Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Wilde4Soccer


Recommended Posts

1 minute ago, Loz said:

ieri Perez ha detto che il Bayern si è spaventato per la paura di non poter più giocare in Bundes, ma che non c'è nessuna possibilità di esclusione secondo i legali. Credo l'abbia detto per dire che il Bayern sarà dentro.

Su Ultimouomo leggevo che per legge in Germania hai una quota di tifosi/soci in Società ... quindi è giusto che Rummenigge ci vada con i piedi di piombo, per ora ....

 

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 68.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Mone 24

    6493

  • COOPapERino21

    4666

  • Tony Brando

    3836

Top Posters In This Topic

Popular Posts

No niente, figurati... Sono sicuro che l'improvvisa inversione a u su Morata sia del tutto scollegata dalla vicenda Suarez, che una mattina si è svegliato con addosso una sensazione di incomplete

avete pensato anche a cosa sarebbe la nazionale dell'impero romano? 

Diego, Diego..... Diego Armando Maradona  che ricordi Padova, 36 anni, 2 mesi e circa 2 settimane fa, dialogo tra me (interista quindicenne) e mio padre (milanista tiepido): "papà, hai v

Posted Images

Quote

Rummenigge: danneggia tutti, noi stiamo fuori
Abbiamo esagerato con le spese, vanno ridotti i costi È il momento di pensare a un calcio meno arrogante
Corriere della Sera 20 Apr 2021 di Paolo Tomaselli

«Kalle» Karl-Heinz Rummenigge, 65 anni, oggi è Ceo del Bayern Monaco, club nel quale aveva giocato da attaccante dal 1974 al 1984. In Italia ha militato nell’Inter dal 1984 al 1987 segnando 24 gol. Ha vinto due volte il Pallone d’oro, nel 1980 e nel 1981
Kalle Rummenigge, Ceo del Bayern Monaco e predecessore di Agnelli alla guida dell’Eca: perché si è arrivati a tutto questo?

«Se ne parlava da dieci anni e abbiamo sempre deciso di mantenere il modello esistente. Poi il coronavirus ha danneggiato tutto il calcio europeo, soprattutto le grandi squadre, che senza tifosi allo stadio hanno perso tanto. Alcuni club hanno pensato che fosse quindi il momento buono per fare una Superlega. Ed è nato un grande casino...».

Le modalità colpiscono. Il presidente Ceferin ha avuto parole molto dure contro Agnelli, che ne pensa?

«Mi dispiace che sia successo quel che è successo, perché hanno sempre avuto un rapporto amichevole e hanno collaborato bene. L’importante adesso è riprendere un certo dialogo. La mia speranza è quella di trovare ancora una soluzione, perché la Superlega danneggia tutto il calcio europeo. E dobbiamo evitarlo».

La soluzione qual è?

«La soluzione è ridurre i costi. Con la Superlega i club cercano di risolvere il problema dei debiti, peggiorati con la pandemia. Ma la strada non può essere quella di incassare sempre di più e pagare sempre di più giocatori e agenti. Dobbiamo ridurre un po’ le cose, non metterne altre sul tavolo. Abbiamo esagerato con le spese: tutti, nessuno escluso. È il momento di fare un calcio meno arrogante».


Anticipare la Super Champions è una possibilità?

«No, quella del 2024 non si può anticipare, perché i diritti del marketing sono stati venduti. Le riforme sono confermate dal 2024: venerdì anche Agnelli era d’accordo».

Un presidente che fa gli interessi contrari dell’associazione che rappresenta non le sembra grave?

«Purtroppo volevo parlare con lui, ma non sono riuscito a trovarlo al telefono. Non so le sue motivazioni e senza saperle non voglio criticarlo. Forse c’è una motivazione che non conosco: magari riesco a parlarci e a capire meglio».

Il fatto che oltre a Juve e Milan aderisca anche l’Inter alla Superlega la sorprende?

«Si dice che anche l’Inter abbia grossi problemi finanziari e magari pensa di risolverli così. L’incasso di cui parlano per la Superlega sembra enorme, ma non so se alla lunga i problemi saranno risolti. Io non ci credo. Non si può incassare sempre di più per compensare le spese».

Anche l’Uefa ha fatto i suoi errori, non trova?

«Il mercato è esploso nell’anno di Neymar, ma eravamo già sulla via sbagliata e non è colpa di Uefa e Fifa. Adesso abbiamo la grande chance di trovare soluzioni per tornare a un calcio più razionale. Tutte le aziende in Italia, Giappone, Germania o Usa pensano a ridurre i costi: solo nel calcio si pensa di risolvere tutto con l’aumento dei ricavi».

