Jump to content

rambis

Club Showtime
  • Content Count

    1,181
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

rambis last won the day on April 22

rambis had the most liked content!

Community Reputation

155 Neutral

About rambis

  • Rank
    Club Showtime

Contact Methods

  • Skype
    work_carlo
  • Twitter:
    @carlorambis

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/05/05/extracomunitari-subito-tutti-in-campo.html Una squadra era "costruita male" (nel senso che, potendone usare 3, comprarne di più e buoni era un errore) con 11 extracomunitari (a giudicare da wikipedia) L'altra ne aveva 5 (di cui uno solo buono e gli altri strapanchinari con una ventina di presenze totali in due anni!) Improvvisamente (a 6 giornate dalla fine) si decide che era ingiusto il limite. Strafarlocco!
  2. Io ti dico che gli errori di valutazione degli arbitri in campo ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Decidere a tavolino di ignorare i passaporti falsi, di cambiare le regole a favore di questa o quella squadra, di ignorare le telefonate di questa o quella squadra, rende quelle tre decisioni assolutamente ingiuste e quei tre scudetti farlocchi. Su calciopoli ognuno ha le sue idee, vuoi davvero riaprire il discorso? Quello che dico a proposito di quegli scudetti (ed ora del VAR) è che, avendo tutto il tempo di prendere la decisione giusta, il fatto di prendere quella sbagliata è imperdonabile e sintomatico di chi deteneva il potere in federazione (al contrario di quello che si sostiene).
  3. No. ora non ricordo come fossero le rose, ma se una squadra, avendo già "n Maradona", decide di acquisire "papin" invece di "zico" perché sa che non lo avrebbe potuto schierare, capisci che modificare le regole è quanto di più sleale e scorretto possa essere fatto. tanto più che non c'era nessuna reale esigenza urgente di intervenire in quel momento. Il paragone con l'attuale campionato poi è ridicolo. ovvio che questo è un torneo anomalo, ma ci sono esigenze mooooooooolto particolari e non c'erano molte alternative. i 5 cambi poi possono anche essere visti al contrario di come qualcuno (e tu stesso) li dipinge. proprio perché la Juve ha una rosa più ampia, potrebbe permettersi di "spremere" in una partita I titolari ed in quella dopo le riserve. invece coi 5 cambi, la Lazio può far rifiatare 5 titolari quando la partita è già Indirizzata. (questo non è ciò che penso, ma se uno fa discorsi faziosi, io rispondo con discorsi faziosi) i due campionati in cui han fatto finta di non vedere i passaporti falsi ed in cui han cambiato la regola sugli stranieri sono i più farlocchi della storia del calcio italiano (a cui si aggiunge quello di cartone dato al terzo classificato)
  4. No, mai detto questo. ma se le regole del campionato prevedevano la possibilità di schierare n extracomunitari, non vedo perché dovessero essere modificate a metà del girone di ritorno o giù di lì. ma tanto chi ne approfittò (e spinse x le modifiche) erano squadre colorate, quindi "TUTTO REGOLARE"
  5. far finta che non ci fossero passaporti falsi e che anzi le società fossero danneggiate dagli stessi? o permettere (a campionato in corso) di schierare giocatori che non potevano essere in campo contemporaneamente? questi non contano, non sono valutazioni prese in decimi di secondo, ma sono decisioni prese in tutta tranquillità.
  6. rambis

    News dal mondo

    immagino non sia semplice fare una statistica realistica. ad esempio alcune nazionalità possono essere più presenti in alcuni luoghi più pericolosi e quindi "prendendo nel mucchio" è più probabile rapire loro. oppure ci possono essere nazionalità preferite per motivi simbolici (ad esempio americani). poi ci sono tanti missionari rapiti, di varie nazionalità, ma certamente non rapiti perchè italiani, colombiani o albanesi. inoltre non sempre la finalità di un rapimento può essere il denaro. o il denaro può arrivare anche per vie traverse. oppure potrebbero esserci trattative che non riguardano il denaro (ad esempio in questo caso sarebbe intervenuta la turchia perchè è una nazione che investe molto in quelle zone e quindi i suoi "desideri" hanno un certo peso.
  7. rambis

