Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

BASKET ITALIANO


Recommended Posts

Qualcuno che segue Milano più assiduamente di me, mi sa spiegare per quale motivo devono stare in campo così a lungo gente come Finley, Acker e Petravicius? Io allenatore italiano di una squadra italiana me la giocherei con il Mancio, Mordente, Bulleri e Rocca anche se non stiamo parlando di quattro uomini in grado di stare trenta minuti in campo., questo è chiaro.

 

Sopratutto Rocca e Bulleri li farei stare molto più a lungo rispetto a quei pasticcioni di americani, ma qualche più assiduo tifoso magari potrà dirmi il contrario.

 

Ma....e seriamente, vogliamo parlare dei due lituani? Posto che non seguo milano, li trovo irritanti come Acker, più giocatore di carte che di pallacanestro.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 926
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

il problema è che bucchi non sa adattare il proprio inutile gioco ai suoi uomini. maciulis e petravicius sono due signori giocatori, ma signori eh...petravicius a livello europeo è un ottimo centro, a livello italiano può essere dominante, ma se lo deve usare come un mason rocca qualunque con qualche ricezione da pick and roll, lui che è piuttosto statico, è chiaro che fa fatica.

maciulis è un giocatore che fidatevi è meraviglioso. ma non lo puoi usare come l'ultimo dei malaventura, altrimenti è inutile. gli devi dare più la palla in mano, lo devi mandare in post basso, coinvolgerlo. non puoi sbatterlo in un angolo e dargli uno scarico per tirare da tre ogni tanto.

 

 

acker secondo me ha bisogno di riprendere abitudine a giocare molto, nel 2007 con l'olympiacos era devastante.

Link to post
Share on other sites
Si volta pagina. Carlo Recalcati, dopo 8 anni alla guida della Nazionale di basket, sarà sostituito. La decisione, all'attuale ct italiano, è stata comunicata dal presidente della Fip Dino Meneghin. Il tecnico ha un contratto fino al settembre 2010 e ancora non è stato deciso se sarà rispettato l'accordo (in tal caso Recalcati ricoprirebbe un altro ruolo) oppure se il ct sarà liberato. Una volta risolta queste magagna, verrà scelto il sostituto.

 

Per il dopo Recalcati, la rosa dei candidati tra cui scegliere non è poi così ampia. La Fip sembra voglia puntare su un allenatore italiano: si era parlato di Mike D'Antoni, che italiano non è ma è come se lo fosse visto che nel nostro Paese ha giocato (Olimpia Milano), ha allenato (Milano e Treviso) e ha pure vinto, e molto. L'italo-americano è però impegnato in Nba con i New York Knicks (dove gioca Gallinari). Per questo motivo un suo arrivo sembra pressoché impossibile.

 

Se tra i papabili escludiamo anche Ettore Messina - che quest'anno allena in Spagna (Real Madrid) dove ai tecnici è precluso il part time -, rimangono con tutta probabilità solo due nomi nella lista di Dino Meneghin: Simone Pianigiani, il coach della Montepaschi Siena che da tre anni domina in Italia, e Pino Sacripanti (attualmente a Caserta), che a differenza degli altri conosce già l'ambiente della Nazionale avendo guidato l'Under 20 italiana.

 

Nonostante possiamo vantare tre giocatori Nba del calibro di Belinelli, Bargnani e Gallinari, il successore di Recalcati, chiunque esso sia, non avrà comunque un compito così facile: il Charlie, è bene ricordarlo, nella sua esperienza azzurra ha portato a casa un argento olimpico e un bronzo europeo. Mica briciole.

 

:itscool

 

 

ALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

OH OOHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

ALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

OH OOOOHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

:sbav :sbav :sbav :ave :ave :ave :ahah :ahah wtf wtf wtf

 

 

Charlie, grazie di tutto

per l'argento alle Olimpiadi, il terzo posto agli europei, la sconfitta degli Stati Uniti

grazie di tutto.

