Jump to content
Black Mamba 8

News dal mondo

Recommended Posts

BRASILE: AEREO FINISCE CONTRO EDIFICIO,ALMENO 200 MORTI

 

epa18x2tX_20070718.jpg

 

SAN PAOLO - Un Airbus A320 della compagnia brasiliana Tam con 176 persone a bordo, in atterraggio all'aeroporto Congonhas di San Paolo, ha proseguito la corsa oltre la fine della pista, invadendo la strada che contorna l'aerostazione e andando a schiantarsi contro un grande hangar appartenente alla stessa societ?, adiacente a una stazione di rifornimento carburante. "L? ci sono 200 morti", ha detto il capo dei vigili del fuoco della megalopoli, ma le vittime potrebbero anche essere di pi?. Il disastro, il pi? grave nella storia dell'aviazione civile brasiliana, ? avvenuto alle 18:45 locali di ieri, le 23:45 in Italia, mentre sulla zona cadeva una fitta pioggia. Il velivolo, proveniente da Porto Alegre, ? finito contro un terminal del servizio cargo della Tam, dopo aver attraversato la avenida Washington Lu?s. L'impatto ha scatenato un violento incendio, che dall'aereo si ? esteso all'edificio del terminal e a una vicina stazione di rifornimento di carburante, con fiamme alte pi? di dieci metri. La tv Globo News ha trasmesso in diretta le immagini dei soccorsi. Si ? visto l'Airbus incastrato nell'edificio con un fumo densissimo ad avvolgere tutta l'area. Sul posto sono accorse decine di ambulanze e almeno una sessantina di automezzi dei vigili del fuoco.

 

"Gira, gira, gira", sono state le ultime parola del pilota dell'Airbus prima che l'aereo si schiantasse, secondo quanto riferito dal governatore di San Paolo, Jos? Serra, il quale ha aggiunto che praticamente non vi erano possibilit? che qualcuno fosse sopravvissuto tra i 170 passeggeri e i 6 membri dell'equipaggio. Ore dopo lo schianto, i pompieri ancora non potevano avvicinarsi alla carcassa del velivolo per l'alta temperatura delle lamiere. Resta incerto il bilancio delle vittime a terra, perch? ancora non ? stato accertato quante persone vi fossero nell'edificio o nelle sue immediate vicinanze. Fonti dei vigili del fuoco hanno indicato che finora sono stati recuperati dall'interno dell'hangar 25 cadaveri, mentre la Tam ha reso noti i primi 11 nomi delle vittime a bordo dell'aereo. Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha decretato tre giorni di lutto nazionale e ha assicurato che "saranno effettuate tutte le indagini necessarie per dare una spiegazione" alla tragedia. Dopo il disastro, Congonhas ? stato chiuso e tutti i voli sono stati dirottati sull'aeroporto internazionale di San Paolo, che si trova a 40 km circa dalla citt?. Congonhas, riservato ai voli interni, sorge invece in mezzo all'abitato e in passato si sono avuti diversi incidenti dovuti proprio allo spazio limitato in cui gli aerei sono costretti a manovrare.

 

La pista principale dell'aeroporto, teatro del disastro dell'Airbus, era stata riaperta venti giorni fa dopo due mesi di lavori, ma non era ancora ultimata. Mancavano le scanalature che avrebbero dovuto impedire l'accumulo di acqua piovana, la causa pi? probabile dell'incidente odierno. Proprio due giorni fa un ATR-42 della compagnia brasiliana Pantanal era scivolato e finito fuori pista a causa della pioggia violenta che si stava abbattendo su San Paolo, per? senza conseguenze per i passeggeri. La pista era stata riaperta ieri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ESPLOSIONE SEMINA IL PANICO A MANHATTAN

 

NEW YORK - E' di almeno un morto ed oltre venti feriti il bilancio provvisorio di una esplosione che ha sconvolto il centro di Manhattan all'ora di punta, lasciando temere il ripetersi di un attentato come quello dell'11 Settembre: lo ha indicato il sindaco della citt?, Michael Bloomberg, escludendo qualsiasi matrice terroristica.

 

Ci sono stati veri e propri momenti di panico nel centro di Manhattan: l'esplosione di una serie di tubature di vapore nei pressi della stazione di Grand Central, intorno alle 18:00 (la mezzanotte in Italia), cio? in piena ora di punta, ha fatto temere il peggio. Secondo il sindaco l'esplosione ? stata provocata da infiltrazioni di acqua fredda in una tubatura di vapore, il che ha provocato un immenso geyser. In migliaia hanno abbandonato la stazione, convinti si trattasse di un nuovo attentato terroristico, ma sin dall'inizio la polizia ha chiaramente indicato che si era trattato di un banale incidente, anche se spettacolare, come in seguito hanno confermato sia l'Fbi sia il ministero della Sicurezza interna.

