Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Il topic del Tennis


Recommended Posts

  • Replies 6.1k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

soca.

un vero peccato che non ci sia il siringato di Manacor...che stia cercando in rete le nuove protesi al titanio radioattivo per il trapianto di ginocchio?

Congratulazioni sia a Nishikori che Cilic...due grandi match...     Quanto mi dispiace....

Posted Images

22 minutes ago, BlackSoul said:

Impresa pazzesca di Nadal, battuto l’argentino in un match epico. 

Adesso da completo sfavorito contro Berrettini. 

Per essere un ex giocatore fuori dalla terra(cit.) ci si può accontentare...

Comunque,per chi ha visto il match,non è stato così semplice...

Ora semi contro un magnifico Berrettini...

 

Link to post
Share on other sites

Berrettini ha tutto per diventare un big di questo sport: fondamentali, fisico e coraggio di osare.

Ho seguito quasi tutte le sue partite in questi US Open: sento magnificare sempre dai telecronisti le sue doti mentali. Ecco, se c'è una cosa in cui mi trovo in disaccordo è proprio questo. Il match contro Monfils mi ha confermato questa sensazione. Non parlo necessariamente del doppio fallo sul match point (che è stato comunque grottesco :asd ) ma alla gestione degli altri match point ed in generale ai momenti cruciali del match. Ha sempre rimesso in vita il francese portandoselo fino ad un pericolosissimo tiebreak del 5°set. Fortunatamente l'altro ci ha messo del suo per agevolare la vittoria del nostro; ci fosse stato uno più "scaltro" dall'altra parte della rete, il pericolo di subire una beffa sarebbe stato molto più concreto.

Anche l'inizio del match è stato caratterizzato da tensione eccessiva, al punto che temevo una Caporetto. Poi si è sciolto ed ha "dominato" nella sostanza. E' stato in campo troppo tempo ed in questo deve migliorare per essere competitivo al massimo negli Slam. Non può permettersi di stare in campo sempre più del dovuto in match 3su5 per due settimane.

Gli era già successo ad esempio contro l'australiano Popyrin al 3° turno: anche lì ha dominato tecnicamente la partita ma ha rischiato di trovarsi al 5° set. Spero che, da questo punto di vista, questo torneo possa servirgli da lezione; anche se non so fino a che punto si possa migliorare la "testa" in questi frangenti.

Detto questo, in semi "è durissima" (cit.) :asd 

Link to post
Share on other sites

Senza i 5 doppi falli negli ultimi 15 minuti al massimo.

Senza nulla togliere all'impresa di Matteo, ma contro un top 10 alla fine quella partita la perdi. Spero migliori da questo punto di vista, mi sembra un ragazzo intelligente. Lo farà.

Intanto godiamocelo in una semifinale (impossibile) di un major.

Link to post
Share on other sites

Però bisogna specificare cosa s'intende per solidità mentale soprattutto rapportata a certi nostri tennisti tipo Fognini. Ieri Berrettini ha sentito evidentemente l'importanza della posta in palio ed è normale visto che è nuovo a certi palcoscenici. Io quando mi riferisco al suo controllo mentale intendo proprio il fatto che nelle avversità e quando l'inerzia del match tende a scivolargli via anche al netto degli errori del suo avversario lui trova spesso il modo di ribaltare il tutto mantenendo appunto il controllo e se possibile aumentando il proprio livello di aggressività. Tutti gli errori di ieri soprattutto nel quinto set li vedo più come mancanza di istinto del killer invece che di vera e propria debolezza mentale. Voglio dire,  altri al suo posto l'avrebbero chiusa molto prima del tie-break mentre altri invece dopo aver sprecato tutti quei match point avrebbero accusato il colpo perdendo fiducia e incontro.

Comunque come da pronostico sarà Nadal il suo sfidante nella semifinale, se vuole avere delle possibilità uno dei fattori sarà sicuramente il servire con una buona percentuale di prime. Una volta che sei in ballo bisogna ballare senza accontentarsi, resta il fatto che sarei già soddisfatto se dovesse disputare pur perdendo un match equilibrato contro Rafa, proprio per il solito discorso che questa semifinale di Matteo in uno Slam non è il traguardo di una carriera quanto l'ennesimo punto di un percorso di crescita che si spera possa portarlo anno dopo anno a raggiungere un livello sempre più alto come fatto in questi anni e in questi mesi.