    News dal mondo

    Questa mi pare una sciocchezza enorme. Se io sono antiabortista, sono libero di esporre le mie idee a condizione di non commettere reati. Altrimenti fino al 1978 tutti i politici/partiti/giornali che erano favorevoli, sarebbero dovuti essere ridotti al silenzio. E non è che i vari partiti politici/partiti/giornali pro-aborto non abbiano presi i loro bei soldoni nel frattempo che le loro campagne contro le leggi italiane portarono al loro cambiamento.
  8. rambis

    News dal mondo

    Mi indichi dove nella relazione del cts è spiegata la differenza tra spiagge e lungomare? e la differenza tra sputazzarsi addosso in spiaggia o sul lungomare? il virus è più contagioso se si hanno i piedi poggiati su granelli di silicio e quarzo? Quello che contesto non è la chiusura delle spiagge, ma la contemporanea apertura di pinete (e "navigli"). Se è pericolosa una cosa, lo è anche l'altra. Se chiudi una cosa, devi chiudere anche l'altra o viceversa. Non è difendibile chi prende decisioni opposte per due condizioni oggettivamente simili. In Tv oggi vedevo un servizio su san benedetto del tronto dove c'era gente passeggiare (distanziati) sul lungomare e nella spiaggia a pochi metri di distanza (immagino consentito da una qualche ordinanza). metti due pattuglie a muoversi avanti e indietro e risolvi il problema, così come ai navigli metti una pattuglia a piedi ed elimini gli "assembramenti".
  9. rambis

    News dal mondo

    "e' una scelta" non è una spiegazione, qualsiasi cosa è una scelta, ma una scelta viene fatta in base a delle motivazioni che, se sbagliate ne fanno una scelta sbagliata. per giudicare se una scelta è giusta o sbagliata vanno valutate le motivazioni...ed in questo caso le ritengo sbagliate o, perlomeno, incoerenti. dire che non sono in grado ci controllarle è una spiegazione, ma allora non si spiega per quale motivo aprire i parchi (e le pinete) dove, in mezzo agli alberi ed ai sentieri, risulta molto più difficile che in spiaggia tenere sotto controllo la situazione. sempre atteggiamento schizofrenico rimane. dire, come ha fatto mone, che la spiaggia la puoi chiudere ed i marciapiedi no, non mi sembra neanche quello un motivo... proprio per la questione già detta dei parchi, che anche quelli possono essere chiusi (come le spiagge e che più delle spiagge sono difficilmente controllabili). che poi se il controllo garantito nei marciapiedi è quello dei navigli, tanto vale lasciare l'accesso anche alle spiagge.
  10. rambis

    News dal mondo

    continui a non rispondere che differenza c'e' tra un marciapiede lungomare (vuoto/affollato) e una spiaggia (vuota/affollata)? io alle tua osservazioni ed a quelle degli altri ho sempre risposto esaurientemente (perchè i cani..., chi controlla..., come controlla... ecc) la foto di cui sopra dimostra che gli imbecilli/incoscienti si possono "assembrare" sul marciapiede tanto quanto in spiaggia. Li multi quando si "assembrano", non vieti a prescindere una cosa non rischiosa autorizzando contemporaneamente una cosa assolutamente sovrapponibile, perchè tali decisioni sono legittime se vietano tutti i comportamenti simili. Se vieti due cose sostanzialmente identiche, sicuramente hai commesso un errore per una delle due.
  11. rambis

    News dal mondo

    guarda che se vanno li e li multano tutti, per me non ci sono problemi. anzi, per me possono anche arrestarli e denunciarli penalmente qualora ce ne fossero di "contagiati sintomatici". mi infastidirebbe essere multato perchè vado da solo a camminare in una spiaggia vuota. comunque continui a non rispondere. guarda che se vanno li e li multano tutti, per me non ci sono problemi. anzi, per me possono anche arrestarli e denunciarli penalmente qualora ce ne fossero di "contagiati sintomatici". mi infastidirebbe essere multato perchè vado da solo a camminare in una spiaggia vuota. comunque continui a non rispondere. e non è che lungo i marciapiedi ci siano 2 persone debitamente distanziate, quindi continua ad essere ridicola la distinzione marciapiede/spiaggia
  12. rambis

