Jump to content

Welcome to LakersLand!

Registrati qui

Sign in to follow this  
Magic89

NBA Finals: L.A. Lakers Vs Boston Celtics

Recommended Posts

PLAYOFFS 2010 PREVIEW NBA FINALS

 

 

10poD_wallpaper_1280.jpg

 

LA Lakers vs Boston Celtics

 

 

SERIES:

Due stili differenti, due modi diversi di intendere il basket e tutto ciò che sta intorno ad esso.

Due ambienti opposti, con culture completamente differenti.

E due squadre da ammirare, che hanno fatto e continuano a fare la storia della NBA.

Los Angeles Lakers e Boston Celtics tornano a scontrarsi alle Finals, per quello che è un classico di questa Lega e per quella che è una serie tra le due squadre più vincenti della storia.

Nella notte tra giovedì e venerdì, lo Staples Center, a meno di un anno di distanza, riapre le proprie porte alle Finals NBA, per la settima volta negli ultimi dieci anni.

 

I nostri gialloviola, con Kobe Bryant in primis, hanno il bisogno e la necessità di riscattare quella che è stata una serie-incubo, nel 2008, dove funzionò poco o nulla e dove gli acerrimi rivali dei Celtics annientarono sotto ogni punto di vista, la squadra di Phil Jackson.

I Lakers arrivano alle Finals con un percorso particolare; sì, perchè dopo il sudatissimo 4-2 contro i Thunder, dove si mostrò una condizione fisica generale mediocre, in pochi credevano in un cammino lineare come quello che Kobe Bryant e compagni hanno tenuto dalle Semifinali di Conference in poi: sweep ai danni dei Jazz e 4-2 classico, con vittorie nelle gare 5 e 6, nelle WFC contro i Suns.

 

Dall'altra parte, i Celtics arrivano a queste Finals come vera e propria sorpresa, dopo una stagione regolare complicatissima e dopo che tutti, tra i media, davano per spacciati i Big Three: troppo vecchi, troppo stanchi, già bolliti.

E invece no, perchè Boston, dopo un agevole primo turno contro gli Heat, ha sbattuto fuori due delle più grandi favorite all'anello: i Cavs del presunto Re della Lega Lebron James e gli Orlando Magic di coach Stan Van Gundy.

 

Da una parte, la voglia di rivincita e il sogno di raggiungere il Repeat, che vorrebbe dire 11esimo anello di Jackson e quinto dei Lakers negli ultimi 10 anni.

Dall'altra, la necessità di continuare un sogno, da parte dei Celtics, un sogno che porterebbe al secondo anello negli ultimi tre anni.

Los Angeles Lakers-Boston Celtics è, oggettivamente, la serie più bella che il basket mondiale possa proporre al momento.

 

 

MATCH UP:

6572.jpg6496.jpgvs1113178.jpg6457.jpg

E' molto probabile che Phil Jackson parta con Fisher su Rondo, almeno per il primo dei due match casalinghi. Il Venerabile Maestro ha disputato i migliori Playoffs degli ultimi 5 anni, mostrando una continuità difensiva ed offensiva davvero mirevole. D'altro canto, Rondo è oramai diventato il primo vero ago della bilancia di Boston e, anche lui, ha delle medie paurose in questi Playoffs: 16 punti, 5 rimbalzi, 10 assist e 2 recuperate in 40 minuti di gioco.

Un Rondo che verrà marcato probabilmente da Fish come detto, inizialmente e poi, se le cose dovessero andar male da Kobe Bryant: il Mamba, dopo lo spavento che ha fatto prendere a tutti i tifosi per le sue mediocri condizioni fisiche mostrate contro i Thunder, ha disputato due serie Jordaniane contro Jazz e Suns, con un approccio, un'aggressività e una pulizia tecnica prossima alla perfezione. Il quarto periodo giocato in quel di Phoenix, nell'ultima gara6, in molti ha ricordato gli ultimi quarti giocati da Jordan, in passato. Da brividi.

Per entrare definitivamente nella storia di questa franchigia al pari di Magic Johnson, Kobe, però, deve vincere una serie contro i Celtics nella sua carriera; non è il momento più giusto, questo?

A chiudere il back-court, fatto da grandi nomi e grandi giocatori, Ray Allen, che nonostante alcune difficoltà incontrate, sta tracciando un cammino, nei suoi PO, simile a quello di due anni fa e potrà essere devastante in uscite dai blocchi.

PARITA'

 

139045.jpg240285.jpg555938.jpgvs20626.jpg6581.jpg400566.jpg

In front-line, vi sono due dei match-up che potranno cambiare completamente questa serie, da una parte e dall'altra.

