavoro è un’utopia. In questo senso, se si vogliono limitare i danni, il decreto aprile deve essere serio, con le risorse allocate con criterio, non certo come il precedente che ha sganciato gli ennesimi 600 milioni ad un’azienda decotta da anni, per non parlare di quelli che vogliono premiare con un bel reddito o altre prebende coloro che da sempre non pagano le tasse con le quali, come collettività, teniamo invece in piedi gli ospedali. Bisogna essere razionali, basta sprechi e altre sciocchezze, tutte le risorse che servono vanno ricercate sul fondo di ogni barile: basta con le rendite di posizione, a partire da chi riceve dallo Stato oltre una decina di migliaia di euro al mese, tutti i mesi, a prescindere da come va il Paese”.

La richiesta principale, però, degli imprenditori è di riaprire il prima possibile, ovviamente con le più strette e stringenti misure di sicurezza e tutela della salute in campo: “Dobbiamo pensare a come gestire il ‘new normal’, che sarà diverso dal vecchio mondo che forse è il caso di dimenticarci per un po’. Quello che non può cambiare è il fatto per cui le imprese devono generare liquidità per se stesse, per le persone che vi lavorano, per il territorio in cui agiscono, per sostenere, nella giusta misura, lo Stato, la sanità, la scuola, la forza pubblica. Non può essere che le imprese assorbano la liquidità dello Stato se non per un brevissimo periodo, altrimenti il Paese crolla: è brutto da dire ma purtroppo non ci vuole un genio per capire che le cose stanno così. Quindi la risposta è una sola: affrontare l’emergenza con raziocinio e senza l’ansia dell’annuncite, ma bisogna puntare a riaprire le aziende, definendo con scrupolo estremo e controllando con rigore militare le misure e norme di sicurezza che la scienza e la medicina vanno a stabilire. Però vediamo di porre un termine alla chiusura delle aziende a prescindere”.

Il Presidente degli Industriali di Vicenza lancia poi un monito alla burocrazia: “Le imprese sono pronte a fare qualsiasi cosa per tutelare i singoli e la collettività, l’avevano già fatto a partire dal protocollo anti-contagio del 14 marzo firmato tra tutte le parti sociali e che poi, di fatto, i sindacati e il Governo hanno colpevolmente disconosciuto. Siamo pronti all’inasprimento del protocollo, basta che quando le imprese hanno fatto il loro dovere, non ci si metta di mezzo la burocrazia ottocentesca che ha dato in questi giorni la peggior prova di sé. Abbiamo letto di come le aziende siano già pronte per produrre quelle mascherine di cui c’è maledettamente bisogno e di come tutto sia fermo a causa di procedure fuori dal tempo. Sull’INPS non c’è nemmeno da spendere una parola. Abbiamo già da affrontare due guerre, quella sanitaria e quella economica in parallelo, dobbiamo anche affrontare una guerra contro la burocrazia del nostro Paese?”.

Duro anche il commento sull’atteggiamento dell’Europa: "Basta parole, rinvii e perdite di tempo, se i Paesi che si stanno mettendo di traverso vogliono uscire anche loro dalla crisi che li colpirà, come colpirà tutti, dobbiamo uscirne insieme. Questo è. Ora, o arrivano gli strumenti finanziari veri o il mercato unico europeo rischia, e questo sarebbe un dramma per tutti, mica solo per noi. È incredibile come certuni non riescano a capirlo, una miopia che solo certa politica d'accatto può pensare di mettere in campo".

"Non è che abbiamo la smania di riaprire perché vogliamo fare i fenomeni, semplicemente perché ci sono 20 milioni di pensionati, 4 milioni di dipendenti pubblici, 10 milioni di partite iva chiuse, quindi qualcuno deve lavorare per mantenere questo sistema, perché se no c'è poco da fare, non è che con i debiti o con l'espansione del debito pubblico rimaniamo in piedi: crolliamo tra un mese, è questa la verità".
 

Link to post
Share on other sites

Probabilmente il Corona oltre al dramma reale che pesiamo tutti i giorni ci potrebbe aver fatto un unico singolo regalo, smascherare quella merda di Salvini. Ieri riprovevole da Floris ed in difficoltà caccia fuori la.figlia ed i compiti fatti con lei. Un uomo meschino che si atteggia di quanto fatto in Lombardia, ma non farebbe miglior figura a dire che impicchera' ad uno ad uno i responsabili ? Almeno terrebbe buono una parte dell'elettorato. Ma crede che a Bergamo e Brescia debbano anche ringraziarlo? Ma perché non si leva dai coglioni?