 

Un pennacchio di fumo bianco ha avvolto, per 50 minuti circa, il Chrysler Building, uno dei simboli della Grande Mela, da molti considerato il pi? bel grattacielo della citt?, oltre ad essere uno dei pi? alti e dei pi? emblematici. Subito dopo l'esplosione, che ha scosso diversi palazzi del quartiere, un testimone aveva spiegato alla Reuters di avere visto un palazzo crollare, ma le autorit? newyorchesi lo hanno immediatamente smentito. Sin dall'inizio la polizia e i vigili del fuoco hanno parlato dell'esplosione di un trasformatore elettrico, escludendo con grande chiarezza la matrice terroristica. Poi ci sono state le conferme da Washington. Intorno al quartiere della stazione, tra la Lexington e la 42.ma strada, si sono viste vere e proprie scene di panico, che hanno ricordato i momenti drammatici dell'11 Settembre.

 

Decine di ambulanze e di mezzi dei vigili del fuoco sono immediatamente accorsi sul luogo dell'esplosione, in mezzo al fumo, con le sirene spiegate, mentre i responsabili della stazione chiedevano ai presenti di allontanarsi. Oltre al panico che ha colpito la citt? i trasporti pubblici della Grande Mela hanno subito numerosi ritardi, visto che il traffico su diverse linee della metropolitana e dei treni dei pendolari ? stato interrotto. In tutto i vigili del fuoco inviati sul posto erano circa 170.

 

I TIMORI PER LA CONTAMINAZIONE DELL'AMIANTO

I primi controlli atmosferici sono stati negativi, ma le autorit? newyorchesi temono che l'amianto possa avere contaminato chi si trovava nei pressi del Chrysler Building, accanto al quale c'? stata ieri in serata una esplosione che ha fatto un morto e decine di feriti. La tubatura di vapore scoppiata probabilmente a causa di infiltrazioni di acqua fredda dovute alle piogge torrenziali della mattinata di ieri era del 1924 e come si faceva allora, era stata isolata con amianto. L'ipotesi delle autorit? -che hanno chiesto a chi si trovava sul posto di lavarsi con cura e di mettere i vestiti macchiati di fango in buste di plastica prima di portarli in lavanderia- ? che alcuni dei calcinacci possano contenere amianto. Il bilancio del dramma ? di una vittima (una donna morta per infarto), almeno tre feriti gravi tra cui due vigili del fuoco oltre a una ventina di feriti leggeri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ESPLOSIONE SEMINA IL PANICO A MANHATTAN

 

NEW YORK - E' di almeno un morto ed oltre venti feriti il bilancio provvisorio di una esplosione che ha sconvolto il centro di Manhattan all'ora di punta, lasciando temere il ripetersi di un attentato come quello dell'11 Settembre: lo ha indicato il sindaco della citt?, Michael Bloomberg, escludendo qualsiasi matrice terroristica.

 

Ci sono stati veri e propri momenti di panico nel centro di Manhattan: l'esplosione di una serie di tubature di vapore nei pressi della stazione di Grand Central, intorno alle 18:00 (la mezzanotte in Italia), cio? in piena ora di punta, ha fatto temere il peggio. Secondo il sindaco l'esplosione ? stata provocata da infiltrazioni di acqua fredda in una tubatura di vapore, il che ha provocato un immenso geyser. In migliaia hanno abbandonato la stazione, convinti si trattasse di un nuovo attentato terroristico, ma sin dall'inizio la polizia ha chiaramente indicato che si era trattato di un banale incidente, anche se spettacolare, come in seguito hanno confermato sia l'Fbi sia il ministero della Sicurezza interna.

 

Un pennacchio di fumo bianco ha avvolto, per 50 minuti circa, il Chrysler Building, uno dei simboli della Grande Mela, da molti considerato il pi? bel grattacielo della citt?, oltre ad essere uno dei pi? alti e dei pi? emblematici. Subito dopo l'esplosione, che ha scosso diversi palazzi del quartiere, un testimone aveva spiegato alla Reuters di avere visto un palazzo crollare, ma le autorit? newyorchesi lo hanno immediatamente smentito. Sin dall'inizio la polizia e i vigili del fuoco hanno parlato dell'esplosione di un trasformatore elettrico, escludendo con grande chiarezza la matrice terroristica. Poi ci sono state le conferme da Washington. Intorno al quartiere della stazione, tra la Lexington e la 42.ma strada, si sono viste vere e proprie scene di panico, che hanno ricordato i momenti drammatici dell'11 Settembre.

