Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Basket Italiano


Recommended Posts

Mi fa piacere rivedere a Bologna sponda Virtus l'entusiasmo delle grandi occasioni.

Ma ho ancora più piacere nel rivedere un Alessandro Gentile ritornato in grande spolvero.

Questo è un patrimonio del nostro basket, dopo Gallinari penso il più forte che abbiamo in un contesto di basket fiba, superiore per me anche a Belinelli,Bargnani e lo stesso Datome.

La causa del suo periodo di crisi iniziato due anni fa dopo gli ottimi europei che disputò nel 2015 ci sono costati il mancato accesso olimpico, perché sostanzialmente il Gentile visto a Torino era l'ombra del campione ammirato nel biennio precedente.

Adesso dopo una stagione successiva al preolimpico ancora più difficile sembra davvero rigenerato dall'ambiente Virtus.

E con tutto il rispetto per le altre squadre mi piacerebbe tanto rivedere una finale tra Virtus e Olimpia per riassaporare certe storiche sfide che ho vissuto negli anni 90.

E diciamo che se nel campionato italiano esiste un giocatore capace di spostare certi equilibri quello è proprio il figlio del grande Nando.

 

Comunque che bello a ripensare al periodo di basket City con Bologna capitale cestistica del continente a fine secolo scorso,quando c'erano anche squadroni come la Benetton,l'Olimpia ma anche squadra che in Europa si facevano rispettare come Verona,Roma e la stessa mitica Varese dello scudetto della stella griffato Meneghin e Pozzecco.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 4.9k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

1-0 Il silenzio è già iniziato?

Contento tu È una serie di finale tra due squadre modeste figlie di un campionato livellato verso il basso Ma se pensi che questa Roma possa essere campione italiana sei da ricovero immediato imho

Ma tu che cosa scrivi? Io posso tifare Siena come tu tifi Roma ? Allora stai zitto

Posted Images

Dandi

 

Non conosco le vostre dinamiche di tifo e di come voi tifosi dell'Olimpia vi siete lasciati nei suoi confronti ma avendo seguito tutte le stagioni di Milano con Gentile per me Milano deve più a Gentile di quanto il giocatore deve alla stessa.

Nel primo scudetto il suo impatto fu devastante, così come lo fu l'anno dopo pur non vincendo lo scudetto.

Nel secondo scudetto fece il suo ma in tono minore.

Per me lui è un grande, per mentalità sul parquet il giocatore italiano che più adoro tra quelli attuali.

Link to post
Share on other sites

Finita adesso 89-72 per la Virtus contro Sassari.

Bella impressione,si sono fatti annullare un vantaggio notevole a metà terzo quarto ma poi da grande squadra hanno reagito nel finale uccidendo le velleità dei sassaresi.

Come detto da Pittis in telecronaca sono una squadra molto fisica aspetto che in Italia inciderà non poco.

Sono un gruppo nuovo eppure sembrano già belli affiatati.

E soprattutto hanno appunto un Gentile davvero tornato ai suoi massimi livelli.

Il casertano genera sempre qualcosa ogni volta che ha il pallone tra le mani, non la sua migliore partita eppure chiude a 15 punti,9 rimbalzi e 6 assist, assistenze che potevano essere molte di più a referto se non fosse che a inizio gara i suoi compagni hanno sprecato dei cioccolatini generati dalla sua incredibile e spesso sottovalutata visione di gioco.

L'ho sempre detto che lui quando è in forma fisicamente in Italia ha un impatto simile a quello che ha un Lebron in nba.

Pazzesco pensare che questo è stato messo ai margini sia al Panathinaikos che in Israele, ok che era fisicamente in condizioni rivedibili e di testa aveva staccato la spina, ma la classe che ha lui in Europa appartiene davvero a pochissimi altri.

A Bologna sicuramente un giocatore così non lo vedevano dai tempi del mitico ciclo di Messina ormai agli sgoccioli.

Link to post
Share on other sites

Bisteccone per AleGent ho provato un amore viscerale ed intenso, non ho mai voluto bene ad un giocatore dell'Olimpia quanto ne ho voluto a lui. Chi mi conosce lo sa, in merito ho speso fiumi di parole tali da dare vita a un centinaio di laghi artificiali.