 

Ma ad un certo punto bisogna rendersi conto di avere superato i limiti del tempo ed è ora

di ANNASSENE A FANCULO!!!!!!!

Link to post
Share on other sites
Si volta pagina. Carlo Recalcati, dopo 8 anni alla guida della Nazionale di basket, sarà sostituito. La decisione, all'attuale ct italiano, è stata comunicata dal presidente della Fip Dino Meneghin. Il tecnico ha un contratto fino al settembre 2010 e ancora non è stato deciso se sarà rispettato l'accordo (in tal caso Recalcati ricoprirebbe un altro ruolo) oppure se il ct sarà liberato. Una volta risolta queste magagna, verrà scelto il sostituto.

 

Per il dopo Recalcati, la rosa dei candidati tra cui scegliere non è poi così ampia. La Fip sembra voglia puntare su un allenatore italiano: si era parlato di Mike D'Antoni, che italiano non è ma è come se lo fosse visto che nel nostro Paese ha giocato (Olimpia Milano), ha allenato (Milano e Treviso) e ha pure vinto, e molto. L'italo-americano è però impegnato in Nba con i New York Knicks (dove gioca Gallinari). Per questo motivo un suo arrivo sembra pressoché impossibile.

 

Se tra i papabili escludiamo anche Ettore Messina - che quest'anno allena in Spagna (Real Madrid) dove ai tecnici è precluso il part time -, rimangono con tutta probabilità solo due nomi nella lista di Dino Meneghin: Simone Pianigiani, il coach della Montepaschi Siena che da tre anni domina in Italia, e Pino Sacripanti (attualmente a Caserta), che a differenza degli altri conosce già l'ambiente della Nazionale avendo guidato l'Under 20 italiana.

 

Nonostante possiamo vantare tre giocatori Nba del calibro di Belinelli, Bargnani e Gallinari, il successore di Recalcati, chiunque esso sia, non avrà comunque un compito così facile: il Charlie, è bene ricordarlo, nella sua esperienza azzurra ha portato a casa un argento olimpico e un bronzo europeo. Mica briciole.

 

:itscool

 

Ma.... notizia ufficiale???? :ehhhhhhhh :ehhhhhhhh :ehhhhhhhh

Se si, potrei Caressizarmi e urlare "abbracciamoci forte e vogliamoci tanto bbbbene!! (o come cazzo era che diceva)" :ahah :ahah

 

Grazie Feel, mi hai reso la giornata migliore, ho letto solo ora... se poi mi dai anche l'indiscrezione che stanno per spesare pure Bucchi, potrei organizzare un party per festeggiare l'evento, pur non essendo assolutamente il tipo da party :asd

Zio caro, la riconoscenza è un valore importante, ma quando si trasforma in taffazzismo, non va un cazzo bene.

Recalcati, fanculo di cuore... wtf wtf yes

Link to post
Share on other sites

Dopo aver letto la notizia di Recalcati, giuro che sono venuto. Che stia finalmente cambiando qualcosa?

 

Su Milano, boh, son sempre discorsi uguali e ripetitivi.

Purtroppo, gestione nuova o gestione vecchia, la solfa è sempre la stessa; si cambia squadra ogni fottutissimo anno.

Lo scorso anno, da febbraio in poi, avevamo iniziato a compattarci; non eravamo fortissimi, ma giocavamo DA SQUADRA, insieme. Taylor è cresciuto e ha fatto un ottimo finale di stagione, poi Marconato ha chiuso il cerchio per l'infortunio di Sow.

Più scarsi di Siena (PALESE) ma più squadra rispetto all'inizio dell'anno. Era questo l'obiettivo e lo abbiamo raggiunto, giocando una serie Finale al massimo delle nostre possibilità.

 

L'estate come sempre rovina tutto. Via Sow, via Sangarè, via Katelynas, via Price, via Thomas, via Hawkins.