 

Decine di ambulanze e di mezzi dei vigili del fuoco sono immediatamente accorsi sul luogo dell'esplosione, in mezzo al fumo, con le sirene spiegate, mentre i responsabili della stazione chiedevano ai presenti di allontanarsi. Oltre al panico che ha colpito la citt? i trasporti pubblici della Grande Mela hanno subito numerosi ritardi, visto che il traffico su diverse linee della metropolitana e dei treni dei pendolari ? stato interrotto. In tutto i vigili del fuoco inviati sul posto erano circa 170.

 

I TIMORI PER LA CONTAMINAZIONE DELL'AMIANTO

I primi controlli atmosferici sono stati negativi, ma le autorit? newyorchesi temono che l'amianto possa avere contaminato chi si trovava nei pressi del Chrysler Building, accanto al quale c'? stata ieri in serata una esplosione che ha fatto un morto e decine di feriti. La tubatura di vapore scoppiata probabilmente a causa di infiltrazioni di acqua fredda dovute alle piogge torrenziali della mattinata di ieri era del 1924 e come si faceva allora, era stata isolata con amianto. L'ipotesi delle autorit? -che hanno chiesto a chi si trovava sul posto di lavarsi con cura e di mettere i vestiti macchiati di fango in buste di plastica prima di portarli in lavanderia- ? che alcuni dei calcinacci possano contenere amianto. Il bilancio del dramma ? di una vittima (una donna morta per infarto), almeno tre feriti gravi tra cui due vigili del fuoco oltre a una ventina di feriti leggeri.

 

Speriamo siano scongiurati tutti i pericoli di contaminazione e che non succeda niente di grave. :papa

Share this post


Link to post
Share on other sites
Narcotrafficante accusa Maradona

Colombiano Bustamante, el Pibe mi ha truffato 50 mila dlr

 

(ANSA) - BOGOTA', 19 LUG - Il narcotrafficante colombiano Hernando Gomez Bustamante ha accusato di truffa ai suoi danni Diego Armando Maradona. Bustamante, uno dei capi del Cartello 'Norte del Valle', poco prima di essere estradato negli Usa, ha assicurato che, quand'era agli arresti a Cuba, ha dato 50.000 dollari a Diego Maradona, affinche' influisse sul governo de L'Avana per evitare che fosse deportato in patria, e che l'ex fuoriclasse "e' poi sparito con i soldi".

 

:roll:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Narcotrafficante accusa Maradona

Colombiano Bustamante, el Pibe mi ha truffato 50 mila dlr

 

(ANSA) - BOGOTA', 19 LUG - Il narcotrafficante colombiano Hernando Gomez Bustamante ha accusato di truffa ai suoi danni Diego Armando Maradona. Bustamante, uno dei capi del Cartello 'Norte del Valle', poco prima di essere estradato negli Usa, ha assicurato che, quand'era agli arresti a Cuba, ha dato 50.000 dollari a Diego Maradona, affinche' influisse sul governo de L'Avana per evitare che fosse deportato in patria, e che l'ex fuoriclasse "e' poi sparito con i soldi".

 

:roll:

 

Sempre pi? merda Maradona...che uomo inutile. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

Almeno ci ha fatto godere con le sue prodezze sul campo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Narcotrafficante accusa Maradona

Colombiano Bustamante, el Pibe mi ha truffato 50 mila dlr

 

(ANSA) - BOGOTA', 19 LUG - Il narcotrafficante colombiano Hernando Gomez Bustamante ha accusato di truffa ai suoi danni Diego Armando Maradona. Bustamante, uno dei capi del Cartello 'Norte del Valle', poco prima di essere estradato negli Usa, ha assicurato che, quand'era agli arresti a Cuba, ha dato 50.000 dollari a Diego Maradona, affinche' influisse sul governo de L'Avana per evitare che fosse deportato in patria, e che l'ex fuoriclasse "e' poi sparito con i soldi".

 

:roll:

 

Sempre pi? merda Maradona...che uomo inutile. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

Almeno ci ha fatto godere con le sue prodezze sul campo.