 

Era italiano, giovane, fortissimo, attaccato alla maglia (lui veramente, non come Galli vari). Trattato come l'ultimo degli stronzi. L'ho difeso contro il mondo, contro i tifosi delle altre squadre, contro quelli che sarebbero dovuti essere i suoi e invece lo mandavano a fanculo appena alzava un sopracciglio, contro tutti. Ne avevo fatto una malattia per Gentile.

 

Già vederlo alla V per me è un dolore immenso, immaginarmi poi di trovarmelo contro in finale e magari perdarla sarebbe veramente troppo. In molti se lo meriterebbero, io no. Auguro a lui di fare una stagione formidabile, ma con risultati di squadra il più modesti possibile.

Link to post
Share on other sites

Gallinari è uno a cui dell'Olimpia non gliene è mai fregato niente, come anche della Nazionale e del basket in generale. Un professionista molto più che un agonista, come avevo già sottolineato in passato. In questo caso è pure un paraculo, si è sempre tenuto buona la gente parlando del suo amore per Milano e cazzate varie giusto per garantirsi un finale di carriera tranquillo da semidio intoccabile che ci ha anche fatto la carità di tornare, bontà sua.

 

Gentile alla fine della fiera ha pagato soprattutto un errore che non fu suo, ossia farlo capitano poco più che ventenne. E' stato messo su un piedistallo troppo alto per un ragazzo di quell'età e per un giocatore "emotivo" come lui (nel senso che vive molto la partita, sbraita, si incazza, smoccola, trolla gli avversari), dopo di che prendiamo in mano il consuntivo finale e leggiamo:

 

-2 scudetti da capitano, il primo (2014 contro Siena, la vittoria più bella del mondo) da MVP e leader indiscusso di una squadra che annoverava anche campioni pluridecorati come Langford e Moss, il secondo (2016) giocando i playoff tre settimane dopo essersi rotto un dito della mano tiratrice, non brillando ma dando lo stesso un contributo tra il discreto ed il buono.

-Nel mezzo la serie del 2015 contro Sassari, giocata da onnipotente. Sotto 1-3 si caricò la squadra sulle spalle e portò la serie all'OT di gara 7, perso da stronzi tra l'altro.

 

Potrei anche perdermi nell'aneddotica spiccia, citando lui che convoca a cena i compagni sul 2-3 vs. Siena e sull'1-3 vs. Sassari facendo un discorso del tipo qua non si molla un cazzo.

 

Purtroppo da quella stramaledetta intervista sul parquet di Reggio Emilia (in cui fece intendere di sentire chiuso il suo ciclo a Milano e di sentirsi pronto per l'NBA, col senno di poi sbagliando) si è rotto tutto, il suo rapporto con la città, quello con la gente, quello con i compagni, con l'allenatore, tutto quanto. E' passato da icona ad esubero malsopportato, il che ha dato inizio allo stillicidio che ha mandato a monte la stagione scorsa sia a noi che a lui.

 

Ciò nonostante io non mi dimentico il pianto a dirotto dopo l'overtime contro Sassari e la promessa "il prossimo anno ci riprenderemo il nostro scudetto", e la festa al Lido 12 mesi dopo in cui riprese quelle parole con la coppa in mano. Soprattutto non mi dimentico la schiacciata liberatoria in gara 7 contro Siena, quando si involò in campo aperto inchiodando i 2 punti della staffa, uccise la scimmia che avevamo sulla spalla da 18 anni e diede di fatto inizio all'invasione di campo di 12mila persone.

 

Ero a bordocampo, quando schiacciava Gentile (semicit.)

Link to post
Share on other sites

Dandi

 

Quoto tutto ciò che hai scritto.

Fa piacere vedere che ci sono anche tifosi riconoscenti.

Ovviamente sono d'accordo anche con l'analisi su Gallinari.

A me ha sempre dato l'impressione di essere un montato, uno che tra l'altro quando lo senti parlare sembra a volte non essere a conoscenza dei suoi limiti (o fa finta di non esserlo) che purtroppo ci sono eccome soprattutto a livello mentale.

A me l'approccio di Gentile fa impazzire, è un trascinatore che ha una cattiveria agonistica feroce che al solito la manifesta più coi fatti che a parole.

La sua avventura a Milano resta davvero di quelle entusiasmanti.