Ora, quest'ultimo ci sta, perchè l'ha scelto lui e quindi come suo cambio abbiamo preso Maciulis, di fatto. Ok, mi sta bene. Mi sta bene anche Petravicius al posto di Taylor perchè quest'ultimo ha chiesto un'enormità economicamente parlando.

E come ha detto Brando, sti due lituani sono buoni buoni, se solo Bucchi riuscisse a valorizzarli quel minimo per farli esplodere.

 

Il fatto che mi fa girare i coglioni è che a parte il trio di VECCHI Bulleri-Mordente-Rocca, abbiamo mandato tutti via (Mike Hall a parte, che però con queste nuove rotazioni è chiaramente sfruttato meno). E questa è un'assurdità.

 

Siamo, come OGNI FOTTUTISSIMO ANNO un ammasso di talento messo lì in campo, che però non è organizzato a dovere. I giocatori si pestano i piedi, si annullanno tra di loro, rendono meno di quanto potrebbero rendere. Mancinelli ed Hall non possono essere compatibili ovviamente e dividere i minuti di ala tra questi due dà un risultato totalmente negativo.

Finley è un ottimo playmaker, deve solo ambientarsi e gli si deve dar fiducia. Sangarè sarebbe stato un cambio perfetto al posto di pippa-Bulleri.

Acker ha talento, visione di gioco, atletismo, corsa, tiro, ball-handing. E' un SIGNOR giocatore, deve solo trovar la forma; ma come farà ad esplodere se deve dividere tiri con Finley, Buller, Maciulis (sempre e solo usato come tiratore, e qui Brando ha ancora ragione), Hall, Mancinelli, Mordente etc etc etc?

Giocatori così si devono responsabilizzare, in modo che rendano a dovere.

 

La squadra è costruita con tanto talento, ma molto male. Molto molto male.

Via Bulleri, via Mordente, via Rocca, via Mancinelli o Hall. Tutti giocatori o bolliti, oppure che per quanto validi (anche se Hall è di una pochezza offensiva imbarazzante e lo è sempre stato, ma vabbè) non possono servire ad una squadra per fare una bella stagione.

Link to post
Share on other sites

Sul ragionamento dello zoccolo duro concordo, però davi devi considerare che la partenza di hawkins ha scombussolato tutto.

Senza il falco avevamo meno punti nelle mani ed ovviamente abbiamo cercato di distribuire in modo diverso le responsabilità: ora a parte questo, sinceramente non potevi continuare con thomas da 2 ttiolare, giocatore monodimensionale e su price dopo gli orridi playoff(causa familiare) si è deciso di non rischiare. Per me con finley e acker si è fato un deciso upgrade. Per il resto, io capisco confermare hall dopo la stagione dell'anno scorso, mancinelli è stata un'occasione ce quando ti capita a quei prezzi devi cogliere al volo (ora sinceramente come talento è molto meglio di kate) mentre bulleri hanno provato a mandarlo via fino alla morte tanto è che hanno provato anche a sondare poeta ma senza frutti purtroppo e ora dobbiamo tenere bulleri fino fine contratto (2010).

Io più che con la squadra costruita e quindi con la dirigenza, me la preno per adesso ma ancora gli voglio dare tempo con bucchi che ha le sue fisse tipo:

petra non lo utilizza per quello che è

non c'è un 4 vero e in europa si soffre

è impossibile che mancio debba essere utilizzato solo come cambio di hall, perchè vale più di 10-12 min a sera.

 

Ora come ora sarei per dire che serve un allenatore che sfrutti il potenziale, ma diamogli tempo a bucchi, alla fine sono 7-10 nuovi di squadra, fermo restando che ho sempre pensato che con lui non si possa vincere.

Link to post
Share on other sites
Si volta pagina. Carlo Recalcati, dopo 8 anni alla guida della Nazionale di basket, sarà sostituito. La decisione, all'attuale ct italiano, è stata comunicata dal presidente della Fip Dino Meneghin. Il tecnico ha un contratto fino al settembre 2010 e ancora non è stato deciso se sarà rispettato l'accordo (in tal caso Recalcati ricoprirebbe un altro ruolo) oppure se il ct sarà liberato. Una volta risolta queste magagna, verrà scelto il sostituto.