 

Maradona ? come i celtics passato fantastico presente di merda!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti voglio ricordare Maradona solo per quello che ha fatto sul campo.

Il resto purtroppo fa tristezza. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

Share this post


Link to post
Share on other sites
Infatti voglio ricordare Maradona solo per quello che ha fatto sul campo.

Il resto purtroppo fa tristezza. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

 

Maradona ? il classico esempio del calciatore pi? forte mai esistito al mondo, con una mente di mer...inga.. :roll:

 

Il numero uno sul campo, tra i peggiori al di fuori insomma..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Infatti voglio ricordare Maradona solo per quello che ha fatto sul campo.

Il resto purtroppo fa tristezza. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

 

Maradona ? il classico esempio del calciatore pi? forte mai esistito al mondo, con una mente di mer...inga.. :roll:

 

Il numero uno sul campo, tra i peggiori al di fuori insomma..

 

Purtroppo ? cos?,se fosse stato pi? intelligente fuori dal campo avrebbe potuto giocare e divertirci ancora per molti anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Infatti voglio ricordare Maradona solo per quello che ha fatto sul campo.

Il resto purtroppo fa tristezza. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

 

Maradona ? il classico esempio del calciatore pi? forte mai esistito al mondo, con una mente di mer...inga.. :roll:

 

Il numero uno sul campo, tra i peggiori al di fuori insomma..

 

Purtroppo ? cos?,se fosse stato pi? intelligente fuori dal campo avrebbe potuto giocare e divertirci ancora per molti anni.

 

Quoto!

 

Sempre detto :!:

Share this post


Link to post
Share on other sites
IRAQ, DUE AUTOBOMBA FRA TIFOSI: 50 MORTI

 

BAGHDAD - Almeno 50 morti e 135 feriti. E' il bilancio di un attentato a Baghdad. Sparando lunghe raffiche di mitra al cielo, e perfino facendo detonare qualche granata, gli iracheni stavano festeggiando in tutto il Paese la qualificazione della loro nazionale di calcio alla finale della Coppa d'Asia. Ma il terrorismo ha fatto scorrere sangue sulla festa: un'ennesima autobomba a Baghdad ha causato una strage di tifosi, tra cui alcuni ragazzini che per una volta erano felici. L'attentato suicida ? stato compiuto nel popolare quartiere Al Mansur, nella parte orientale della capitale, hanno riferito la tv Al Iraqiya e l'agenzia irachena Nina News.

 

Secondo la polizia il kamikaze ha fatto esplodere il veicolo vicino a un posto di blocco militare, e fra le vittime vi sono anche due soldati. Fino a poco prima dell'attentato, Al Iraqiya aveva ripetuto un appello delle autorit? a non sparare al cielo in segno di giubilo, come ? tradizione tra le popolazioni arabe e in particolare in Iraq. Abitudine che dopo la vittoria irachena di domenica scorsa contro la nazionale vietnamita nello stesso torneo ? costata la vita ad almeno tre persone. L'emittente ha diffuso per tutto il pomeriggio e la serata le immagini dei festeggiamenti girate in diverse citt? di tutto l'Iraq. Immagini di strade e piazze stracolme di tifosi di tutte le et?, tra cui molte donne, bambini e persino dignitari religiosi con il classico turbante nero o bianco. Ancora caroselli di auto, camion e carretti imbandierati con il tricolore iracheno. Una folla vastissima, in cui gli inviati delle emittenti Tv locali facevano fatica a muoversi e a raccogliere i commenti entusiastici dei tifosi. Tra di essi c'era anche il presidente Jalal Talabani, che ai microfoni di Al Iraqiya ha espresso "vivi complimenti a tutta la squadra. Questi ragazzi - ha detto - hanno fornito a tutta la Nazione una delle migliori prove di unit?. Ci auguriamo che questo possa essere un segnale positivo per la ricomposizione dei contrasti politici".

 

I ragazzi, i calciatori, hanno dal canto loro dedicato la vittoria "a tutto il popolo iracheno, perch? se la merita", ha detto l'allenatore, il brasiliano Jorvan Vieira. Il portiere della formazione, Noor Sabri Abbas, ha dal canto suo affermato che la vittoria per 4 a 3 ottenuta ai rigori a Kuala Lumpur sulla nazionale della Corea del Sud "? una cosa modesta che noi possiamo dare al nostro popolo". Perch?, ha aggiunto forse pensando anche alla finale contro l'Arabia Saudita in programma domenica a Giakarta, "dobbiamo combattere in Iraq, e dobbiamo combattere anche sul campo".