Ricordo anche io quella serie contro Siena per porre fine alla maledizione dell'Olimpia di uno scudetto che non arrivava da un eternità per un club così glorioso.

Quella sua gara 6 a Siena,nello specifico soprattutto quel suo terzo quarto fu una delle prestazioni più leggendarie che abbia mai visto in una singola gara di playoff italiani, e io ho visto pure l'immensa performance di Myers in gara 5 di finale contro la Benetton a Treviso datata 1997,questo per dire da quanto seguo la nostra serie A.

 

Comunque cambiando parzialmente discorso, a prescindere dal momento che ha passato sono contento che almeno di rigetto si sia tolto ogni tipo di ambizione nba.

Gentile è il classico giocatore che in America non troverebbe spazio rapportato al suo talento ma che in Europa al suo meglio è davvero secondo a pochissimi.

Ripeto, in un contesto fiba questo piscia in testa a Belinelli ed è per me superiore anche a Datome e neppure di poco.

Bargnani "poveretto" è un caso a parte.

Con un altra testa sarebbe il giocatore più forte mai prodotto dal nostro basket.

Link to post
Share on other sites

Bistecca

Piccola parentesi, solo per dire che la testa è una componente importante quanto la tecnica, il fisico ecc ecc...

Non si può sentire ancora la solita storia della testa come giustificazione parziale di una carriera...

Naturalmente è un discorso generale, soprattutto a livello calcistico viene abusato, proprio oggi leggevo di Cassano che poteva essere come messi, se avesse avuto la testa, se...

Link to post
Share on other sites

Uelo

 

Vero,infatti sportivamente parlando è grave come cosa.

Diciamo che se vogliamo essere più precisi a livello di talento per il mix di fisico,tecnica e anche atletismo è la cosa più assurda partorita dal nostro basket.

 

Comunque prendo spunto da tutto ciò per dire che mi dispiace veramente tanto pensare a questa generazione che alla fine verrà ricordata per quanto dimostrato in nazionale come una delle peggiori di sempre.

I rimpianti sono ovviamente la mancata qualificazione ai mondiali del 2014 quando perdemmo quel maledetto spareggio con l'Ucraina(eravamo ormai cotti ma lo stesso non si può giustificare) e soprattutto gli europei 2015.

In quella edizione i nostri big, ad eccezione di Datome fuori per infortunio proprio alla vigilia, erano tutti in forma e motivati come non mai.

Purtroppo con la Lituania gestimmo male i possessi decisivi ma quella era una versione della nazionale che poteva puntare anche al colpo grosso.

Con la Spagna giocammo una delle migliori partite nella storia della nazionale, avevamo un potenziale offensivo illimitato e 4 giocatori che insieme diventavano un bel rebus per chiunque.

Meno rimpianti per il preolimpico perché onestamente quella squadra che perse contro la Croazia aveva parecchi giocatori ormai cotti a quel punto della stagione,questo per diverse ragioni.

La Croazia in casa la si poteva battere lo stesso ma poi dubito che all'Olimpiade si sarebbe potuto recitare un ruolo da protagonista.

 

Adesso con gli ultimi europei si può dire che un ciclo s'è definitivamente chiuso perché oltre a Belinelli anche Bargnani non penso che vedrà mai più la nazionale.

Discorso diverso per Gallinari e Datome o lo stesso Hackett anche se ormai pure la loro avventura è agli sgoccioli.

Giusto ripartire da Gentile-Melli in primis, sperando nel frattempo che altri giocatori di discreto talento emergano definitivamente, penso a Della Valle ma anche lo stesso Abass senza dimenticare Pascolo e la curiosità Mussini.

E speriamo soprattutto che prima o poi possa venir fuori quel benedetto pivot che tanto comodo ci farebbe.

Non pretendo un M.Gasol e neanche un Marjanovic ma almeno gente del livello che erano Marconato,Chiacig per non parlare di Rusconi.