 

Per il dopo Recalcati, la rosa dei candidati tra cui scegliere non è poi così ampia. La Fip sembra voglia puntare su un allenatore italiano: si era parlato di Mike D'Antoni, che italiano non è ma è come se lo fosse visto che nel nostro Paese ha giocato (Olimpia Milano), ha allenato (Milano e Treviso) e ha pure vinto, e molto. L'italo-americano è però impegnato in Nba con i New York Knicks (dove gioca Gallinari). Per questo motivo un suo arrivo sembra pressoché impossibile.

 

Se tra i papabili escludiamo anche Ettore Messina - che quest'anno allena in Spagna (Real Madrid) dove ai tecnici è precluso il part time -, rimangono con tutta probabilità solo due nomi nella lista di Dino Meneghin: Simone Pianigiani, il coach della Montepaschi Siena che da tre anni domina in Italia, e Pino Sacripanti (attualmente a Caserta), che a differenza degli altri conosce già l'ambiente della Nazionale avendo guidato l'Under 20 italiana.

 

Nonostante possiamo vantare tre giocatori Nba del calibro di Belinelli, Bargnani e Gallinari, il successore di Recalcati, chiunque esso sia, non avrà comunque un compito così facile: il Charlie, è bene ricordarlo, nella sua esperienza azzurra ha portato a casa un argento olimpico e un bronzo europeo. Mica briciole.

 

:itscool

 

Ma.... notizia ufficiale???? :ehhhhhhhh :ehhhhhhhh :ehhhhhhhh

Se si, potrei Caressizarmi e urlare "abbracciamoci forte e vogliamoci tanto bbbbene!! (o come cazzo era che diceva)" :ahah :ahah

 

Grazie Feel, mi hai reso la giornata migliore, ho letto solo ora... se poi mi dai anche l'indiscrezione che stanno per spesare pure Bucchi, potrei organizzare un party per festeggiare l'evento, pur non essendo assolutamente il tipo da party :asd

Zio caro, la riconoscenza è un valore importante, ma quando si trasforma in taffazzismo, non va un cazzo bene.

Recalcati, fanculo di cuore... wtf wtf yes

 

 

:asd

ci hanno messo di meno a liberarci dai tedeschi cazzo

Link to post
Share on other sites
è la scelta più giusta...

ma da fortitudino,non dimenticherò mai recalcati,l'uomo del primo scudetto :sbrilluccico

 

 

Ci mancherebbe,sempre nel cuore il vecchio Charlie,pero avrebbe dovuto farsi da parte molto prima.

Ah,Gianf,un appunto.Quando posti i risultati della F,mi fa specie vedere anche i risultati delle nostre "avversarie".Mi sento un pò come i gobbi quand'erano in B.

Per non dire che mi fa male.Quindi evita wtf :asd

Link to post
Share on other sites
è la scelta più giusta...

ma da fortitudino,non dimenticherò mai recalcati,l'uomo del primo scudetto :sbrilluccico

 

 

Ci mancherebbe,sempre nel cuore il vecchio Charlie,pero avrebbe dovuto farsi da parte molto prima.

Ah,Gianf,un appunto.Quando posti i risultati della F,mi fa specie vedere anche i risultati delle nostre "avversarie".Mi sento un pò come i gobbi quand'erano in B.