Share this post


Link to post
Share on other sites
IRAQ, DUE AUTOBOMBA FRA TIFOSI: 50 MORTI

 

BAGHDAD - Almeno 50 morti e 135 feriti. E' il bilancio di un attentato a Baghdad. Sparando lunghe raffiche di mitra al cielo, e perfino facendo detonare qualche granata, gli iracheni stavano festeggiando in tutto il Paese la qualificazione della loro nazionale di calcio alla finale della Coppa d'Asia. Ma il terrorismo ha fatto scorrere sangue sulla festa: un'ennesima autobomba a Baghdad ha causato una strage di tifosi, tra cui alcuni ragazzini che per una volta erano felici. L'attentato suicida ? stato compiuto nel popolare quartiere Al Mansur, nella parte orientale della capitale, hanno riferito la tv Al Iraqiya e l'agenzia irachena Nina News.

 

Secondo la polizia il kamikaze ha fatto esplodere il veicolo vicino a un posto di blocco militare, e fra le vittime vi sono anche due soldati. Fino a poco prima dell'attentato, Al Iraqiya aveva ripetuto un appello delle autorit? a non sparare al cielo in segno di giubilo, come ? tradizione tra le popolazioni arabe e in particolare in Iraq. Abitudine che dopo la vittoria irachena di domenica scorsa contro la nazionale vietnamita nello stesso torneo ? costata la vita ad almeno tre persone. L'emittente ha diffuso per tutto il pomeriggio e la serata le immagini dei festeggiamenti girate in diverse citt? di tutto l'Iraq. Immagini di strade e piazze stracolme di tifosi di tutte le et?, tra cui molte donne, bambini e persino dignitari religiosi con il classico turbante nero o bianco. Ancora caroselli di auto, camion e carretti imbandierati con il tricolore iracheno. Una folla vastissima, in cui gli inviati delle emittenti Tv locali facevano fatica a muoversi e a raccogliere i commenti entusiastici dei tifosi. Tra di essi c'era anche il presidente Jalal Talabani, che ai microfoni di Al Iraqiya ha espresso "vivi complimenti a tutta la squadra. Questi ragazzi - ha detto - hanno fornito a tutta la Nazione una delle migliori prove di unit?. Ci auguriamo che questo possa essere un segnale positivo per la ricomposizione dei contrasti politici".

 

I ragazzi, i calciatori, hanno dal canto loro dedicato la vittoria "a tutto il popolo iracheno, perch? se la merita", ha detto l'allenatore, il brasiliano Jorvan Vieira. Il portiere della formazione, Noor Sabri Abbas, ha dal canto suo affermato che la vittoria per 4 a 3 ottenuta ai rigori a Kuala Lumpur sulla nazionale della Corea del Sud "? una cosa modesta che noi possiamo dare al nostro popolo". Perch?, ha aggiunto forse pensando anche alla finale contro l'Arabia Saudita in programma domenica a Giakarta, "dobbiamo combattere in Iraq, e dobbiamo combattere anche sul campo".

 

:chetristezza:chetristezza:chetristezza

Share this post


Link to post
Share on other sites
IRAQ, DUE AUTOBOMBA FRA TIFOSI: 50 MORTI

 

BAGHDAD - Almeno 50 morti e 135 feriti. E' il bilancio di un attentato a Baghdad. Sparando lunghe raffiche di mitra al cielo, e perfino facendo detonare qualche granata, gli iracheni stavano festeggiando in tutto il Paese la qualificazione della loro nazionale di calcio alla finale della Coppa d'Asia. Ma il terrorismo ha fatto scorrere sangue sulla festa: un'ennesima autobomba a Baghdad ha causato una strage di tifosi, tra cui alcuni ragazzini che per una volta erano felici. L'attentato suicida ? stato compiuto nel popolare quartiere Al Mansur, nella parte orientale della capitale, hanno riferito la tv Al Iraqiya e l'agenzia irachena Nina News.

