Jump to content

No Concept

Members
  • Content Count

    5,441
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    11

No Concept last won the day on September 13 2016

No Concept had the most liked content!

Community Reputation

660 All-Star

About No Concept

  • Rank
    The Mad Man with a Box
  • Birthday 03/06/1986

Profile Information

  • Location:
    Cjargne (cjase), Udine (lavoro)
  • Interests
    Lakers, Bruce Springsteen, Pink Floyd, tastiere elettroniche, Doctor Who, le leggi di Maxwell
  • Fan since:
    Nick van Exel (simpatizzante), 1st Threepeat (tifoso)

Recent Profile Visitors

10,907 profile views
  1. Ecco, mi piacerebbe vedere dei dati del genere...fonte?
  2. Capisco, tutto giusto. Ma senza dati non si possono trarre conclusioni, né in un senso né nell'altro (e anche con i dati bisogna fare attenzione a possibili bias).
  3. Visto che le opinioni sono come le palle (ognuno ha le sue) ma i fatti hanno sempre ragione, qualcuno ha evidenze che il nostro governo abbia pagato più spesso di altri riscatti per rapimenti internazionali? E se si, ci sono evidenze di una maggiore propensione al rapimento di italiani a causa di questa "debolezza"? Non rispondetemi "è logico" o "la vita vale più dei soldi", non mi interessa. Mi interessa se ci sono dati a supporto di questa tesi spesso usata.
  4. Lettura molto interessante, grazie.
  5. @rambis c'è un presupposto sbagliato nel tuo ragionamento: consideri solo i rischi ma non i benefici dei provvedimenti. Qual è il rischio di una passeggiata in spiaggia? Medio basso? (considera che a a Rimini o Riccione potrebbe facilmente diventare causa di assembramenti). Il beneficio? Sinceramente basso, nel senso che se aspetti una settimana o due cambia poco. Rischio mezzi pubblici? Alto. Ma la necessità è pure alta visto che ci sono 4-5 M di persone che tornano al lavoro per non far ulteriormente soffrire il tessuto economico. Poi ovviamente ci sono un sacco di incongruenze, errori etc. Ma non mi pare sia semplice come la fai tu. P.s. Fedriga e Zaia sono della Lega e stanno aprendo più di quanto permesso da Conte, e nessuno si è lamentato. La Santelli per tempistiche e modalità dell'annuncio ha pisciato fuori dal vaso e le ha sentite. Ci vuole responsabilità nel fare le cose.
  6. Grazie. Ho guardato in giro e con quelle caratteristiche l'unico simile è il Google Pixel 4, che però costa almeno 100 euro di più. Giusto per torgliermi il dubbio, qualcuno ha o ha provato il Pixel 4?
  7. Anche perché c'è una concreta possibilità che le regioni dove il contagio è stato blando diventino grossi focolai perché non ci può essere neanche lontanamente l'immunità di gregge, che in Lombardia potrebbe essere parzialmente raggiunta (sempre che esista, visto che non è scientificamente sicuro al momento).
  8. Vorrei prendere un nuovo smartphone, dopo 5 anni di onorato servizio di un LG G3. Non sono particolarmente aggiornato sugli ultimi modelli, quindi vorrei qualche consiglio. Caratteristiche: - no Apple (ce l'ho come cellulare aziendale e non fa per me); - budget 400 €, quindi non ultimissimi modelli (posso salire di qualcosa se ne vale davvero la pena); - piuttosto che l'ultima tecnologia preferirei qualcosa di robusto (tendo a tenere uno smartphone almeno 4-5 anni); - non ho particolari requisiti su telecamere; - una buona qualità dello schermo mi interessa visto che lo uso abbastanza per leggere e video (no gaming). Grazie anticipatamente!
  9. Nel frattempo questo articolo di Dataroom punta una luce diversa sul tema: https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/morti-covid-tutte-bugie-dell-europa-ecco-dati-reali/1c28ca00-88b3-11ea-96e3-c7b28bb4a705-va.shtml Sembrerebbe che ci siano paesi come Olanda e UK che sottostimano i morti molto più degli altri. Con il risultato che i dati italiani e spagnoli sembrano molto meno outlier così. Purtroppo mancano i dati di Austria, Germania e Svizzera che sarebbero interessanti.
  10. La simulazione dei vari scenari della fase due fatta dal CTS e oggi "dal sen sfuggita" va proprio in quella direzione. Intendo sia il contenuto della simulazione sia il fatto che sia pubblica 🙂
  11. Il punto però è che gli altri paesi non stanno facendo più tamponi di noi. Forse li fanno "meglio" (anche se non lo sappiamo, non ci sono dati al riguardo) o forse, avendo un contagio più "diffuso" (cosa tutta da dimostrare, soprattutto nelle regioni del Sud) noi dovremmo farne di più. Ma ho sempre più l'impressione (senza dati a supporto, sia chiaro) che la vera chiave sia la gestione degli operatori e delle strutture sanitarie. Perché sono quelle le vere bombe atomiche, se non sono sotto controllo.
  12. Certo, ma vale anche per i tanto acclamati paesi esteri. L'unico dato che abbiamo è il numero di tamponi e non sposa la teoria. Questo è anedottico, tanto quanto l'anedotto che un mio collega in GermanIa ha aspettato una settimana il tampone. Senza dati non possiamo basarci su questo. Questo è esattamente il problema che vorrei tirare fuori. Perché ho come l'impressione che la cosa più importante sia la corretta gestione delle strutture sanitarie. Allora non confrontiamo niente, neanche il Molise o la Campania con la Lombardia.
  13. Ho sentito solo le domande finali e mi sono cadute le braccia. Ma seriamente una domanda sul calcio? 😫
  14. Si vede che non sei mai stato in una birreria dopo lavoro. E comunque il discorso può (forse) valere per la vita familiare, ma quella lavorativa no (le mense, i tram, gli uffici, le linee di assemblaggio sono quelli). Comincio a pensare che il vero problema risieda nella gestione delle strutture sanitarie (case di riposo in primis).
  15. Secondo me non può essere solo un problema di tamponi. Anche nelle regioni dove il numero di tamponi è altissimo la mortalità è più alta di regioni simili estere. Esempio: Friuli ha fatto in media quasi 50 tamponi ogni mille persone (quasi il 40% più della media italiana). Mortalità è attualmente al 9% (circa 260 morti su 2900 casi accertati). Confronto: vicina Austria 15000 casi, circa 500 morti (3% mortalità) ma il numero di tamponi è anche più basso della media italiana (24 ogni mille persone). Per aggiungere un paio di dati: - in Tirolo il coronavirus è arrivato dall'Italia, ma in altre regioni austriache no (tipo Carinzia e Stiria); - le restrizioni in Austria sono partite in parallelo all'Italia, ma sono state meno stringenti; - se dovessi restringere il confronto alla Carinzia (non ho dati) per confrontare mele con mele penso che sarebbe ancora peggio. Considera che in Austria ci sono regioni con altissima densità come Vienna e Graz che possono falsare la media (con le dovute proporzioni, come la Lombardia da noi). Per me oltre ai test c'è altro, qualcosa che da noi non ha funzionato o che da loro ha funzionato meglio.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use & Privacy Policy.