Jump to content

D-GenerationLakers

Redazione
  • Content Count

    44,818
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    159

Everything posted by D-GenerationLakers

  1. Su Pogba non c'entra niente il mio aggancio di Manchester (che comunque è sponda City)... Me ne ha parlato all'indomani della festa di addio di Barzagli post Juve-Atalanta un invitato al party dicendomi che ci avrebbero provato seriamente..
  2. Pogba può seriamente tornare questa volta. Non lo escluderei, anzi dico che è molto probabile.
  3. Indubbiamente. L'obiettivo è fare lo stadio (con annesso business park) o meglio partire con la prima pietra e poi, probabilmente, sedersi ed ascoltare le eventuali proposte di acquisto per il pacchetto completo. Sta iniziando la nona. Però sinceramente cambia poco, ad oggi i titoli sono sempre zeru cit. , le ricostruzioni da zero 0 (primo anno; post ZZ e finale di coppa Italia; ed il 2019-20) sono 3 e le prospettive di vincere qualcosa (sia chiaro ben venga una Coppa Italia) sono praticamente prossime allo zero ed oggi in tv Baldissoni, con un linguaggio perfetto, in una circostanza di zero contraddittorio mi deve parlare del Liverpool americano che ha vinto la Champions paragonandolo alla Roma. Peccato che nessuno potesse quantomeno fargli notare che hanno vinto con un gol di Salah e le parate di Alisson. Sono arrivati ad essere finti tanto quanto, se non più, di Rosella Sensi che organizzava finte presentazioni dello stadio con la sua cerchia di giornalisti "amici" pur di provare a tenersi ancora la Roma.
  4. Ma quello che mi fa preoccupare non è CHI abbia preso alcune decisioni, ma le decisioni stesse. Sono sconcertato dal fatto che ci sia stato qualcuno, in società, che dopo questi 9 anni abbia pure lontanamente pensato di potersi presentare con De Zerbi o Sinisa; che, dopo quest'annata ridicola, abbiano pensato che una presenza come quella di Daniele non dovesse servire per aiutare a ripartire; che un vicepresidente oggi mi abbia parlato di "risultati positivi" ed "investimenti importanti" quando, nel loro corso societario, la Lazio di Lotito ha vinto 2 Coppa Italia ed una supercoppa. Ma davvero, ma stiamo scherzando? In 9 anni abbiamo avuti 3 anni zero: il primo, quello post finale persa e questo. Ed oggi l'"ambiente" (quello a cui sono accollate le difficoltà della Roma) è spaccato tra neo radical chic baldiniani e novelli gladiatori tottiani, si continua a vedere il dito e non la luna ovvero che il famoso e pluricitato core business di questa gestione non è vincere.
  5. Pigiamì in realtà ha detto tantissime cose che la maggior parte dei tifosi in buona fede condivide. Il problema è che Pallotta e Baldini, con il loro comportamento, stanno riuscendo a far passare dalla parte della ragione tantissimi che in questi 8 anni gli hanno dato contro per partito preso. Assurdo.
  6. E' lo stesso che era seduto di fianco a De Rossi nel giorno della conferenza stampa. Quello che manco sa che si chiama "AS Roma", che ha parlato di azienda e di "Roma calcio". Una persona preparatissima, il degno rappresentante di una società fantastica.
  7. su Mahrez, è stato pagato oltre 65 milioni dal City. L'anno prima, cioè quando la Roma era interessata seriamente a prenderlo, ne chiedevano 48/50, con l'offerta nostra ferma a 37/40. Si sarebbe potuta chiudere con un pò di buona volontà su, non c'era una distanza di 50 milioni. Peraltro la trattativa fu ammessa dallo stesso Leicester; su Conte, che ci avesse parlato l'aveva ammesso ad aprile eh. Tant'è che lo stesso Conte, sputtanando la Roma su "la gazzetta dello sport" ti parla di "mancanza di condizioni" ed "assenza di un progetto vincente" nella Roma. su Ranieri l'ha scelto lui, cosa detta anche da Ranieri ed ha inasprito la lotta di potere tra Londra e Roma, cosa riportata da tutti a marzo; sul discorso Totti/DDR: ma dobbiamo fare l'analisi logica delle frasi dette da una persona che probabilmente manco ha fatto la terza media ? Piuttosto stiamo veramente a discutere la conoscenza dell'ambiente Roma di Francesco o Daniele, rispetto ad uno che sta a Boston, ad uno che sta a Londra o alle "spie" tipo Ed Lippie ? Ma che davvero ? sulla stagione prossima: ma la Roma, se dovesse andar male, fallirà per un'ora e venti di intervista o perchè cederà i suoi due migliori giocatori Kostas ed Edin, affidandosi alle ennesime scommesse tipo Fonseca in panchina (che mi auguro sia bravissimo, per carità) o ad una rosa di giovani promesse che non sanno cos'è Roma e cos'è la Roma ? Ma stiamo a dì sul serio ?