Paul Pierce, nel 2008, fece fuoco e fiamme con la difesa lacustre, sfruttando ogni volta il miss-match con il povero Vladimir Radmanovic, umiliato in lungo e in largo, per tutti i 48'. Quest'anno, però, avrà di fronte Ron Artest; quest'ultimo sta disputando dei Playoffs davvero ottimi. Costante difensivamente, dove ha fatto sempre molto bene contro i suoi rivali diretti, a singhiozzo in attacco, dove però è in crescendo.

L'altro confronto-chiave, forse quello che più condizionerà l'esito di questa serie, è quello tra Pau Gasol e Kevin Garnett. Due anni fa, Garnett cancellò i suoi avversari in front-line, guidò il reticolo difensivo preparato da Thibodeau in maniera pressochè perfetta e relegò Gasol ad un semplice centro di 2.16. Sono passati due anni, il nostro Catalano ha compiuto un processo di maturazione tale che lo porterà a fare sicuramente meglio; ma far meglio non basterà. Pau dovrà necessariamente giocare una serie pressochè perfetta, sia difensivamente, sia offensivamente per contrastare un giocatore come KG, che sa come difendere su di lui e sa come far uscire psicologicamente da un match e da una serie, i suoi avversari diretti più pericolosi.

A concludere Perkins e Bynum, con quest'ultimo che dovrà fare la voce grossa, nonostante il problema al ginocchio, per sfruttare la sua evidente superiorità tecnica.

LIEVE VANTAGGIO LAKERS

 

1113154.jpg1113145.jpg400579.jpg139087.jpgvs6571.jpg498270.jpg6837.jpg1231865.jpg

Sempre delicato, il confronto delle due panchine, quando di mezzo ci sono giocatori discontinui come quelli di Lakers e Celtics.

Sì, perchè tutto dipende da Candy-man, mr Kardashian Lamar Odom e Sheeeeeeeed Rasheed Wallace. Il primo, un giocatore che ha deciso di entrare in campo e giocare appena 3-4 volte in tutti i Playoffs, ma cestista capace, come sempre, di cambiare le sorti di una serie con 30-40 minuti di grande basket. Il secondo, giocatore psicolabile se ce n'è uno; l'ex Pistons ha disputato una stagione regolare da schiaffi, per poi prendere il proscenio nei Playoffs, dominando difensivamente alcuni match-chiave contro Jamison (vs i Cavs) e Howard (vs i Magic).

Tra gli altri, il duo Farmar-Brown, che con gli alti&bassi usuali, sta comunque facendo il proprio onesto lavoro dalla panchina in maniera quantomeno discreta, se la dovrà vedere contro Tony Allen (che dopo aver marcato James, avrà di fronte il vero dominatore della Lega, Bryant) e Michael Finley.

Infine, Glen Davis ha le caratteristiche per avere un certo impatto su questa serie: atleticamente goffo, ma fisicamente devastante, è migliorato costantemente dal punto di vista tecnico e può diventare quello che, per i Celtics, due anni fa fu Leon Powe. Per i gialloviola, sicuramente ci sarà qualche minuto per Luke Walton e, si spera, nessuno per Sasha Vujacic.

PARITA'

 

 

KEY FACTORS

-Triple Post Offense: Nelle Finals 2008, Thibodeau costruì una vera e propria gabbia per Bryant e Gasol, i due perni principali di questo sistema offensivo, per questi Lakers. Una gabbia che funzionò, che tolse qualità ai tagli dal lato debole e libertà al portatore di palla sul lato forte. Tante volte abbiamo visto un Bryant triplicato e tante volte abbiamo potuto notare che le possibilità di fare un buon passaggio e/o ribaltamento erano davvero ridotte al minimo. Sono passati due anni, questo gruppo ha un vissuto comune e due stagioni intere di TPO in più; sarà fondamentale attaccare con pulizia, tanta pazienza e rigore tecnico, specie se, come si è letto in questi giorni, Thibodeau deciderà di attuare una difesa a zona, nel corso della serie.

Occhio ad Artest; i Celtics hanno sicuramente visto in lui il punto debole del Sistema offensivo dei gialloviola e sarà fondamentale che Ron Ron riesca a leggere i tagli dal lato debole, con i tempi giusti.

-Pick&roll Kobe-Pau: Si tratta dell'unica arma che i Celtics hanno sofferto anche in passato. Si tratta di una soluzione offensiva devastante, che apre molti più spazi e dà molte più opzioni di quelle che si possono immaginare. Dovrà essere sfruttato di più e con più costanza, il pick&roll tra due dei giocatori che forse lo eseguono meglio nella Lega, per tempi e precisione.

