Jump to content

Bistecca

Members
  • Content Count

    14,419
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    48

Bistecca last won the day on June 5

Bistecca had the most liked content!

Community Reputation

1,536 Retired Jersey

About Bistecca

  • Rank
    All Star

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Heze Ma che risposta è? Quintana in quelli che per età avrebbero dovuto essere i suoi anni migliori ha avuto un involuzione che l'hanno portato in salita ad andare anche più piano di quando entrò tra i professionisti. Se questo non è un caso atipico dimmi tu. Quanto a Bernal non è al momento il più forte in salita come alcuni pronosticavano alla vigilia, però ha sempre 22 anni ed a questa età nel ciclismo moderno non ricordo tanti corridori in grado di giocarsi la leadership di un Tour, quindi le cose giuste soppesarle anche tenendo conto di questo aspetto seppur è risaputo che i corridori che arrivano dal Sudamerica tendono ad avere meno margini di miglioramento una volta affacciatesi a certi livelli.
  2. Tour davvero incerto. Pinot si sta dimostrando il migliore in salita però vediamo quale verdetto emetterà la terza settimana considerando che lo stesso Pinot non è mai stato l'emblema della continuità sulle 3 settimane. Il team Ineos è sempre l'unico che ha 2 carte da giocarsi. Alaphilippe si dimostra finalmente umano rapportato a quelle che sono le sue caratteristiche, in teoria dovrebbe andare in calando sempre di più ma giusto continuare a non scommettere contro il suo grande carattere. Bene anche Kruijswijk ai suoi livelli migliori post caduta sul colle dell'Agnello del Giro 2016, anche lui è lì ed ha pure la squadra più forte in montagna assieme al team Ineos.
  3. Ironia a parte a me dispiace vedere un Quintana che addirittura non riesce a tenere le ruote di questo gruppo di fuggitivi. Sulle Alpi al Tour 2015 con quell'incredibile capacità di rilanciare la bici in salita fu davvero lo scalatore che più avvicinò i livelli di Pantani. La sua involuzione è davvero qualcosa d'inspiegabile oltre che anno dopo anno sempre più marcata.
  4. MasterPower Al Tour i ritmi in salita sono sempre alti, specie nelle prime tappe di montagna. Proprio perché hanno tenuto un ritmo così alto anche a causa della tappa corta mi sarei aspettato nel finale maggiori distacchi tra i primi, invece eccetto chi è andato in crisi gli altri sono arrivati tutti vicini proprio perché nessuno aveva le gambe per fare la differenza e lo si è visto anche quando verso i -2 hanno rallentato davanti. Quanto a Nibali la sua regolarità nelle tre settimane in un Tour così livellato verso il basso avrebbe pagato eccome. Ma se vogliamo prendere un altro riferimento uno come Froome avrebbe avuto vita facile contro questi avversari(tipo il Tour che vinse nel 2016).
  5. Francesi in estasi. Vincenzo quest'anno ha scelto la corsa a tappe sbagliata, visto il livello(causa assenze) anche quello del Giro avrebbe avuto eccome le sue possibilità contro questi avversari. Ribadisco, livello basso. Nulla toglie a quello che sta facendo Alaphilippe, qualcosa di inimmaginabile.
  6. Come a LPDB stanno facendo il gioco per esaltare lo stile di un Alaphilippe, evidentemente le gambe sono quelle che sono e anche il livello generale.
  7. I Movistar tirano alla morte e Quintana si stacca lol
  8. Heze Nella crono decisiva del Giro 2017 Pinot si prese 13" da Quintana. Zelk Sono d'accordo nel dire che in montagna tutto può cambiare, resta il fatto che i segnali da parte dello scalatore colombiano sono tutt'altro che incoraggianti. Alla fine era una cronometro in cui anche chi non è specialista aveva il terreno per limitare i danni. Comunque come già detto questa super prova di Alaphilippe serve a mettere pepe alla corsa considerando che il team Ineos dovrà recuperare anziché come poteva essere da pronostico limitarsi a gestire la corsa in salita. Anche il trio Kruijswijk, Uran, Pinot avrà tutto l'interesse a movimentare i tapponi di montagna, mentre se stiamo alla speranza dei Movistar con Quintana loro riferimento temo che al solito pazienteremo invani.
  9. Zelk Insomma...ha fatto meglio Aru anche se di soli 2", ma ha anche preso circa un minuto da Pinot.