Lei ad agosto si aspetta di giocare la Champions senza Real, Juventus, Liverpool?

«Sinceramente spero di no, fatico ad immaginarlo. È un danno, su questo non si discute: senza dodici grandi squadre la competizione è danneggiata».

Conferma che il Bayern non entra nella Superlega?

«Non siamo dentro perché non vogliamo farne parte. Siamo contenti di giocare in Bundesliga, un business ‘pane e burro’, come dicono gli inglesi. Siamo contenti di fare la Champions e non dimentichiamo la responsabilità verso i nostri tifosi, che sono generalmente contro una riforma del genere. E sentiamo anche la responsabilità verso il calcio in generale».


Con un miliardo di debiti come il Barcellona è più difficile fare certe scelte?

Pane e burro

Non vogliamo fare parte della Superlega, siamo contenti di fare la Champions e la Bundesliga: il nostro business «pane e burro»

Un simbolo in panchina

Non abbiamo ancora deciso sull’allenatore. Certo, Klopp ha parlato pesantemente contro la Superlega e contro la sua società

Il Coronavirus ha peggiorato i conti dei grandi club che sperano di risolvere il problema dei debiti con la Superlega. Ma solo nel calcio si pensa di sistemare le cose aumentando sempre i ricavi invece di spendere meno

«Noi fortunatamente non abbiamo questi debiti».

La scelta delle squadre inglesi è dovuta alle proprietà americane?

«Sì, perché in Europa si spende tanto e magari non si vince. Negli Usa si pensa per prima cosa a guadagnare».

Klopp, tecnico del Liverpool, è nemico storico della Superlega. Se venisse al Bayern sarebbe un colpo anche simbolico, non trova?

«Non abbiamo ancora deciso sull’allenatore, prima vinciamo il campionato e poi decidiamo cosa fare. Certo lui ha parlato pesantemente contro la sua società…».

 

Link to post
Share on other sites

@loz vedere 7/10 volte Federer Nadal è stupendo ma non vanno in finale.a tavolino ma perché sono più forti.

Detto ciò un amico economista che ha studiato ieri un pochino la situazione mi ha dato una spiegazione tecnica che vi scrivo:

Jp Morgan pare faccia semplicemente un prestito e lo lega ai soci fondatori che diventano i debitori. Con gli introiti sviluppati negli anni dovranno pagare JP Morgan, sostanzialmente le squadre fanno un mutuo e per questo non possono più uscire e queste squadre devono essere fisse.

Chi fa il mutuo? Chi non ha soldi o ha debiti. Lo ha confermato serenamente Florentino. Le tedesche può darsi che parteciperanno dopo ma senza accollarsi il debito.

Link to post
Share on other sites

Kekko

Si che poi si dice che almeno inizialmente quei soldi non potranno essere usati sul mercato ma solo per infrastrutture e il risanare i bilanci.

Comunque io sono dell'idea che questa lega senza vincoli salariali non può durare nel tempo. 

Link to post
Share on other sites

È assurdo quello che sostiene Florentino, anni e anni a spendere decine e centinaia di milioni per singoli giocatori, si rompe il giocattolo, la colpa diventa della uefa che non dà abbastanza soldi alle top europee. 

:facepalm:

 

È chiaro che hanno guardato di là dell oceano e si son fatti 2 domande sul guadagno generato dalla champions, ed é palese che siano cifre nettamente inferiori, dagli USA hanno copiato solo la parte economica però, quella sportiva peggiorerà nonostante fosse già anni luce dietro. 

 

E dire che il format sarebbe fatto ad hoc per gente come me che guarda quelle 30 partite l anno di big match, ma riesce lo stesso a farmi cagare. 

  • Like 3
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
20 minutes ago, Loz said:

kekko, mi spiace che con te si vada sempre in caciara
nell'ordine hai scritto che lo sport è il piccolo che batte il grande e che vedere 7 volte Federer-Nadal è una palla

è un tuo punto di vista, lo capisco

le grandi squadre di calcio guardano le cose in modo diverso, guardano alla capacità di generare introiti per sopravvivere e ingrandirsi e si rendono conto che vedere 30 volte l'equivalente di Benevento-Juve non basta (indipendentemente dal fatto che vinca il Benevento o la Juve) e che magari non basta nemmeno vedere Real-United se non ci sono giocatori che attirano l'attenzione

ieri Perez ha detto che il Bayern si è spaventato per la paura di non poter più giocare in Bundes, ma che non c'è nessuna possibilità di esclusione secondo i legali. Credo l'abbia detto per dire che il Bayern sarà dentro.

