Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Other Sports


Recommended Posts

Nel '95 il calendario era sì più equilibrato ma comunque con 2 prove tecniche in più rispetto alle prove veloci (e due combinate dove comunque c'erano due manche di slalom) e Tomba dovette vincere entrambe le coppette per arrivare primo nella generale...

Nel '97 Alphand dovette fare la stessa cosa di Tomba (vinse entrambe le coppette veloci) e approfittò di un calendario con una gara veloce in più.

Su quest'anno, di inarrivabile non c'è nessuno, però c'è gente competitiva su 3 discipline + combinata che può disputare un volume di gare maggiore rispetto a Paris e prendere punti importanti lì dove Dominik non potrà.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Raga guardate come correva l'uomo più veloce del mondo nel 2014 quando di anni ne aveva comunque già 20; È quello in sesta corsia, diciamo che a livello stilistico e di efficacia della

Forza Alex  

Scusate se mi dilungo ma sono veramente in una fase di estasi che unito al mio essere logorroico non fa altro che partorire questi continui pipponi. Del resto sono anni che in questo topic vado raccon

Posted Images

TheGoods

Nel 1995 a facilitare il successo dell'Albertone nazionale fu principalmente il fattore concorrenza in cui gli atleti polivalenti che avevano segnato un epoca o si erano ritirati vedi Zurbriggen, o erano in declino vedi Girardelli o incapparono in un annata negativa vedi Aamodt. Non a caso il rivale più significativo fu Kosir altro specialista delle prove tecniche che arrivò parecchio distante da Tomba. Allo sciatore bolognese bastarono 1150 punti(frutto di 11 vittorie e un solo piazzamento) per vincere la CdM assoluta, ossia una delle quote più basse di sempre da quando cambiarono i punteggi assegnando 100 punti al vincitore di gara e via discorrendo. Anche nel 1992 e nel 1988 vinse entrambe le coppe di specialità ottenendo nella generale un punteggio più alto di quello del 1995 eppure in entrambe le occasioni non riuscì a trionfare proprio a causa degli atleti polivalenti di cui sopra.

Per me il fattore concorrenza è il primo aspetto da valutare e quest'anno può essere quello giusto per specialisti delle discipline veloci come Paris nell'aggiudicarsi la generale non essendoci appunto più Hirscher ma anche per dire uno Svindal(almeno quello di qualche anno fa pre gravi infortuni). Poi ovvio che per ambire a tale traguardo deve dare seguito a quanto fatto finora senza concedersi cali.

Link to post
Share on other sites

Comunque prendendo spunto dal post di Enea sulla divina Mikaela aggiornerei il suo attuale palmares sempre tenendo conto che questa non ha ancora compiuto 25 anni;

2 ori olimpici

5 ori mondiali

3 Coppe del mondo assolute

8 Coppe del mondo di specialità (6 slalom, 1 gigante, 1 super g)

64 vittorie in coppa del mondo (almeno una vittoria in ogni specialità).

Ogni anno che passa aumenta la convinzione secondo cui lei è destinata a diventare non solo la migliore atleta di sempre degli sport invernali ma direi in assoluto. Un mostro.

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Enea

Verissimo. Ho visto il suo spot della Barilla con Federer ed effettivamente fisicamente come dici è un po' troppo accentuata la muscolatura nella parte alta per i normali canoni femminili proprio a causa dello sport che pratica. Poi oh, non pretendo che debba piacere a tutti, non stiamo parlando di una J.Alba(miss perfezione), una Cuthbert (se parliamo di estetica del viso poche sono alla sua altezza) o per restare in ambito sportivo della Kournikova di un tempo, ma comunque come dici resta una gran bella ragazza in cui il fatto che a livello agonistico sia così forte ed esteticamente impeccabile gli da quel quid in più. Il suo stile sugli sci rispecchia in lei totalmente la dolcezza del suo viso.

Link to post
Share on other sites

Ma infatti non é una cagnetta da esposizione come il 99,9% delle "Belle Figliole", é la miglior sciatrice della storia e come tale il suo fisico lo rispecchia.

Ci sono comunque tante atlete + grosse e potenti di lei (vedi la vlhova che ha fatto seconda oggi con uno slalom quasi perfetto), che hanno un fisico da uomo. 