  8. la trattativa per Conte è stata ammessa dal diretto interessato. In realtà non si sono accordati sul progetto, non sullo stipendio. Ziyech aveva l'accordo economico con la Roma (con un contratto inferiore ai 4.5 netti l'anno che prende Pastore, costato oltre 20 milioni: FOLLIA! ), è mancato quello con l'Ajax scottato dall'affare Kluivert. Quindi direi di sì. Così come l'anno prima poteva arrivare a Mahrez, offrendo qualcosina in più. E lo scorso anno a Malcolm. Il problema è che chi ha preso le decisioni ha combinato un disastro. Il primo anno ha sostituito Salah, dopo aver cercato Mahrez, con Schick. Il secondo dopo aver cercato Zyech, ha preso Pastore (per giocare nel 433 di Di Fra) e dopo aver perso Malcolm in aeroporto, ha preso Nzonzi. Lasciamo perdere
  9. A prescindere da quanto detto ieri (che chiaramente corrisponde ad una versione "di parte", cioè la sua), a posteriori può benissimo dirsi che le decisioni prese, Ranieri, provate a prendere, Conte o Ziyech erano sicuramente più giuste rispetto a quelle poi adottate dalla Roma. Mi piacerebbe conoscere la versione dei fatti di Pallotta e Baldini, ma il primo, a differenza di Totti, non entra a Trigoria dal giugno 2018 ed il secondo, invece, dalla finale di Coppa Italia persa contro la Lazio. In sostanza Totti vivendo a Trigoria ogni giorno ha una percezione fantasiosa della realtà. Pallotta, che viene a Roma si e no 3 giorni l'anno e parla con uno che non ci viene da 3 anni, sa esattamente come stanno le cose e ha la situazione sotto controllo. Ma stiamo scherzando ?
  10. Non se ne sa molto. Fa, da sempre, tantissima beneficenza lontano dai riflettori, quindi direi che non mi sorprenderebbe.
  11. Perdonami, ma perché Pallotta e Baldini godono ancora di un minimo di credito ? Cioè te lo chiedo perché io non riesco a darglielo, pur avendolo fatto in passato e pur essendo stati io e te in passato su posizioni diametralmente opposte ovvero io più filo societario e tu no. Chiedo. Sono indifendibili.
  12. Si. La Roma, in questo caso. Intesa non come pallotta.
  13. E' normale, è laziale. Intanto la campagna abbonamenti sta facendo numeri migliori rispetto allo scorso anno. Nonostante tutto e nonostante tutti. Il tifoso della Roma è troppo innamorato della Roma per farle del male. Statene pur certi che avranno, almeno allo stadio, il solito appoggio. Altroché.
  14. Ti provo a rispondere punto per punto: location: Malagò è uno dei suoi migliori amici ed ha offerto la sala del CONI (che peraltro a quanto mi risulta è affittabile per questo tipo di eventi a pagamento). Era impensabile potesse farla a Trigoria; giornalisti proni: ce n'erano almeno 5,6 (ai quali peraltro è stato concesso GIUSTAMENTE di fare domande) che sono molto vicini alla società, penso a Matteo Pinci e soprattutto ad Austini che è la voce di Baldissoni; su Conte: l'ha contattato in quanto amico, Pallotta della gestione sportiva non sa nulla. Quindi non c'è alcuna contraddizione; su Ranieri: la scelta di Claudio è stata motivo di screzi tra l'ala romana della Roma e quella londinese che si è sentita "sopraffatta" da Totti (questa vicenda era un grosso segreto di Pulcinella ed era vicenda arcinota); trasparenza-tifosi: negli anni frasi si sono susseguite frasi tipo "faremo della Roma la regina d'Europa" oppure "diamo appuntamento ai tifosi al circo Massimo a giugno" o "questa è la mia Roma più forte" etc. o frasi tipo "Salah è voluto andar altrove per guadagnare di più" (così come Benatia, Alisson, Pjanic), dunque direi che la chiarezza è troppe volte mancate; sul discorso deromanizzazione: e' fin troppo evidente ed è un appunto che, seppur esposto male ed in maniera eccessivamente semplicistica da Totti, anche io ho fatto negli anni a Pallotta che, in diverse situazioni, si è mostrato fin troppo concettualmente "distante" dal tifoso della Roma ovverosia da chi nella sua storia ha vinto poco, anzi niente, ma ha visto sempre in campo ed in società una serie di valori imprescindibili incarnati da giocatori, dirigenti, staff e società tutta. E' un discorso molto più ampio e complesso e che, per come la vedo io, prescinde dall'allontanamento di Totti e De Rossi, parte dalla data di nascita, prosegue con l'acronimo ASR, passa per i colori della maglia, il "fuckin idiots" etc. etc.; sul suo ritiro dal calcio giocato: ha torto, così come lo ha avuto nel rapporto con Spalletti nell'ultimo anno e mezzo da calciatore, ciononostante comprendo umanamente il discorso del campione che fatica ad accettare il tempo che passa e la fine