  10. LAC Almeno rende la corsa molto più interessante e non un possibile monologo del team Ineos che a questo punto dovrà usare una strategia più aggressiva per tastare il limiti del francese in giallo. Comunque i francesi penso che stiano sognando ad occhi aperti perché stavolta rischiano seriamente di aver trovato il corridore in grado di spezzare una maledizione trentennale. Io da Alaphilippe vista la grande condizione mi sarei aspettato una buona tenuta anche sulle grandi salite ma non una simile prestazione a cronometro per quanto quest'ultima oltre che corta non è che fosse proprio da specialisti puri. Però insomma, 15 secondi dati a Thomas non ci avrei scommesso un singolo euro.
  11. Ma questo Alaphilippe che in giallo le suona a tutti a cronometro? Addirittura 15 secondi di vantaggio su G.Thomas in questa prova, Bernal sprofonda a oltre 1'30". Bene Kruijswijk, Uran e Pinot, anche se la performance stratosferica del francese cambia ogni prospettiva per chiunque. Ormai addentrarsi in pronostici è assolutamente tempo perso, questo considerando che rischiano di giocarsi il Tour un corridore che per tutta la sua carriera ha fatto da gregario salvo scoprirsi corridore in grado di vincere il Tour scollinati abbondantemente i 30 anni, e un corridore che finora era stato uno specialista delle classiche di un giorno più dure. Comunque tempo addietro si paragonava Alaphilippe a un J.Rodriguez per queste sue doti di grande esplosività su salite brevi/strappi. Lo spagnolo a conti fatti fu anche un discreto uomo da GT ma mai nella vita poteva sognarsi di vincere una cronometro suo vero tallone d'achille. A questo punto se il francese dovesse tenere pure nei tapponi di montagna e quindi le tre settimane qualcuno avrebbe davvero il coraggio di sorprendersi? Ne stiamo vedendo di ogni. PS Male Quintana ma non è una novità. Corridore involuto in un modo inquietante in quella che in teoria dovrebbe essere la sua fase prime(ammesso e non concesso che abbia veramente 29 anni).
  12. Niente ha perso 7-6 6-3 ma per l'ennesima volta Sinner ha dimostrato il suo potenziale. Negli scambi è stato superiore al suo avversario, la vera differenza l'ha fatta il servizio di cui quello dello sloveno al momento molto più efficace. Comunque mi è piaciuto anche a livello nervoso visto che nel primo set lo ha brekkato sotto 5-4 e nel secondo sotto 5-2 e 0-30 ha avuto addirittura la forza di andare 5-3 più palla break in un momento in cui l'inerzia sembrava tutta del suo avversario. Avversario che come detto in telecronaca non ha mai perso un colpo nell'arco del match restando sempre sul pezzo(a differenza di Sousa nel turno precedente) e questo non fa altro che dare ulteriormente prova della solidità mentale di Jannik. Potenzialmente abbiamo davvero un giovane capace di darci grandi soddisfazioni in futuro, poi tra il diventare un campione o "solo" un ottimo tennista al solito saranno i piccoli dettagli nel suo sviluppo a fare la differenza. Visto che qui i vari Alevin e Shooter lo hanno accostato per caratteristiche a un Murray io già ora ci metterei la firma affinché diventasse un giocatore del livello dello scozzese di qualche anno fa, ma sinceramente mi accontenterei anche di un livello Del Potro/Wawrinka. PS Ho visto anche qualche video di Musetti attuale numero 1 a livello juniores nonchè finalista agli Us Open Jr 2018 e vincitore degli Australia Open di categoria lo scorso gennaio. Molto diverso da Sinner sia per struttura fisica che per stile di gioco, diciamo che Musetti ha più varianti nel suo gioco anche se complessivamente non può trasmettere la stessa solidità di Sinner, avrebbe anche un anno in meno. Comunque è sicuramente l'altro talento del nostro tennis che vale la pena seguire tra gli u20, giocatore che saggiamente dopo aver raggiunto la prima posizione tra gli Jr ha preferito concentrarsi esclusivamente sul mondo pro dov'è già attorno alla posizione numero 350 se non ricordo male.
  13. Tie-break dominato dallo sloveno ma resta lo stesso un grande set giocato dal giovane tennista azzurro. Adesso vediamo se riesce a tenere a livello nervoso nel secondo dopo un primo set infinito.
  14. Break, daje, che giocatore che giocata che scambio che forza.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.