Per non dire che mi fa male.Quindi evita wtf :asd

agli ordini capo :loL2

sempre a testa alta,dai,se tutto va bene,in 2 anni siam in a1,se non si fallisce fc4

Link to post
Share on other sites

 

:asd

ci hanno messo di meno a liberarci dai tedeschi cazzo

 

Molto meno, se ci pensi c'hanno messo la metà o un terzo del tempo gli americani... :vedolestelle

 

Mo vediamo quanto ci mettono a liberare noi milanesi Ajiani di Bucchi. Zio porco, non si può vedere il modo col quale giochiamo a basket, anche a Caserta abbiamo dimostrato tutto tranne che di essere una squadra. Difendiamo in una maniera irritante - ultima azione :chetristezza -, ci portiamo dietro i soliti difetti dei finali buttati e le partite regalate a destra e manca, sulla perfetta falsariga dello scorso anno. Che significato ha l'aver rivoluzionato una squadra che tutto sommato aveva ingranato, senza aver cacciato il principale responsabile della gestione tecnica? Mandi via tutti e non l'allenatore?

Non capisco, evito battutacce da bar, ma questa inspiegabile immunità di cui gode Bucchi da quasi un anno, non è normale.

Per il resto, Dio salvi Mancinelli, è l'unico a farmi esaltare (recuperi, Stoppate, schiacciate, difesa, no look, entrate reverse) e divertire.. :sbrilluccico

Link to post
Share on other sites
Si volta pagina. Carlo Recalcati, dopo 8 anni alla guida della Nazionale di basket, sarà sostituito. La decisione, all'attuale ct italiano, è stata comunicata dal presidente della Fip Dino Meneghin. Il tecnico ha un contratto fino al settembre 2010 e ancora non è stato deciso se sarà rispettato l'accordo (in tal caso Recalcati ricoprirebbe un altro ruolo) oppure se il ct sarà liberato. Una volta risolta queste magagna, verrà scelto il sostituto.

 

Per il dopo Recalcati, la rosa dei candidati tra cui scegliere non è poi così ampia. La Fip sembra voglia puntare su un allenatore italiano: si era parlato di Mike D'Antoni, che italiano non è ma è come se lo fosse visto che nel nostro Paese ha giocato (Olimpia Milano), ha allenato (Milano e Treviso) e ha pure vinto, e molto. L'italo-americano è però impegnato in Nba con i New York Knicks (dove gioca Gallinari). Per questo motivo un suo arrivo sembra pressoché impossibile.

 

Se tra i papabili escludiamo anche Ettore Messina - che quest'anno allena in Spagna (Real Madrid) dove ai tecnici è precluso il part time -, rimangono con tutta probabilità solo due nomi nella lista di Dino Meneghin: Simone Pianigiani, il coach della Montepaschi Siena che da tre anni domina in Italia, e Pino Sacripanti (attualmente a Caserta), che a differenza degli altri conosce già l'ambiente della Nazionale avendo guidato l'Under 20 italiana.

 

Nonostante possiamo vantare tre giocatori Nba del calibro di Belinelli, Bargnani e Gallinari, il successore di Recalcati, chiunque esso sia, non avrà comunque un compito così facile: il Charlie, è bene ricordarlo, nella sua esperienza azzurra ha portato a casa un argento olimpico e un bronzo europeo. Mica briciole.

 

:itscool

 

 

ALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

OH OOHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

ALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

OH OOOOHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

:sbav :sbav :sbav :ave :ave :ave :ahah :ahah wtf wtf wtf

 

 

Charlie, grazie di tutto

per l'argento alle Olimpiadi, il terzo posto agli europei, la sconfitta degli Stati Uniti

grazie di tutto.

 

Ma ad un certo punto bisogna rendersi conto di avere superato i limiti del tempo ed è ora

di ANNASSENE A FANCULO!!!!!!!

 

weps come non quotarti!! :asd:ilsaggio

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • 2 weeks later...

E la mia Varese vince a Treviso! Che cuori ragazzi, che gran cuore! :love :love :sbrilluccico:sbrilluccico

Menzione d'onore per Jobey, 27 d'autore, e per Niccolò, che ogni partita che passa mostra sempre più maturità per un ragazzo della sua esperienza. Ah certo che il professore a 37 anni spiega ancora pallacanestro nella metà offensiva a tutto il mondo :inchino :inchino

Link to post
Share on other sites

Più vedo questo Jennings e meno capisco il modo in cui è stato gestito l'anno scorso...sono quasi avvelenato, pur non essendo tifoso Virtus.