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

@jawbone

Non fare il maschilista:asd, avevi riportato le imprese di Paris e dovresti fare altrettanto con la grande stagione della nostra Brignone 😉

Comunque si può dire che negli ultimi anni le atlete azzurre stanno facendo il mazzo agli atleti uomini nello sport in generale?

Comunque è sicuro che rispetto al solito il gap(a livello storico sono sempre stati i maschi a dare le maggiori soddisfazioni al nostro sport) si fa di anno in anno sempre più sottile.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Da segnalare in questo weekend la storica tripletta italiana nella discesa di ieri con Curtoni prima, Bassino seconda e Brignone terza, stessa Brignone che il giorno prima era arrivata seconda nella prima delle due discese sulla pista di Bansko considerata per coefficiente di difficoltà la Kitzbuhel del circuito femminile. Oggi invece nel Super G la Bassino(davvero in grande crescita dimostrandosi un ottima polivalente e non solo una brava gigantista) è arrivata nuovamente seconda.

Ma da segnalare soprattutto in questa tre giorni le 2 vittorie della divina Mikaela, venerdì in discesa e oggi in Super G sempre precedendo un azzurra appunto. In slalom non sarà più devastante come 2-3 anni fa e qui la crescita della Vlhova c'entra relativamente visto che la Shiffrin tra i pali stretti anche alle altre avversarie che non siano la slovacca fatica a dare gli stessi distacchi di un tempo. Secondo me è più una questione di priorità alla polivalenza che ha fatto si che magari perdesse qualcosina nelle discipline tecniche per migliorarsi anno dopo anno in quelle veloci. E a quanto pare la tattica paga visto che in slalom resta la migliore Vlhova o non Vlhova mentre nel frattempo fa incetta di vittorie anche in altre specialità dove fino a qualche anno fa si pensava che non potesse essere così competitiva. Voglio dire, prima o poi potrà vincere contemporaneamente tutte e 4 le coppe di specialità (e aggiungiamoci pure quella di combinata) e la cosa a questo punto non dovrebbe sorprendere nessuno.

Mostro(ovviamente nel senso migliore del termine)! 

😍 

 

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...
  • 4 weeks later...

Bella sfida a Savona tra Tortu e Jacobs dove nonostante lo scetticismo iniziale(a Rieti all'esordio aveva deluso correndo in 10" 28\10" 31) l'ha spuntata Tortu in 10" 12 contro il 10" 14 di Jacobs. Velocista di origine sarda che in questa stagione senza grossi eventi ha dichiarato che l'obiettivo è quello di correre in 9" 92 per diventare il bianco più veloce della storia.

Ma la scena è tutta per Larissa Iapichino che al suo primo dei 2 anni da juniores a neanche 18 anni compiuti vola a 6m80, una misura che può anche dare l'accesso a una finale olimpica o mondiale, questo tanto per rendere l'idea di che razza di risultato abbia fatto rapportato all'età. La figlia della grande Fiona è davvero un autentico gioiello per la nostra atletica.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Domani verosimilmente cadrà il record italiano dei 100m al maschile, non dovesse accadere arrivo pure a dire che sarebbe una delusione.

Perché dico questo?

Tortu e Jacobs correranno al meeting di La Chaux de Fonds, su una pista velocissima e situata a quasi 1000 metri sopra il livello del mare, con tutti i vantaggi che questo comporta in termini di aria rarefatta=minore pressione atmosferica=meno opposizione aerodinamica. Qualcuno è arrivato pure a stimare in condizioni favorevoli(quindi anche vento alle spalle) addirittura 20 centesimi di guadagno in base alla media dei risultati ottenuti dagli atleti in passato su quella pista.

Per cui il nostro duo di velocisti che al momento hanno un personale stagionale di 10"10(Jacobs) e 10"12 (Tortu) potrebbero sfruttare questi vantaggi per scendere addirittura entrambi sotto il muro dei 10", che in automatico potrebbe dire nuovo record nazionale nella distanza regina, che al momento resta sempre il 9"99 di Tortu ottenuto a Madrid nel 2018.

Ovviamente proprio partendo da questa premessa i risultati che potrebbero ottenere andrebbero un tantino ridimensionati, a meno che non facciano segnare tempi stratosferici(tipo un sub 9"90) dove facendo poi la tara si scoprirebbe che valgono tempi di assoluto livello mondiale anche in condizioni meno estreme in termini di vantaggi.

Quindi proprio per questo motivo si potrebbe parlare di delusione se non dovessero scendere sotto i 10".