Intanto adesso è 13esimo nella classifica Atp a pochissimi punti da Fognini e soprattutto nono nella race direzione Londra.

 

Link to post
Share on other sites

anche con Rublev dopo una partita immacolata al servizio s'è fatto brekkare proprio quando ha servito per il match, detto questo ricordiamoci che fino all'anno scorso giocava ancora i challenger.

Per quanto riguarda la semifinale non rimaneteci troppo male se si piglia l'asfaltata (più che altro mi riferisco al bisteccone :asd), primo perchè Nadal da circa 2 anni e mezzo a parte gli altri due fenomeni asfalta praticamente chiunque negli slam, secondo perchè per Matteo non esiste probabilmente un matchup peggiore, sulla diagonale del rovescio mi aspetto una carneficina. 

Link to post
Share on other sites

Shooter 

Invece sono assolutamente pronto psicologicamente parlando a constatare l'imbarcata che Nadal darà al nostro Berrettini, anche se ovviamente spero in altro esito. Diciamo solo che fare peggio di quanto fatto contro Federer a Wimbledon è parecchio arduo.

Cambiando discorso, ieri ho sentito durante la telecronaca che gli Us Open una volta si giocarono per un breve periodo a Forest Hills su superficie in terra battuta di colore verde. Cioè se avessero continuato in quella sede fino ai giorni nostri Nadal a quest'ora quanti Grandi Slam avrebbe nel proprio palmares?

25/30?

Sarebbe indiscutibilmente il più vincente della storia e la questione Goat non si porrebbe nemmeno.

Gli stessi Austalian Open fino al 1987 si giocarono su superfici in erba, non penso che restando su erba sarebbe cambiato qualcosa per un Federer visto che in Australia ha vinto la bellezza di 6 major ma per altri erbivori meno competitivi sul cemento avrebbe eccome fatto la differenza. 

Tutto questo per dire che a seconda di come viene impostato l'evento, nel caso specifico su quale tipo di superficie, può cambiare tutta la percezione che si può avere sulla grandezza della carriera di un giocatore. 

Ma non solo, anche la modifica del computo dei set nelle finali dei tornei più importanti(tolti i GS) portandoli dal meglio dei 5 al meglio dei 3 penso che abbia cambiato qualcosa, tipo rendere le sfide più incerte livellando un pochino i veri valori. Se un giorno dovessero portare gli stessi tornei del Grande Slam con la conformazione del 2 su 3 cambierebbe totalmente il panorama dei valori di forza, un po' come nel ciclismo da quando nei grandi giri hanno drasticamente abbassato il chilometraggio medio di ogni tappa.

Link to post
Share on other sites

Stanotte tocca a Berrettini vendicare la sconfitta dell'Italbasket contro gli iberici eliminando colui che è il migliore interprete sportivo della loro storia :)

Scherzi a parte, missione quasi impossibile per il nostro Matteo ma io questo match me lo voglio godere dal primo all'ultimo minuto a prescindere dal suo esito. Forza Matteo!!!!!

Link to post
Share on other sites
8 minutes ago, Heze said:

Poco da fare, rammarico solo per il tie break che si poteva vincere.

Spiace. 

Ci credevano🤣🤣🤣

Comunque a parte gli scherzi..questo Berrettini può diventare un campione..giù il cappello davanti al suo UsOpen 

Vamossssss 

Link to post
Share on other sites

Si la differenza tra i 2 è stata abissale malgrado fino al settimo game del secondo set nessuno dei 2 aveva ancora perso il proprio game di servizio. 

Magari se Matteo avesse sfruttato i 2 set point al tie-break avrebbe preso ancora più fiducia togliendola a Rafa(ne dubito) ma nella sostanza l'esito del match non sarebbe cambiato.

Troppa differenza negli scambi a favore dello spagnolo e lo si è notato soprattutto nella % di punti vinti da Nadal sulla seconda del nostro giocatore. Troppo sotto pressione Matteo nei suoi turni di servizio dove raramente è riuscito a vincerli senza difendere almeno una palla break. 

Con una differenza così marcata direi che l'aspetto positivo del match disputato da Berrettini sta proprio nel fatto di essere riuscito a restare mentalmente in partita per i primi due set senza perdere controllo e concentrazione malgrado la costante pressione di Nadal che come hanno giustamente detto in telecronaca ha disputato un grandissimo incontro senza dare un attimo di respiro al suo avversario. Dev'essere davvero frustrante giocare contro un giocatore come Rafa. E quando vedi un simile livello di gioco ti rendi davvero conto perché lui, Federer e Djokovic appartengono ad altre galassie.