Secondo questo modo di ragionare il trofeo Birra Moretti/(Tim sarebbe il quarto evento sportivo più visto in Italia dopo Inter-Milan, Milan-Juve e Inter-Juve di serie A, eppure non essendoci nulla in palio non se lo fila nessuno.

Ciò che sfugge è che Federer vs Nadal è visto quando si gioca sul centrale di Wimbledon o al Court Philippe Chatrier; già quando si affrontano in un Master 1000 lo share scende, per non parlare di quando giocano contro sulla piattaforma galleggiante di Dubai o su un grattacielo, in quest'ultimo caso Federer vs Nadal non finisce nemmeno in tv. 

Allo stesso modo il fascino - o presunto tale - delle grandi partite di calcio è reso tale dal contesto e da ciò che c'è in palio, non dalla semplice contrapposizione tra le bacheche delle due squadre che poi, in alcuni casi, vedi Totthenam o Arsenal sono pure  vuote. 

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Quindi i club indebitati li ha creati la UEFA pagándoli un tozzo di pane....
W la JPMorgan League! Sarà tutto bellissimo e petaloso, preparo i pop corn

Link to post
Share on other sites

Se ADL accetta veramente di entrare in questa merdata, spero abbia almeno la decenza di cambiare il nome dello stadio perché sennò davvero Diego si rivolta nella tomba.

Link to post
Share on other sites

Prendere però ad esempio le parole di Rumenigge lascia un po' il tempo che trova. Tra due mesi non sarà più CEO del Bayern e vorrei ricordare che nel 2024 ci sono gli Europei in Germania. Andare contro la UEFA adesso non sarebbe proprio il massimo per i club tedeschi. Senza contare poi l'egemonia assoluta che ha il Bayern nel mercato tedesco, con tutte le squadre asservite che gli svendono per nulla i giocatori.

Ognuno come sempre guarda ai propri interessi e spera che gli eventi prendano una piega favorevole per il proprio tornaconto, non c'è nessun eroico salvatore del calcio. La stessa UEFA che è subito passata alle minacce? Lo fa per il bene dei tifosi o per paura di perdere le vagonate di milioni derivanti dal giocattolino Champions League? :siciao:

 

Link to post
Share on other sites
Se ADL accetta veramente di entrare in questa merdata, spero abbia almeno la decenza di cambiare il nome dello stadio perché sennò davvero Diego si rivolta nella tomba.
Ma c'ha i soldi per entrare?
Link to post
Share on other sites
41 minutes ago, D-GenerationLakers said:

immagino che pure la CBS sia nel giro Gazzetta, Corriere, Urbano Cairo etc. :siciao:

Ci siamo accorti ieri che calcio e business vanno a braccetto. Ne prendo atto. Ora, visto che si è riscoperto che il calcio è del popolo e non di società private, mi aspetto rivoluzioni per togliere lo United ai Glazers, il PSG e il City agli sceicchi, ecc. Prima citavi le cessioni che ha dovuto fare la Roma per rispettare il FFP. Pensa che invece ci sono squadre che hanno preso - non si sa come - Neymar e Mbappè nella stessa sessione di mercato. O squadre che a forza di ricorsi e contro-ricorsi, pur non avendo rispettato il FFP, se la sono cavata con una multina. Lo squilibrio post Super-League di cui si ha tanta paura c'è già da anni a fronte di una gestione non proprio oculata della UEFA. Se la Super League servisse ad uscire dal controllo di un ente terzo per nulla trasparente ben venga. Poi che pure la Super League vada riformulata su alcuni aspetti siamo tutti d'accordo, ma parlare di una ipotetica fine della meritocrazia del calcio odierno fa abbastanza sorridere.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

I punti che sollevate sono tutti giusti e leciti, vorrei solo esprimere lo schifo che sto provando nel leggere le dichiarazioni di politici, calciatori, presidenti di società, giornalisti etc. che fanno riferimento alla povertà, il divario sociale, la purezza del calcio, i sogni dei bambini, la meritocrazia...ma io mi chiedo, fino a due giorni fa sti valori e problemi etici dov'erano? Non esistevano? 

Questa ipocrisia manifestata solo adesso da gente che in questo sistema ci ha pappato e sta continuando a pappare mi fa schifo... 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ragazzi stanno in trattativa. Io spero per il bene di tutti che si andrà verso un accordo come proponeva quel pazzo di ADL 10 anni fa. Campionato nazionale a 16 squadre e campionato europeo a 36 che prende o tutti gli infrasettimanali o addirittura che vada da Marzo a Maggio. 

Magari i cosiddetti soci fondatori saranno iscritti di diritto perché saranno quelli che hanno contratto il debito con JP morgan e le restanti squadre parteciperanno in base a meriti sportivi.