Link to post
Share on other sites

https://www.adnkronos.com/salute/sanita/2020/04/08/ferrari-lascia-presidenza-consiglio-ricerca-deluso_DMxH8suqeJFNUzEHVsnE2K.html

Quote

 

Lo scienziato italiano Mauro Ferrari si è dimesso dall'incarico di presidente del Consiglio europeo della ricerca (Erc), "deluso" dalla risposta europea all'emergenza Covid-19, come lui stesso ha annunciato in una lettera al 'Financial Times'.

"Ho rassegnato le dimissioni alla presidente Ursula von der Leyen. In questi mesi ho dedicato il mio tempo all'Erc, motivato dal mio entusiasmo per la grande reputazione di questa agenzia leader a livello mondiale, dal mio impegno per il sogno idealistico di un'Europa unita". Motivazioni, sottolinea con amarezza, "spazzate via da una realtà molto diversa, nel giro di appena tre mesi da quando ho assunto l'incarico. In tempo di emergenza le persone e le istituzioni tornano alla loro natura più profonda e rivelano il loro vero carattere".

Il nodo della questione, spiega lo stesso Ferrari, è la sua proposta di istituire, come Erc, un programma speciale per combattere Covid-19. Una mossa quasi dovuta, visto il pesante carico di "morti, sofferenza, trasformazione della società e devastazione economica", a danno soprattutto dei "più deboli". Ma "la proposta è stata respinta all'unanimità dall'organo di governo dell'Erc". Un secco no che ha "profondamente deluso" Ferrari.

"Chiedo scusa", esordisce nella lettera al Ft, ma "ora è tempo per me di tornare in frontiera, in prima linea nella lotta a Covid-19, con risorse e responsabilità reali, lontano dagli uffici di Bruxelles, dove le mie capacità politiche sono chiaramente inadeguate". Tornare "di nuovo al vero servizio di coloro che hanno bisogno di nuove soluzioni" che la scienza può dare.

Quote

Cer: "Ferrari si è dimesso perchè sfiduciato"

Secondo il Cer, però, il 27 marzo c'è stato nei confronti di Ferrari "un voto di sfiducia unanime" da parte dei "membri del Consiglio scientifico del Cer" a causa anche dei numerosi impegni di Ferrari "incompatibili con il mandato di presidente del consiglio scientifico". Il Cer, si legge nella nota, "prende atto con rammarico" delle dichiarazioni rilasciate dallo scienziato italiano, "che, nella migliore delle ipotesi, non dicono tutta la verità".

:chetristezza

 

Link to post
Share on other sites
3 hours ago, kekko110780 said:

Probabilmente il Corona oltre al dramma reale che pesiamo tutti i giorni ci potrebbe aver fatto un unico singolo regalo, smascherare quella merda di Salvini. Ieri riprovevole da Floris ed in difficoltà caccia fuori la.figlia ed i compiti fatti con lei. Un uomo meschino che si atteggia di quanto fatto in Lombardia, ma non farebbe miglior figura a dire che impicchera' ad uno ad uno i responsabili ? Almeno terrebbe buono una parte dell'elettorato. Ma crede che a Bergamo e Brescia debbano anche ringraziarlo? Ma perché non si leva dai coglioni?

nei sondaggi è sempre ampiamente il primo partito.

Link to post
Share on other sites

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/04/08/coronavirus-conte-alla-bild-ue-sia-allaltezza-della-sfida-altrimenti-ognuno-dovra-fare-per-se-delusione-non-e-mia-ma-di-tutti-gli-europei-abbiamo-bisogno-degli-eurobond-per-mantenere-competiv/5764686/

Di questo passo il recesso multilaterale in sincro e la ricomposizione in EuroAtlantica, EuroSiberia e SinoEuro avviene davvero...

La Francia a sorpresa sta con noi, mica male.

Link to post
Share on other sites
3 hours ago, Tony Brando said:

nei sondaggi è sempre ampiamente il primo partito.

Dicono abbia perso 10 punti....partiva al 34.....sta facendo abbastanza pena. Poi per me dopo quello che sto sentendo penso veramente che solo uno che non capisce lo può votare.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

ho visto Le Maire e mi pareva molto seccato dal naufragio degli accordi. Secondo me siamo vicini al naufragio dell'europa se si continua cosí.

Siamo al 9 di Aprile, ad un mese e mezzo dall'inizio dell'emergenza, e non ci sta ancora una linea comune.

Link to post
Share on other sites

Oggi il Parlamento Olandese ha sottoscritto due emendamenti che esortano il governo a tenere la linea dura contro gli EuroBond, il che non è vincolante ma dimostra, se c'è ne fosse ancora bisogno che l'Europa come era stata creata non esiste più o peggio non è mai esistita. 