-Kevin Garnett: Non c'è nulla da fare, questo giocatore è e rimarrà il vero barometro dei Boston Celtics. Rondo è chiaramente l'ago della bilancia per i ritmi offensivi della squadra, Pierce e Allen rimangono assolutamente fondamentali su ambo i lati del campo; ma Garnett cambia la serie in maniera totale. La sua presenza, le sue indicazioni, la sua leadership nella propria metà campo, sono assolutamente fondamentali. A febbraio pareva fisicamente finito, ora, 4 mesi più tardi, continua ad essere la chiave di questa serie, per i Celtics.

 

 

HEAD TO HEAD:

L.A. Lakers - Boston Celtics 1-1: 31/01 Celtics-Lakers 89-90, 18/02 Lakers-Celtics 86-87

 

 

STATS:

iy0qhe.jpg

 

Appuntamento per gara1 di queste Finals, la notte tra giovedì e venerdì alle ore 03.00 italine (6pm locali).

Per i lacustri, si tratta della 31esima Finale su 61 stagioni NBA, ma c'è un record fastidioso da mettere a posto: quel 2-9 contro i Celtics che, nella storia di queste due franchigie (per motivi diametralmente opposti) pesa come un macigno

REVENGE!!!!!!! LET'S GO LAKERS :!::!::!:

 

 

by Davi 91

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tensione...tanta tanta... :vedolestelle:vedolestelle

 

Dai ragazzi spacchiamoli!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Fresh Prince

Per me vincono i knicks :ahahah , vabbè dai è per stemperare la tensione....ma un titolo il madison square garden lo meriterebbe.... :fiskio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bravo Davi, ottimo lavoro... yes

 

Io continuo a vedere Kobe su Rondo, non tanto perchè il pesce possa subirlo troppo ma proprio perchè non riesco ad immaginarmi il capitano che corre dietro a Ray Allen e prendere colpi sui blocchi... (regolari? :ahahah )

 

Siamo vicini all'appuntamento, la tensione sta incominciando a salire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest jordan23

la tensione sale a vista d'occhio :vedolestelle:vedolestelle

Share this post


Link to post
Share on other sites

The Lakers practiced Tuesday in preparation for Game 1 of the NBA Finals against the Boston Celtics.

 

The Lakers watched film of the Celtics on Monday, but got back to work Tuesday, mostly working on their defense.

 

Kobe Bryant didn't practice because he was getting rest. Andrew Bynum didn't practice because he his right knee was drained Monday. Bynum said he will practice Wednesday.

 

"Today was about defense, really," Derek Fisher said. "That's what it's going to take to win this series."

 

The Lakers finished practice with a five-on-five scrimmage.

 

 

nn resisto +++++++

Share this post


Link to post
Share on other sites

Analizzando un attimo la front-line, ci potrebbe essere anche un lieve vantaggio Celtics.

 

Escluso Pierce che dovrebbe esser messo in grave difficoltà da Artest, Garnett e Pierkins possono giocare contro Gasol e Bynum.

 

Il primo, per quanto possa essere un buonissimo difensore sia in single coverage che non, gioca contro Garnett, probabilmente il miglior lungo offensivo degli ultimi 10 anni (escluso O'Neal). In questi 2 anni ha avuto un miglioramento non indifferente il catalano, ma dall'altra parte sembra che il 5# non abbia avuto nessuno regresso.

 

Il secondo sappiamo tutti come gioca in difesa, anche se sembra aver dato alcuni squilli convincenti nella serie con i Jazz e con i Suns. Pierkins è tatticamente inferiore, ma sa sfruttare il suo fisico e offensivamente a me piace (probabilmente un centro underrated).

 

Troveremo abbastanza spesso Odom in campo su Garnett con Gasol su Pierkins. Odom sa difendere meglio sui lunghi che fanno del tiro dalla media distanza la propria arma e Gasol può sfruttare la sua prevalenza tecnica anche in difesa (anche se c'è una grande differenza fisica).

Dj Mbenga a subentrare per spendere qualche fallo.

 

Imho, puo' anche essere a vantaggio dei Celtics il capitolo front line.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sul blog di tranquillo c'è l'analisi anche dell'attaco dei verdi.cmq io non ce la faccio più,non vedo l'ora che arrivi gara 1,la tensione mi sta uccidendo,poi queste preview sono belle perchè sono corrette ma quello che conta è il campo,dai dai,LET'S GO LAKERS!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.