della sua vita sportiva; su De Rossi e la Roma: è stato molto chiaro, ha sostanzialmente detto che da amico ha consigliato a settembre Daniele dicendogli che a suo parere la Roma non avrebbe offerto un anno di contratto come fatto con lui, che dire? I fatti gli hanno dato ragione; sulla spaccatura: c'è e potrà, forse, essere sanata da uno scudetto (cosa al momento meno probabile di Kawhi ai Lakers...). Le fazioni a Roma sono sempre esistite: c'erano ai tempi di Viola (il miglior presidente della storia giallorossa), figuriamoci se non ci sono adesso in un ambiente che negli ultimi 8 anni ha salutato due pilastri, perso una Coppa Italia in finale contro la Lazio, subito cessioni dolorose, balle, salutato 4 direttori sportivi, una serie infinita di allenatori etc. La cosa peggiore è che i fatti hanno dato ragione a chi, sin dall'arrivo degli americani, ha attaccato la società in quanto ha visto drasticamente ridursi i suoi privilegi; sul titolo in borsa: sinceramente, in questo momento, non me ne può fregar di meno. Comunque ha chiuso a +1.50 circa.
  15. Totti ha confermato quanto si sapeva già. Almeno personalmente non mi aspettavo affermazioni tanto diverse. Questa società ha finito il suo tempo a Roma. E lo dice chi li ha sempre appoggiati e di certo non si può definire un "tottista".
  16. Sanè, a quanto ne so, potrebbe essere un possibile nome in uscita a Manchester. Però chiedono parecchio.
  17. Però su Guardiola non mi avete dato retta... quantomeno ho un altro anno di regali da Manchester.
  18. Non ho notizie in merito, ma non credo che Kostas venga al Napoli.
  19. Sai perché non è un discorso che tiene questo: perché se domani arrivasse il Totthenam, come pare ed offrisse un'ottantina di milioni per Zaniolo, lo venderebbero tranquillamente. E chi ti parla non lo considera un fenomeno, anzi un giocatore che ha beneficiato di un momento devastante dal punto di vista tecnico-tattico emergendo, soprattuto grazie alla sua prestanza fisica, nel nulla cosmico splinteriano. I due Pellegrini non sono pezzi sui quali, personalmente, ricostruirei. In realtà di anni 0 ce ne sono stati almeno già altri 2 nei 9 anni pallottiani. Eppure, ciclicamente, hanno raccontato la bugia del mercenario di turno che voleva andare a guadagnare di più o dell'offerta irrinunciabile o del tutti sono sostituibili e nessuno è necessario. Sinceramente non ce la faccio a credere che una squadra che, due anni fa, aveva tra gli altri Alisson (25), Manolas (26), Emerson (23), Radja (29), Dzeko (31), Salah (25), Strootman (27), Florenzi (26), Paredes (23), sia per l'ennesima volta all'anno zero. Il resto sono chiacchiere, quelle che piacciono tanto a Pallotta e ad i suoi starnazzatori di corte.
  20. Ma io ci esco da sta mentalità eh. Ho massacrato Totti nel suo ultimo anno per le pressioni che inflitto a Spalletti e Dzeko, per l'intervista al tg1 e per quella serie infinita di parole dette a mezza bocca, o peggio non dette, che hanno lacerato la sua ultima stagione. Ti invito a rileggere i post. Ciononostante non potrei mai essere felice nel vederlo lontano dalla Roma con al suo posto uno che si è ripresentato nel 2011 dicendo frasi tipo "non so perché sono tornato", "Totti è pigro" etc. (mi riferisco a Baldini) o un altro che va in conferenza stampa da CEO della Roma, per salutare De Rossi e mi parla in quel contesto di "l'azienda". Su De Rossi, davvero, non ha mai creato problemi. L'unico con il quale si è scontrato o meglio che lo ha attaccato è stato sempre e solo Zeman, che l'ha provato a mettere da parte per far giocare un giocatore di serie B. Quest'anno Nzonzi, pagato 30 milioni da quel demente spagnolo, è stato praticamente sempre impresentabile ed ha fatto passare De Rossi per un centrocampista dinamico. A me va benissimo che siano sostituiti, ma per vincere, come dici tu, non serve la mentalità mia, ma gente forte. Il resto sono chiacchiere forumistiche o da bar.
  21. Sei tu che non capisci che Totti/De Rossi = la Roma. Però penso che nel twitter as roma, scientemente allevato da Baldini per il tramite degli Austini di questo mondo, potresti essere un idolo delle folle.
  22. Hanno aiutato i fenomeni di Nzonzi e Cristante invece. Sta di fatto che finché De Rossi è stato a disposizione la Roma quest'anno si è salvata (nonostante Splinter). Con il suo infortunio è naufragata. Con un ginocchio di meno è stato ancora il miglior centrocampista della squadra.
  23. Gradirei commento di @keitaro su Millie Bobby Brown.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.