Detto questo un'uscita dall'Euro solo dell'Italia sarebbe la catastrofe totale e quindi sconsigliabile dal punto di vita economico, mentre insieme ad altri paesi potrebbe creare sostanzailmente due Europe che si contrappongono. Nord contro Sud vi ricorda qualcosa?

Penso davvero che l'ago della bilancia in questa Situazione sia la Francia e la sua collocozione, nella scelta economica che si prenderà nelle prossime settimane/giorni.

Se  Macron sta con "Noi" abbiamo qualche speranza di raggiungere l'obbiettivo, altrimenti non so davvere dove si possa andare a parare.

Link to post
Share on other sites

boh aspettiamo. ora chiunque sta cercando di presentarsi vincente al proprio "pubblico": il governo dice che l'italia vince, l'opposizione che è una merda; i paesi del nord che il mes è con condizioni; la francia e la spagna sono soddisfatte. 

la realtà a quanto ho capito è che si devono praticamente discutere tutti i punti ancora e che il mes è senza condizioni per spese di natura medico-sanitaria per far fronte alla lotta al covid-19.

su tutto il resto c'è da aspettare. chiaro che in sede di trattativa ogni parte abbia alzato molto il tiro per cercare di ottenere il più possibile.  

Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Tony Brando said:

boh aspettiamo. ora chiunque sta cercando di presentarsi vincente al proprio "pubblico": il governo dice che l'italia vince, l'opposizione che è una merda; i paesi del nord che il mes è con condizioni; la francia e la spagna sono soddisfatte. 

la realtà a quanto ho capito è che si devono praticamente discutere tutti i punti ancora e che il mes è senza condizioni per spese di natura medico-sanitaria per far fronte alla lotta al covid-19.

su tutto il resto c'è da aspettare. chiaro che in sede di trattativa ogni parte abbia alzato molto il tiro per cercare di ottenere il più possibile.  

Io a Salvini chiederei a prestito quello che ha "guadagnato" (rectius incassato) in Parlamento ed alla Meloni di garantire per me... Tranquilli che accettano. Perché è sostanzialmente quello che chiedono all'Europa: domani ci provo... 😂

Letture consigliate:

 

 

Link to post
Share on other sites

cantano tutti vittoria, é chiaramente una boutade.

Io non ho le conoscenze in materia economica tali da poter formulare un mio pensiero, credo peró che davanti ad una crisi senza precedenti in termini di cause (é stata definita "esogena") forse bisognerebbe essere creativi con le risposte, altrimenti é un pó come curare un virus con un antibiotico.

Quello che mi sento di poter dire é che se l'alternativa all'Europa é la Cina, meglio tenersi l'europa. Guardare a quello che la Cina ha fatto e sta facendo in alcuni Paesi ex-coloniali africani, ora divenuti a tutti gli effetti succursali cinesi.

Un'altra cosa che nel mio piccolo mi sento di dire é che i capitali italiani andrebbero protetti e salvaguardati ad ogni costo, e mi pare che alcuni Paesi si siano giá mossi in questo senso. I predatori finanziari sono dietro l'angolo e lo Stato dovrebbe proteggere gli investimenti domestici.

Ma di Alitalia si sa qualcosa? :asd

Link to post
Share on other sites

Di certo se finiamo come la Grecia, come sento dire in giro, spero si abbia la decenza di non dire che è stato per colpa dell'Europa cattiva che non ci ha regalato soldi con l'emergenza del virus. Quanto per le disastrate politiche e comportamenti relativi avuti negli ultimi 40 anni. 

Era pieno di condizioni il piano Marshall dopo la guerra, figuratevi questo. 

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
9 hours ago, Magic Luke said:

cantano tutti vittoria, é chiaramente una boutade.

Io non ho le conoscenze in materia economica tali da poter formulare un mio pensiero, credo peró che davanti ad una crisi senza precedenti in termini di cause (é stata definita "esogena") forse bisognerebbe essere creativi con le risposte, altrimenti é un pó come curare un virus con un antibiotico.

Quello che mi sento di poter dire é che se l'alternativa all'Europa é la Cina, meglio tenersi l'europa. Guardare a quello che la Cina ha fatto e sta facendo in alcuni Paesi ex-coloniali africani, ora divenuti a tutti gli effetti succursali cinesi.

Un'altra cosa che nel mio piccolo mi sento di dire é che i capitali italiani andrebbero protetti e salvaguardati ad ogni costo, e mi pare che alcuni Paesi si siano giá mossi in questo senso. I predatori finanziari sono dietro l'angolo e lo Stato dovrebbe proteggere gli investimenti domestici.

Ma di Alitalia si sa qualcosa? :asd

Credo che dovremmo tutti fermarci qui. Da quello che ho capito, esiste un MES, ma l'Italia non l'ha (ancora) attivato.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.