Link to post
Share on other sites

Ragazzi io non capisco cosa vi abbia fatto Danilo... ero al Palalido nelle sue prime uscite, con Giuseppone e Kiwi Garris, ed è stato colpo di fulmine. Negli anni ho avuto modo di conoscerlo anche come persona ed è un ragazzo squisito, innamorato del basket, dell'Olimpia, di Milano, del Milan e della sua famiglia. È quello che ciascuno di noi avrebbe voluto diventare e lui ce l'ha fatta: mai una parola fuori posto, mai un comportamento sbagliato fino al pugno di questa estate. In quel pugno secondo me c'è la frustrazione di essere il giocatore italiano più forte della storia di questo sport e ciò nonostante non avere vinto mai nulla in carriera, né coi club né in azzurro. Danilo è Dejan Bodiroga 2.0, è il ragazzo di provincia che ha conquistato il mondo... sempre eterna stima, come nel 2006, oggi, cantando Daniloooo Gallinarii alè

Link to post
Share on other sites

Ragazzi io non capisco cosa vi abbia fatto Danilo... ero al Palalido nelle sue prime uscite, con Giuseppone e Kiwi Garris, ed è stato colpo di fulmine. Negli anni ho avuto modo di conoscerlo anche come persona ed è un ragazzo squisito, innamorato del basket, dell'Olimpia, di Milano, del Milan e della sua famiglia. È quello che ciascuno di noi avrebbe voluto diventare e lui ce l'ha fatta: mai una parola fuori posto, mai un comportamento sbagliato fino al pugno di questa estate. In quel pugno secondo me c'è la frustrazione di essere il giocatore italiano più forte della storia di questo sport e ciò nonostante non avere vinto mai nulla in carriera, né coi club né in azzurro. Danilo è Dejan Bodiroga 2.0, è il ragazzo di provincia che ha conquistato il mondo... sempre eterna stima, come nel 2006, oggi, cantando Daniloooo Gallinarii alè

Quando ci hai parlato per l'ultima volta? Perché quest'estate al campetto non ho avuto bisogno di parlarci per capire che tipo di persona sia (o sia diventato)

Link to post
Share on other sites

JackInTheBox

 

Io non giudico la persona che neanche conosco e non ho motivi per dubitare quanto dici.

Quando sostengo che sembra un montato mi riferisco al suo modo di porsi nelle varie interviste limitandomi alla pallacanestro.

Comunque è indiscutibilmente un eccellente uomo squadra, pure troppo.

Uno col suo talento pensando soprattutto al suo periodo con la nazionale dovrebbe essere più accentratore.

Quello che era ad esempio a Milano l'anno prima di sbarcare in nba.

La realtà è che dei tre storici italiani con una lunga carriera in nba Belinelli è quello più sicuro dei suoi mezzi che sono comunque inferiori a quelli degli altri due.

Sicurezza che in nba è stata la sua forza nel continuare a sgomitare in quel mondo anche quando nei primi anni fu messo ai margini.

Il Gallo è il perfetto equilibrio di un giocatore che gioca esclusivamente in funzione della squadra, che ripeto avrebbe dovuto in rapporto al talento avere anche un pizzico di sano egoismo in più sul parquet, diciamo un KG versione italiana da questo punto di vista.

Mentre Bargnani ovviamente è il più svogliato, quello che davvero sembra vivere in un mondo tutto suo.

E dei tre è anche quello più riservato e chiuso e per questo ha sempre avuto meno considerazione.

Diciamo che a lui nessuno gli ha mai regalato un elogio che andasse oltre i propri meriti.

Gallinari da questo punto di vista è molto più bravo ad "abbindolarsi" parte di quei media che vivono di luce riflessa.

Link to post
Share on other sites

Quando ci hai parlato per l'ultima volta? Perché quest'estate al campetto non ho avuto bisogno di parlarci per capire che tipo di persona sia (o sia diventato)

Due estati fa l'ultima volta... anche se ho contatti tutt'oggi con persone molto vicine a lui che non mi hanno dato impressioni negative. Però ovviamente non ho motivo di non crederti... che dire, magari una giornata no, magari hollywood ha già fatto effetto.
Link to post
Share on other sites

Comunque il discorso penso che stia prendendo una direzione sbagliata.

Prima di tutto perché alcuni di voi possono anche conoscere direttamente o indirettamente Danilo ma non penso così bene da giudicare la persona Gallinari.

È sinceramente anche se fosse arrogante,antipatico,viziato,narcisista a chi interessa davvero?

 

Si parlava di approccio al mondo del basket.