Abbiamo perso un'occasione tutti

 

Che si dice nell'ambiente?

Link to post
Share on other sites

ci sono due correnti, quelli più equilibrati che ti dicono che è stata sprecata un'occasione, il ragazzo è stato gestito molto male e l'80% della colpa è della virtus roma.

 

poi ci sono i tifosi medi del basket italiano ed europeo, quelli che la nba fa schifo. secondo i quali a leggerli se ci andiamo io e te li facciamo pure noi 10 punti a partita. che lì non si difende, vuoi mettere il veleno che c'è in una gara qui di campionato etc etc? questi non li sto manco a sentire, visto che pare che per jennings è più facile perchè lì non ci sono i vari mordente, soragna...

 

il mio punto di vista è che il ragazzo poteva essere strautile, ma anche di più, già lo scorso anno, perchè parto dal presupposto che non abbia certo imparato in tre mesi questa estate a giocare.

qui entra in scena la situazione romana: bodiroga serbo gm ha un debole per i giocatori di talento, lo vede e se ne innamora, lo prende; repesa coach croato è come tutti gli slavi molto pragmatico, e anche un pizzico antiamericano, sostenitore del fatto che nessn giocatore americano possa essere più utile di uno europeo in questo contesto, e inizia una bella guerra con bodiroga, che peraltro rovina tutta la stagione romana.

 

i fatti: repesa dà a jennings le chiavi della squadra in precampionato, bj risponde alla grande, 20 di media, partite tutte vinte o quasi mi pare, dimostra di essere clamorosamente già pronto, e si vede in modo cristallino che è di un'altra categoria, ve lo garantisco. inizia il campionato: jaaber titolare, jennings messo a giocare 10 minuti a partita, al primo errore panchina punitiva, quando entra sta più attento sul non sbagliare che a giocare a basket, perde fiducia (vedere percentuali). roma vince le prime 4, bodiroga si lamenta cmq dello scarso impiego di bj, arriva siena, scontro al vertice, la mossa di repesa (che, opinione personale, muore dalla voglia di passare alla "storia" quello che non faceva giocare un presunto fenomeno nba) è mettere jennings in quintetto contro la corazzata e mcintyre. si perde di 20, repesa può dire: ve lo avevo detto...jennigns vede il campo sempre meno, con lui pure ray, l'altro talento usa voluto da bodiroga, roma perde 5 partite in fila, repesa se ne va.

arriva gentile, cresciuto con coach slavi, uno che fa parte della seconda corrente elencata sopra, dimenticandosi di aver avuto la fortuna di essere allenato da chi gli ha dato la squadra in mano a 16 anni in serie a visto il suo talento enorme. gentile ha un grosso difetto: è incapace, non sa allenare, figuriamoci gestire giocatori. si comporta così con bj: entra, una cosa buona, uno sbaglio, panchina. non entri più. jennings credo riesca a giocare anche meno che con repesa, perde ancora di più fiducia. in questo va detto che si comporta da grande professionista, mai una parola fuori posto,sempre ad allenarsi, etc. arrivano i playoff, gentile lo tiene sempre fuori dai 12 per far giocare douglas, del quale vi invito per chi ne ha voglia a vedere minuti, percentuali e cifre complessive della sua avventura romana. risultato: roma esce ai quarti con biella. per molti jennings è un fenomeno da baraccone, uno che non sa giocare, etc etc.

 

il resto è storia.

 

all'inizio ero, e sono tuttora, contento per come sta andando in nba, perchè l'ho sempre difeso e sapevo che avrebbe fatto strabene, perchè si vedeva ad occhio nudo che era di un altro livello. ora però inizio a rosicare proprio tanto che mi hanno privato dell'opportunità di vedere una gemma del genere.

 

 

scusatemi la lunghezza, a chi interessava ha un quadro chiaro. a chi interessa meno legge le prime due righe. a chi non interessa in caso non lo legga. baci

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.