Link to post
Share on other sites
I punti che sollevate sono tutti giusti e leciti, vorrei solo esprimere lo schifo che sto provando nel leggere le dichiarazioni di politici, calciatori, presidenti di società, giornalisti etc. che fanno riferimento alla povertà, il divario sociale, la purezza del calcio, i sogni dei bambini, la meritocrazia...ma io mi chiedo, fino a due giorni fa sti valori e problemi etici dov'erano? Non esistevano? 
Questa ipocrisia manifestata solo adesso da gente che in questo sistema ci ha pappato e sta continuando a pappare mi fa schifo... 
Ci pappano anche grazie a te
  • Confused 1
Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Mone 24 said:

AHAHAHAHAHAH

Numero 1.

Cmq come scrivevo in precedenza le inglesi stanno vacillando. Chelsea e Man City pare si stiano tirando indietro. Povero Agnellino, dovrà continuare con  le plusvalenze. Pinsoglio al Genoa per 20 Babà e @Loz ci dirà che li vale tutti.

  • Haha 2
Link to post
Share on other sites

 

Quote

Superlega, Johnson garantisce una mossa legislativa per bloccare i ribelli: l’ipotesi dello stop ai visti per i calciatori stranieri

 https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/04/20/superlega-johnson-garantisce-una-mossa-legislativa-per-bloccare-i-ribelli-lipotesi-dello-stop-ai-visti-per-i-calciatori-stranieri/6172056/

in Inghilterra sta accadendo di tutto... :wanking:

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
17 hours ago, kekko110780 said:

Le squadre Nba producono introiti, le squadre di calcio debiti. Cacchio Loz a te manca abc.

Le squadre NBA producono utili perché hanno certezza delle entrate... che non dipendono da una annata andata bene o male... I Lakers hanno pescato delle (seconde) scelte (assolute) che hanno portato AD ed il titolo... ed indovina erano arrivati "in zona retrocessione"... non mi fare le pulci era per evidenziare la questione di fondo ovvero entrate certe e programmazione. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

La MERITOCRAZIA della nuova Champions' League funziona così:

Quote

36 squadre che non saranno più divise in gironi ma formeranno una classifica unica.
Per arrivare a 36 ci saranno i soliti posti garantiti a determinate federazioni (alla faccia della meritocrazia) e 4 posti per le società rimaste fuori ma premiate dal ranking (alla faccia della meritocrazia).
Le 36 qualificate faranno parte di un gigantesco campionato nel quale ogni squadra incontrerà 10 squadre letteralmente a caso sorteggiate ad inizio competizione.
Sulla base di queste gare si formerà una classifica che eliminerà le ultime 12 definitivamente e promuoverà le prime otto agli ottavi.
Immagino partite di enorme interesse tra l'ottava e la decima giornata.
E, soprattutto, la possibilità di vincere dipenderà da una colossale botta di culo nell'incontrare le deboli in trasferta e le migliori in casa. Oltre a ciò dipenderà solo dal culo incontrare 10 squadre su 35 sperando di incrociare le meno dotate.
Alla faccia della meritocrazia e dei valori del campo.
Dopodiché è prevista una fase a playoff tra le qualificate dal nono al ventiquattresimo posto per trovare le ultime otto qualificate.

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/sassuolo/sassuolo-de-zerbi-non-ho-piacere-a-giocare-contro-il-milan-super-league-un-colpo-di-stato_31231155-202102k.shtml
 

De Zerbi non vuoi venire? E allora non venire, sai che cazzo ce ne frega.

Il calcio non è “di tutti” ma di chi ci mette il grano, così come le imprese, le aziende, le attività e le società. È ora di finirla con questa stronzata del “tutto è di tutti”, facile pontificare con grassi stipendi in tasca... Se tutto dev’essere di tutti avvisateci per tempo così almeno riapriamo i kolchoz...

No De Zerbi, il pallone non è tuo. Se la cosa ti infastidisce vattelo a comprare.

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites

Se si dovesse fare la Super Lega

Se le squadre fossero escluse dalla CL

Ma Se come penso non verranno mai escluse dai campionati è la volta buona che questi campionati mettano un salary cap dove le società di questa SL alla presentazione della lista di 25 per il campionato questi 25 devono stare nel cap poi magari la squadra può avere Messi Cr7 Mbappé e Neymar che sforano di brutto ma possono giocare solo la SL . Non può farlo un singolo campionato ma l'insieme dei campionati che ha queste squadre imho dovrebbe

 

Che schifezza la nuova CL :vomito:

speriamo si faccia davvero la SL e subito pure 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.