Penso che la stessa disamina di Dandi era indirizzata a questo.

Cioè qui quasi tutti stravediamo per Kobe anche per il suo approccio alla pallacanestro eppure penso che nessuno pensi davvero che Kobe nella vita di tutti i giorni sia la persona più alla mano che esista,anzi.

Ha detto bene Dandi quando ha descritto Gallinari come un giocatore che ragiona esclusivamente da professionista.

Cioè a sensazione e basandomi su alcune interviste lui è veramente il tipo che difficilmente baratterebbe un mega contratto per inseguire il sogno di un titolo rinunciando a qualcosa sul tavolo.

È uno che evita polemiche ed è molto attento al dialogo con la stampa perché ha capito che la sua immagine altrimenti potrebbe uscirne ridimensionata.

Sta al gioco e se non fosse per la rissa con la nazionale comunque su un tipo di reazione istintiva che sul momento non puoi controllare mi verrebbe quasi da pensare che fosse un computer che ha la missione di ottenere il maggior profitto dal lavoro che fa.

Tutto molto rispettabile ma le vere ambizioni che piacciono alla gente sono altre.

Io penso che Kobe quando da piccolo si pose l'obiettivo di diventare il miglior giocatore del mondo e della storia non aveva altri secondi fini da questo suo desiderio.

Per uno come Kobe il basket a sensazione è un gioco, per uno come Gallinari sempre a sensazione è un lavoro.

Per Bargnani un passatempo :)

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Stasera c'è l'unica partita che mi interessa di tutta la regular season (penso vada anche in diretta Rai).

 

Vediamo se il pubblico di Milano riuscirà a regalare ad AleGent l'ovazione che si merita, io purtroppo nutro seri dubbi in merito.

Link to post
Share on other sites

Dandi

 

Non l'hanno fischiato o sbaglio?

Comunque Virtus che continua a giocarsela con le big per poi perdere sempre negli ultimi possessi.

Era successo a Trento,in casa con Venezia e ieri a Milano.

La base è buona e Gentile genera sempre qualcosa, anche se ieri ha perso troppi palloni e non ha tirato benissimo, eppure a referto in una gara in cui comunque gli attacchi non hanno brillato ti mette sempre 20-7-5 in una gara tutt'altro che da ricordare per lui da un punto di vista tecnico.

Comunque a questa Virtus manca ancora il giusto killer istinct e anche un altro lungo da rotazione e poi può veramente giocarsela fino in fondo.

Link to post
Share on other sites

Mi è sembrata ottima l'accoglienza del Forum per AleGent (peccato - fra gli altri falliti - il tiro vanificato del possibile pari). Sono pure contento di aver rivisto questa classica in A. Purtroppo la V continua (spero non continuerà) a perdere partite punto a punto Ottimo Slaughter che in realtà non mi aspettavo giocasse e invece ha tenuto per me bene anche difensivamente , positivo Ndoja . Lafayette fra i migliori, ma per l'Olimpia.....Troppe palle perse per la V, soprattutto nel finale. Poteva essere 4-2 il record dopo le prime 6, ma i rimpianti più grossi vanno in caso alla gara con Venezia e/o a quella con Trento.        

Link to post
Share on other sites

Durante la presentazione delle squadre ha ricevuto praticamente solo applausi (io ero in piedi sulla balaustra nella speranza che mi vedesse :asd).

 

Nel corso della partita si è preso qualche inevitabile fischio figlio più che altro della paura, poi vabbè anche a gara conclusa ho sentito volare gli immancabili vaffanculi ad personam che ha sempre preso anche quando giocava per noi da quelli che sarebbero dovuti essere "suoi tifosi"... Gente veramente miserabile che con ogni probabilità conduce un'esistenza particolarmente triste.

 

Notizia di giornata bellissima perché inattesa: bentornato a casa Curtis.

Link to post
Share on other sites

Anche se la mia squadra ha perso stasera ho avuto l'ennesima dimostrazione di quanto sia pallacanestro sia speciale.

 

50 minuti di applausi sia all'Olimpia che alla Scandone, la partita che hanno giocato è stata un inno allo sport (oltre che alla vita del tifoso Olimpia: The Shot 2.0 e Ruben Douglas 2.0 nello spazio di 3 secondi).

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.