Detto questo, resta notevole quanto fatto da Matteo in questo Slam, semifinale raggiunta battendo tutti avversari con cui era favorito o contro cui se la poteva giocare, quindi cedendo in 3 set contro uno dei più grandi di sempre senza però subire la stessa umiliazione che un Federer gli inflisse a Wimbledon, quindi anche sotto questo aspetto passo decisamente in avanti per lui. Ora deve ripartire da questo grande Us Open per incrementare la propria fiducia nei suoi mezzi e di conseguenza cercare di migliorarsi sempre di più in tutti gli aspetti, quindi non solo nei suoi punti deboli. Potenzialmente ha veramente tutto per essere uno che può restare all'interno di una top ten per parecchi anni, a cominciare dal fatto non secondario che riesce ad adattarsi bene su ogni superficie, anche se a oggi il meglio vedendo le sue caratteristiche lo può esprimere soprattutto sull'erba.

Daje Matteo!

Link to post
Share on other sites
4 hours ago, Kobe N1 said:

Spiace. 

Ci credevano🤣🤣🤣

Comunque a parte gli scherzi..questo Berrettini può diventare un campione..giù il cappello davanti al suo UsOpen 

 

Vamossssss 

Non ho capito su quali basi fai lo splendido...

Link to post
Share on other sites
2 hours ago, BlackSoul said:

Non ho capito su quali basi fai lo splendido...

 

On 9/5/2019 at 7:30 AM, BlackSoul said:

Impresa pazzesca di Nadal, battuto l’argentino in un match epico. 

Adesso da completo sfavorito contro Berrettini. 

Io?????? 🤣🤣🤣🤣🤣

Madó non si può neanche scherzare...che nervosismo...

Lo dico perché ieri certe cose che ho visto e sentito dai media non mi sono per niente piaciute...cioè,SuperTennis ha fatto addirittura un mega speciale de "Il sogno di Matteo" con interviste a mamma,nonno,panettiere e alla fine pure il cane ha parlato e uno nel talk show prima ha addirittura consigliato,scherzando spero,di tirare una mazzata sulle ginocchia di Nadal poco prima del match. 

Qui in Italia,esageriamo sempre in tutto e onestamente per il bene di Berrettini non vorrei che tutte queste cose gli mettano solo addosso pressione e faccia il Cecchinato bis...non facciano come con Fognini post Montecarlo che sembrava avesse vinto 35 Slam di fila.. 

Secondo voi in Serbia,Spagna,Svizzera fanno ste cose ogni volta...io dubito..Matteo come Cecchinato ha raggiunto una semi Slam ed è un risultato stupendo ma calma,molta calma...e soprattutto rispetto verso leggende di questo sport..

Matteo ne ha da vendere. 

I media no...(quindi si..ci credevano..)

Link to post
Share on other sites

Kobe N1

Esiste una logica in tutto questo, ossia che noi italiani aspettiamo un grande campione da tempo immemore, oserei dire addirittura da sempre. Con tutto il rispetto per Panatta o Pietrangeli l'Italia nel tennis non ha mai avuto un giocatore capace di lasciare il segno in questo sport a suon di vittorie. Per questo ogni volta che un nostro tennista ottiene un grande risultato gli viene dato tutto quel risalto mediatico. Ma anche coi giovani emergenti come poteva essere Quinzi alcuni anni fa e Sinner oggi il discorso è analogo.

Quelle nazioni da te citate sono viziate troppo bene per essere un paragone davvero pertinente il tuo. Se un giorno anche noi dovessimo avere un fuoriclasse di quel calibro stai pur sicuro che tutto questo eco mediatico non avrebbe motivo di esistere per risultati come una semifinale di uno slam o per una vittoria di un master 1000 o un successo nel torneo juniores di Wimbledon.

Link to post
Share on other sites

Comunque io questo discorso della pressione che può nuocere un atleta fatico davvero a comprenderlo. Ogni sportivo che inizia a ottenere ottimi risultati genera attenzioni che chiaramente fanno parte del gioco. Un giovane quando inizia a fare sport penso che sia perfettamente consapevole di quello che gli potrebbe accadere in caso di exploit, quindi se non vuole avere pressioni esterne può benissimo cambiare mestiere.

Se poi uno si brucia per questo motivo vuol dire che mentalmente non è all'altezza della situazione.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.