    News dal mondo

    Non mi metto a cercare dove viene indicata tale decisione (immagino non sia nel decreto, ma sarà in faq, interpretazioni, indicazioni o altro). In ogni caso la tua osservazione è corretta, ma la controbatto subito.... e controllare che non ci siano assembramenti in pineta o in un bosco è più facile che farlo in una spiaggia? perchè anche in pineta si possono fare pic nic e feste tra amici molto più al sicuro dai controlli che, con una pattuglia, è possibile fare facilmente in spiaggia. qui sopra ho messo una foto della pineta di milano marittima... per te è controllabile cosa succede li dentro? Se siamo bravi in città, nei condomini o nei centri commerciali, perchè non dovremmo esserlo in spiaggia? ------------------- post successivo unito in automatico ---------------------- mentre slavoricchiavo al PC e scrivevo il post qui sopra, ascoltavo Mamoli ospite dai verdastri. per chi vuole ascoltare parlare di basket c'e' la prima ora, per questo topic c'e' la sua opinione sul governo intorno a 1h 2m e se la storia della fidanzata è un paradosso (parziale), le critiche al governo sono serie
  13. rambis

    News dal mondo

    Questa è la pineta di milano marittima... (foto appena postata su facebook con la presente didascalia: Le aree verdi di Cervia e Milano Marittima sono tornate fruibili) correre qui (probabilmente incrociandosi con altri corridori) non è rischioso, farlo in una spiaggia (senza ombrelloni) larga 300 metri invece è pericolosissimo. Che poi è solo per una questione di principio, perchè io in realtà son sempre andato a correre in pineta e non in spiaggia...
  14. rambis

    News dal mondo

    Per te è uguale far cagare e pisciare i cani in spiaggia o su un marciapiede? Magari in un posto ci si va scalzi ed è più difficile pulire bene? Magari in un posto ci si siede o sdraia? Comunque non hai risposto, cosa che invece ho fatto io. Tra le passeggiate sul lungomare e quelle sulla spiaggia che differenza di rischio c'e'? Sul fatto dello stato di emergenza, non tirare fuori cose che sai benissimo essere "false". Quello stato di emergenza non aveva comportato nessun intervento serio del governo, tanto è vero che la proclamazione (fatta solo sulla carta) venne usata contro al governo stesso accusandolo di aver seminascosto il pericolo. Tanto è vero che quella proclamazione è di un mese antecedente qualche provvedimento seriamente restrittivo. Tanto è vero che vennero giocate partite a porte aperte, come la famosa Atalanta Valencia, o quelle di mezzo campionato fino al weekend del 1 marzo. Cacchio che emergenza seria.... il governo aveva scritto a fine gennaio un documento, quindi non ha sottovalutato nulla, anzi, ha chiuso tutto, ma senza farlo sapere a nessuno. Ci furono chiusure limitate alle "zone rosse" e che in teoria duravano pochi giorni (vedi discussione su Juve/Inter domenica a porte chiuse o lunedi a porte aperte) in fondo dal 31 gennaio al 6 marzo è il tempo minimo indispensabile per poter riordinare un attimo le idee in una situazione emergenziale.
  15. rambis

    News dal mondo

    Andare a cercare oggi le dichiarazioni del governo nei momenti iniziali della crisi è molto complesso, lo zingaretti a fare aperitivi, gli esperti in tv a parlare di influenza, le chiusure imposte da roma che non arrivavano (vedi calcio, dove pretendevano che fosse la FIGC a prendere la decisione), le quarantene vietate per chi arrivava dalla cina con la soluzione che pareva essere semplicemente il controllo della temperatura. Son tutte cose avvenute, ma difficili da ricostruire (velocemente) a posteriori. quando qua sopra si inveiva contro il "paziente 0" che avrebbe infettato decine di persone andando a cena, a giocare a calcetto e a fare una maratona; io dicevo infatti che lui si era comportato come suggerito dal governo... non aveva sintomi e quindi si era adeguato alle indicazioni ufficiali. qua a cervia l'8 marzo quella deficiente dell'assessore all'istruzione che organizza la festa in piazza (ma ad un metro di distanza).
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.