Tortu è motivato dal voler migliorare il 9"92 di Lemaitre che simboleggia il risultato cronometrico migliore della storia da parte di un velocista di razza caucasica, mentre Jacobs è motivato dal voler finalmente battere nella sfida diretta l'amico/rivale strappandogli pure il record italiano.

Secondo me a prescindere dal risultato cronometrico sarà una bella sfida.

Link to post
Share on other sites

A questo punto parlare di delusione è anche poco. Tanta attesa per nulla di rilevante. Tortu sia in batteria che in finale vince e batte Jacobs correndo rispettivamente in 10"16 e 10"18. Jacobs 10"18 in batteria e 10"23 in finale in cui è arrivato addirittura quarto nonostante con 10"10 avesse il miglior tempo di accredito stagionale.

Tempi distanti anni luce da quelli che ci si aspettava. Quantomeno Tortu può dir di aver battuto l'amico-rivale per l'ennesima volta(5-1 negli scontri diretti) con l'italoamericano che continua a dare l'impressione di soffrire la pressione di un duello così atteso (ma anche quella delle grandi manifestazioni come avvenne lo scorso anno a Doha e non solo).

Comunque sarà pure una stagione particolare ma se fossi Tortu comincerei a domandarmi per quale motivo i tempi che faceva a 20 anni non solo non riesce a migliorarli ma fa fatica pure ad avvicinarli. Nel 2018 corse in 9"99, 10"03 e 2 volte 10"04(tra cui quello del Golden Gala con vento contro) mentre sia lo scorso anno che quest'anno fa enorme fatica a scendere sotto i 10"10. Boh...

Link to post
Share on other sites

Avranno rallentato la pista o abbassato l'altezza slm, o pompavano aria per non farla rarefare più.

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites
A questo punto parlare di delusione è anche poco. Tanta attesa per nulla di rilevante. Tortu sia in batteria che in finale vince e batte Jacobs correndo rispettivamente in 10"16 e 10"18. Jacobs 10"18 in batteria e 10"23 in finale in cui è arrivato addirittura quarto nonostante con 10"10 avesse il miglior tempo di accredito stagionale.
Tempi distanti anni luce da quelli che ci si aspettava. Quantomeno Tortu può dir di aver battuto l'amico-rivale per l'ennesima volta(5-1 negli scontri diretti) con l'italoamericano che continua a dare l'impressione di soffrire la pressione di un duello così atteso (ma anche quella delle grandi manifestazioni come avvenne lo scorso anno a Doha e non solo).
Comunque sarà pure una stagione particolare ma se fossi Tortu comincerei a domandarmi per quale motivo i tempi che faceva a 20 anni non solo non riesce a migliorarli ma fa fatica pure ad avvicinarli. Nel 2018 corse in 9"99, 10"03 e 2 volte 10"04(tra cui quello del Golden Gala con vento contro) mentre sia lo scorso anno che quest'anno fa enorme fatica a scendere sotto i 10"10. Boh...
Mi sa che ci credevi solo tu a sto "evento" con record in bilico
Link to post
Share on other sites

Verdastro 

Non è vero. Nell'ambiente questo meeting era atteso da molti, anche perché gli anni scorsi in tanti su questa pista avevano sbriciolato il loro pb facendo segnare personali mai più ripetuti dopo. Pensa al doppio record italiano della Bogliolo sui 100hs e di Re sui 400. Ti posso citare anche il velocista Riparelli che in carriera mai aveva corso sotto i 10"20 e su questa pista corse in 10"11. Per oggi pure il sito della Gazzetta aveva aperto uno streaming sulla gara.

Evidentemente quest'anno le condizioni non erano così ideali a parte l'altitudine visto che pochi hanno fatto segnare sb o pb, resta il fatto che i nostri 2 portacolori hanno fatto male a prescindere.

Oppure semplicemente vale la teoria con vena sarcastica di Heze 🙂

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Bravo Tortu che a Bellinzona ha appena corso in 10"07(vento leggermente contrario) suo sb, stesso tempo che fece segnare lo scorso anno in finale ai Mondiali di Doha, anche in quell'occasione fu season best.

È arrivato secondo a 5 centesimi da Simbine, uno dei velocisti top mondiali, manifestando un ottimo lanciato. Vediamo giovedì cosa farà al Golden Gala.

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.