 

Secondo la polizia il kamikaze ha fatto esplodere il veicolo vicino a un posto di blocco militare, e fra le vittime vi sono anche due soldati. Fino a poco prima dell'attentato, Al Iraqiya aveva ripetuto un appello delle autorit? a non sparare al cielo in segno di giubilo, come ? tradizione tra le popolazioni arabe e in particolare in Iraq. Abitudine che dopo la vittoria irachena di domenica scorsa contro la nazionale vietnamita nello stesso torneo ? costata la vita ad almeno tre persone. L'emittente ha diffuso per tutto il pomeriggio e la serata le immagini dei festeggiamenti girate in diverse citt? di tutto l'Iraq. Immagini di strade e piazze stracolme di tifosi di tutte le et?, tra cui molte donne, bambini e persino dignitari religiosi con il classico turbante nero o bianco. Ancora caroselli di auto, camion e carretti imbandierati con il tricolore iracheno. Una folla vastissima, in cui gli inviati delle emittenti Tv locali facevano fatica a muoversi e a raccogliere i commenti entusiastici dei tifosi. Tra di essi c'era anche il presidente Jalal Talabani, che ai microfoni di Al Iraqiya ha espresso "vivi complimenti a tutta la squadra. Questi ragazzi - ha detto - hanno fornito a tutta la Nazione una delle migliori prove di unit?. Ci auguriamo che questo possa essere un segnale positivo per la ricomposizione dei contrasti politici".

 

I ragazzi, i calciatori, hanno dal canto loro dedicato la vittoria "a tutto il popolo iracheno, perch? se la merita", ha detto l'allenatore, il brasiliano Jorvan Vieira. Il portiere della formazione, Noor Sabri Abbas, ha dal canto suo affermato che la vittoria per 4 a 3 ottenuta ai rigori a Kuala Lumpur sulla nazionale della Corea del Sud "? una cosa modesta che noi possiamo dare al nostro popolo". Perch?, ha aggiunto forse pensando anche alla finale contro l'Arabia Saudita in programma domenica a Giakarta, "dobbiamo combattere in Iraq, e dobbiamo combattere anche sul campo".

 

Meno male che qualcuno dichiar? che doveva portare pace e democrazia in Iraq.

Ma forse ? meglio che sto zitto altrimenti esagero. :chetristezza:chetristezza:chetristezza

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non rientra a Bergamo l'allarme per la cocaina tagliata con atropina che, finora, ha portato in ospedale 17 persone. Tra di loro c'? anche un bimbo di un anno, giunto in ospedale insieme ai genitori, entrambi in preda alle allucinazioni. Subito i carabinieri hanno aperto un'indagine per capire come il piccolo possa aver assunto la sostanza, e nel frattempo la Procura ha tolto la potest? genitoriale alla coppia.

 

 

no comment.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non rientra a Bergamo l'allarme per la cocaina tagliata con atropina che, finora, ha portato in ospedale 17 persone. Tra di loro c'? anche un bimbo di un anno, giunto in ospedale insieme ai genitori, entrambi in preda alle allucinazioni. Subito i carabinieri hanno aperto un'indagine per capire come il piccolo possa aver assunto la sostanza, e nel frattempo la Procura ha tolto la potest? genitoriale alla coppia.

 

 

no comment.

 

Oh mamma....E' terribile sta cosa!!! :shock:

Pazzesco...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non rientra a Bergamo l'allarme per la cocaina tagliata con atropina che, finora, ha portato in ospedale 17 persone. Tra di loro c'? anche un bimbo di un anno, giunto in ospedale insieme ai genitori, entrambi in preda alle allucinazioni. Subito i carabinieri hanno aperto un'indagine per capire come il piccolo possa aver assunto la sostanza, e nel frattempo la Procura ha tolto la potest? genitoriale alla coppia.

 

 

no comment.

 

Che tragedia :!::shock::chetristezza:chetristezza:chetristezza

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non rientra a Bergamo l'allarme per la cocaina tagliata con atropina che, finora, ha portato in ospedale 17 persone. Tra di loro c'? anche un bimbo di un anno, giunto in ospedale insieme ai genitori, entrambi in preda alle allucinazioni. Subito i carabinieri hanno aperto un'indagine per capire come il piccolo possa aver assunto la sostanza, e nel frattempo la Procura ha tolto la potest? genitoriale alla coppia.

 

 

no comment.

 

Mamma mia. :shock::chetristezza

Share this post


Link to post
Share on other sites

7 Killed in Minneapolis Bridge Collapse

 

The Interstate 35W bridge collapsed and hurled vehicles into the Mississippi River in central Minneapolis during evening rush hour on Wednesday, killing seven people and injuring dozens, officials said.

 

 

capt.7a43946bd7cd42378242af4d1f5aefe8.bridge_collapse_mnmit119.jpg?x=380&y=285&sig=UHwUlHyIlKK6mbjfjaxFbg--

 

0801072315_M_bridge24.jpg

 

0801072302_M_bridge13.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.